Nettuno fotografato dal Cile con il nuovo sistema ottico MUSE

La qualità della nitidezza fotografica di Nettuno, elaborata dallo strumento MUSE, è superiore alle immagini fornite dal telescopio spaziale Hubble della NASA

Attraverso questo nuovo sistema, gli esperti sono riusciti a correggere la turbolenza dell'atmosfera di Nettuno a diverse altitudini, quindi sono stati in grado di catturare immagini molto più accurate di Nettuno, ammassi stellari e altri oggetti.

Il telescopio a lunga gittata dell'European Southern Observatory (ESO)(1) è riuscito a catturare dal Cile immagini estremamente precise di Nettuno, ammassi stellari e altri oggetti grazie a una nuova modalità ottica che corregge la turbolenza dell'atmosfera a diverse altitudini.

L'acquisizione di immagini è stata possibile con l'aiuto dello strumento pionieristico MUSE,(2) in grado di correggere gli effetti della turbolenza atmosferica fino a un chilometro sopra il telescopio con la modalità a campo ampio e con la tomografia laser a campo stretto che elimina la turbolenza stessa.

MUSE è uno spettrografo panoramico a campo integrale che opera nell'intervallo di lunghezze d'onda visibili. Combina un ampio campo visivo con la migliore risoluzione spaziale fornita dall'ottica adattiva e copre un'ampia gamma spettrale simultanea. MUSE associa il potenziale di scoperta di un dispositivo di imaging alle capacità di misurazione di uno spettrografo, sfruttando al tempo stesso la maggiore risoluzione spaziale fornita dall'ottica adattiva. Questo lo rende uno strumento unico e potente per scoprire oggetti che non possono essere trovati nei sondaggi di imaging.

La qualità della nitidezza fotografica dell'immagine di Nettuno, elaborata dallo strumento MUSE, è superiore alle immagini fornite dal telescopio spaziale Hubble della NASA. Grazie a queste capacità, il telescopio UT-4, che fa parte del telescopio a lungo raggio dell'ESO, consentirà agli astronomi di visualizzare, con estrema precisione, corpi celesti come: i buchi neri supermassicci, i jet lanciati da giovani stelle e supernove, ecc.

Fino ad ora la turbolenza dell'atmosfera era una sfida per l'acquisizione di immagini, perché faceva sì che le stelle si chiudessero a prima vista, causando un'immagine sfocata dell'universo. La topografia laser, tuttavia, con i suoi quattro laser luminosi, permette di proiettare nel cielo colonne di luce intensa che, combinate con il sistema di ottica adattativa, permettono di determinare la turbolenza atmosferica, compensare le sue deformazioni e correggere la luce distorta.

Riferimenti:

(1) European Southern Observatory

(2) A Multi Unit Spectroscopic Explorer - MUSE

Foto: WEB

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.