Polo nord senza ghiacci prima del 2050


Polo nord senza ghiacci prima del 2050

Un nuovo studio prevede che l'oceano artico in estate sarà, molto probabilmente, privo di ghiacci prima del 2050, almeno temporalmente.

L'oceano artico in estate sarà molto probabilmente privo di ghiacci prima del 2050, almeno temporalmente. Questi sono i risultati di un nuovo studio di ricerca che ha coinvolto 21 istituti di ricerca di tutto il mondo, coordinato da Dirk Notz dell'Università di Amburgo, in Germania.

Il team scientifico ha analizzato i recenti risultati provenienti da 40 diversi modelli climatici. Utilizzando questi modelli, i ricercatori hanno considerato la futura evoluzione della copertura del ghiaccio marino artico in uno scenario con elevate emissioni future di CO2 e scarsa protezione del clima.

Come previsto, il ghiaccio marino artico è scomparso rapidamente in estate in queste simulazioni. Tuttavia, il nuovo studio rileva che il ghiaccio marino artico estivo scompare anche occasionalmente se le emissioni di CO2 vengono rapidamente ridotte.

«Se riduciamo le emissioni globali in modo rapido e sostanziale e quindi manteniamo il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali, il ghiaccio marino artico scomparirà, probabilmente occasionalmente, in estate anche prima del 2050. Ciò ci ha davvero sorpresi», ha affermato il dottor Dirk Notz, (1) che guida il gruppo di ricerca sul ghiaccio marino all'Università di Amburgo, Germania.

Attualmente, il Polo Nord è coperto dal ghiaccio marino tutto l'anno. Ogni estate, l'area della copertura del ghiaccio marino diminuisce, in inverno ricresce. In risposta al riscaldamento globale in atto, l'area complessiva dell'Oceano Artico coperta dal ghiaccio marino è stata rapidamente ridotta negli ultimi decenni. Ciò influisce sostanzialmente sull'ecosistema e sul clima dell'Artico: la copertura di ghiaccio marino è un terreno di caccia e habitat per orsi polari e foche. Lo strato mantiene fresco l'Artico riflettendo la luce solare.

Lo studio, pubblicato su Geophysical Research Letters (2) suggerisce come la frequenza con cui l'Artico perderà la sua copertura di ghiaccio marino in futuro dipende in modo critico dalle future emissioni di CO2.

Se le emissioni verranno ridotte rapidamente, gli anni senza ghiaccio si verificheranno solo occasionalmente. Con emissioni più elevate, l'Oceano Artico diventerà privo di ghiaccio nella maggior parte degli anni. Quindi, le attività umane hanno ancora un impatto sulla frequenza con cui l'Artico perde la sua copertura di ghiaccio marino per tutto l'anno.

Dettagli tecnici: le simulazioni utilizzate in questo studio si basano sui cosiddetti scenari SSP (shared socio-economic pathways), che verranno utilizzati anche per il prossimo rapporto IPCC. Gli scenari SSP1-1.9 e SSP1-2.6 vengono utilizzati per simulare una rapida riduzione delle emissioni future di CO2, mentre lo scenario SSP5-8.5 viene utilizzato per simulare emissioni future di CO2 sostanzialmente invariate. Lo studio si basa su simulazioni della più recente generazione di modelli climatici, raccolti nell'ambito della Fase 6 (CMIP6) del Progetto Intercomparison di modello accoppiato.

Riferimenti:

(1) Dirk Notz

(2) Arctic Sea Ice in CMIP6

Descrizione foto: Orsi polari sul ghiaccio marino artico. - Credit: Dirk Notz.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: North pole soon to be ice free in summer

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.