Come si percepisce il proprio corpo


Come si percepisce il proprio corpo

Le persone considerano il proprio corpo più attraente se visto da una prospettiva in terza persona. Siamo i migliori a giudicare la nostra attrattiva?

Una nuova ricerca su Frontiers in Robotics and AI (1) mostra che dopo tutto potremmo non esserlo. I ricercatori del laboratorio Experimental Virtual Environments (EVENT) dell'Università di Barcellona hanno esaminato la differenza tra il modo in cui crediamo di apparire e il modo in cui consideriamo il nostro corpo da una prospettiva esterna.

Ciò che hanno scoperto gli studiosi è che le persone valutano il proprio corpo in modo più negativo quando sono incarnate in esso, rispetto alla visione del loro stesso corpo esatto tranne che come un estraneo. Quindi, come consideriamo esattamente il nostro corpo come un estraneo?

I ricercatori hanno deciso di rispondere a questo reclutando 11 uomini e 12 donne dell'Università di Barcellona. I partecipanti hanno compilato un questionario sui disturbi alimentari e uno sulla percezione della forma del corpo.

Il team ha utilizzato la realtà virtuale per creare tre corpi virtuali (avatar) per ciascun partecipante: uno basato su come i partecipanti hanno indicato le misurazioni del proprio corpo come immagine propria di esso, uno basato sulla loro forma corporea ideale e uno basato sulla loro misure del corpo reale. Una volta creati questi modelli di computer, i partecipanti sono stati immersi nella realtà virtuale per visualizzare questi tre avatar da due diverse prospettive: in prima persona (come vediamo i nostri corpi giorno per giorno) o in terza persona (come gli altri in pubblico ci vedrebbero ). È stato quindi chiesto di valutare l'attrattiva di ciascuno di questi corpi virtuali.

La dottoressa Solène Neyret (2), l'autrice principale dello studio, spiega: «i nostri risultati suggeriscono che un cambiamento di prospettiva ha influenzato la valutazione dell'attrattiva di un corpo virtuale. Per le donne partecipanti, quando lo stesso corpo virtuale è stato percepito da una prospettiva in terza persona, è stato valutato come più attraente rispetto a quando è stato percepito da un prospettiva in prima persona. È importante sottolineare che abbiamo anche osservato che la rappresentazione interna che le persone creano del proprio corpo è altamente imprecisa.»

I ricercatori hanno scoperto che le precedenti credenze degli individui sul “sé” potrebbero generare questo effetto e, di conseguenza, impedire alle persone di giudicare con precisione il loro vero aspetto. È interessante puntualizzare che il team scientifico ha anche notato che il “corpo ideale” descritto dai partecipanti aveva spesso attributi fisici simili tra loro. Ciò punta al predominio di una “forma corporea ideale” all'interno dell'ambiente culturale dello studio.

La realtà virtuale ha permesso ai ricercatori di offrire ai partecipanti una nuova prospettiva su se stessi, in un senso più che fisico. Il divario tra la realtà del modo in cui guardiamo e il modo in cui percepiamo le modalità in cui osserviamo può spesso essere alla radice di molti disturbi della percezione corporea e le tecniche qui descritte potrebbero avere applicazioni future per il trattamento.

La dottoressa Solène Neyret spiega: «mostrando il loro vero corpo alle nostre partecipanti femminili da una prospettiva in terza persona, è sembrato più attraente per loro rispetto a quando lo stesso corpo è stato visto da una prospettiva in prima persona. Crediamo che questo metodo possa essere particolarmente efficace per aumentare la soddisfazione del corpo in pazienti con disturbi alimentari. Questo metodo potrebbe aiutare i pazienti a capire la rappresentazione distorta che hanno del proprio corpo. Questa conoscenza potrebbe ri-orientare la loro attenzione alle caratteristiche reali della loro forma corporea in un modo più accurato e oggettivo, che non è influenzato dalle negative credenze precedenti che hanno su se stessi.»

Potendo vedere noi stessi come da una prospettiva esterna, potremmo imparare a ottenere una percezione più obiettiva dei nostri corpi e iniziare a vivere con un'immagine del corpo più sana e accurata.

Frontiers è una pluripremiata piattaforma di Open Science e principale editore accademico di Open Access. La nostra missione è rendere i risultati della ricerca apertamente disponibili al mondo, accelerando così l'innovazione scientifica e tecnologica, il progresso della società e la crescita economica. Forniamo agli scienziati soluzioni innovative di Open Science che migliorano radicalmente il modo in cui la scienza viene pubblicata, valutata e divulgata a ricercatori, innovatori e pubblico. L'accesso ai risultati e ai dati della ricerca è aperto, gratuito e personalizzato attraverso la tecnologia Internet, consentendo così soluzioni rapide alle sfide critiche che affrontiamo come umanità. Per ulteriori informazioni. (3)

Riferimenti:

(1) Which Body Would You Like to Have? The Impact of Embodied Perspective on Body Perception and Body Evaluation in Immersive Virtual Reality

(2) Solène Neyret

(3) Frontiers

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Mirror, mirror, on the wall

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.