In Medio Oriente picchi di calore oltre i 70 gradi Celsius. Cosa sta succedendo?

In Medio Oriente picchi di calore oltre i 70 gradi CelsiusUna massiccia ondata di calore in Medio Oriente ha prodotto temperature quasi record questa settimana in Iraq e in Iran, con i due Paesi che hanno annunciato giorni di festa pubblici per proteggere le persone dal caldo.

Nella città di Bandar Mahshahr, in Iran, l’indice di calore - la temperatura percepita dagli uomini tenendo conto dell’umidità - ha raggiunto venerdì i 74 gradi Celsius, vicino a livelli di calore più alti mai registrati dall’indice, con il record di 81 gradi Celsius detenuto dalla città di Dhahran, in Arabia Saudita, temperatura registrata l’8 luglio 2003.

Nella vicina Iraq, la scorsa settimana l’indice di calore ha raggiunto livelli superiori ai 49 gradi Celsius, portando i funzionari pubblici a decretare quattro giorni di festa, in quanto le temperature sono troppo alte per riuscire a lavorare, come ha riportato il Telegraph. Le autorità pubbliche hanno invitato i cittadini a rimanere al riparo dal sole e bere molta acqua, mentre l’elettricità nazionale è diventata instabile a causa del caldo.

I 73 gradi Celsius sono stati registrati venerdì alle 16.30, ora locale, dagli esperti di meteorologia che hanno detto che il Paese sta affrontando un’ondata di calore con temperature urbane che sono tra le più alte mai sopportate dall’uomo. Il giorno prima, nella stessa città, il termometro ha fatto registrare la temperatura di 70 gradi Celsius.

“È stata una delle più incredibili osservazioni meteo che abbia mai visto, e una delle registrazioni estreme mai percepite nel mondo”, ha detto al Telegraph Anthony Saglia, un meteorologista di AccuWeather.

La città è vicina al Golfo Persico, nella zona a sud-ovest dell’Iran, dove le temperature dell’acqua hanno raggiunto livelli record. Le alte temperature dell’acqua hanno portato un’umidità soffocante nella regione, aggiungendosi al calore estremo della terra.

Le temperature vicine al record di sempre sono state raggiunte a causa di quella che viene chiamata una “cupola di calore”.

Gli esperti si attendono che la “cupola di calore” rimanga nell’area per ancora diversi giorni.

Autore: Eben Blake / Fonte: it.ibtimes.com