I parassiti dei sushi sono aumentati di 283 volte



Un nuovo studio condotto dall'Università di Washington rileva preoccupanti aumenti nell'abbondanza di parassiti che possono essere trasmessi agli esseri umani che mangiano pesce crudo o poco cotto.

La diffusione del verme, calcolata a partire dagli anni '70 sino ad oggi, si è propagata di 283 volte. Il parassita potrebbe avere implicazioni per la salute dell'uomo e dei mammiferi marini, che entrambi possono inavvertitamente mangiarlo.

Migliaia di articoli hanno esaminato l'abbondanza di questo verme parassita, noto con il nome di worm Anisakis o “verme delle aringhe”, in luoghi particolari e in momenti particolari. Questo è il primo studio, pubblicato sulla rivista Global Change Biology, (1) che combina i risultati di quei documenti per indagare su come l'abbondanza globale di questi parassiti sia cambiata nel tempo.

La dottoressa Chelsea Wood, (2) assistente professore presso la UW School of Aquatic and Fishery Sciences, spiega: «questa ricerca sfrutta il potere di molti studi con lo scopo di fornire un quadro globale dei cambiamenti nel corso di un periodo di quasi quattro anni. Questa indagine è interessante perché fornisce indizi su come i rischi per l'uomo e i mammiferi marini cambiano nel tempo. Inoltre, è basilare per salvaguardare la salute pubblica e per capire cosa sta succedendo con le popolazioni di mammiferi marini.»

Nonostante il loro nome, gli worm Anisakis o “vermi delle aringhe” si possono trovare in una varietà di pesci marini e specie di calamari. Quando le persone mangiano questo verme vivo, il parassita può invadere la parete intestinale e causare sintomi che imitano quelli di intossicazione alimentare, come nausea, vomito e diarrea. Nella maggior parte dei casi, il verme muore dopo pochi giorni e i sintomi scompaiono. Questa malattia, chiamata anisakiasi o anisakidosi, viene diagnosticata raramente perché la maggior parte delle persone presume di aver subito un brutto caso di intossicazione alimentare, ha spiegato la dottoressa Chelsea Wood.

Dopo che i vermi si schiudono nell'oceano, prima infettano i piccoli crostacei, come i gamberi che vivono sul fondo o i copepodi. Quando i piccoli pesci mangiano i crostacei infetti, i vermi si trasferiscono nei loro corpi e la diffusione si espande visto che i pesci più grandi mangeranno i pesci infetti più piccoli.

Gli esseri umani e i mammiferi marini vengono infettati quando mangiano un pesce che contiene vermi. I vermi non possono riprodursi o vivere per più di qualche giorno nell'intestino umano, ma possono persistere e riprodursi nei mammiferi marini.

Gli specialisti di frutti di mare e chef di sushi sono ben addestrati a individuare i vermi nel pesce e raccoglierli prima che raggiungano i clienti in negozi di alimentari, mercati di frutti di mare o sushi bar, ha spiegato il dottor Wood. I vermi possono avere una lunghezza massima di 2 centimetri o circa le dimensioni di un nichel da 5 centesimi degli Stati Uniti.

Alcuni vermi possono superare questi passaggi di screening. Tuttavia, la dottoressa Chelsea Wood - che studia una serie di parassiti marini - ha detto che gli piace mangiare sushi regolarmente. Per i consumatori di sushi che rimangono preoccupati per questi vermi, consiglia di tagliare ogni pezzo a metà e cercare i vermi prima di mangiarlo.

Per l'analisi, gli autori dello studio hanno cercato nella letteratura pubblicata, archiviata online, tutte le menzioni dei worm Anisakis, nonché un altro worm parassita chiamato Pseudoterranova o “worm worm”. I ricercatori hanno ridotto gli studi in base a criteri stabiliti, alla fine mantenendo solo quegli studi che presentavano stime dell'abbondanza di ciascun verme nei pesci in un determinato momento. Mentre i worm Anisakis sono aumentati di 283 volte nel periodo di studio dal 1978 al 2015, i worm Pseudoterranova non sono cambiati in abbondanza.

La dottoressa Chelsea Wood, spiega: «sebbene i rischi per la salute di questi vermi marini siano piuttosto bassi per l'uomo, gli scienziati pensano che potrebbero avere un grande impatto su mammiferi marini come delfini, balene e foche. I vermi si riproducono effettivamente nell'intestino di questi animali e vengono rilasciati nell'oceano attraverso le feci dei mammiferi marini. Mentre gli scienziati non conoscono ancora gli impatti fisiologici di questi parassiti sui mammiferi marini, i vermi possono vivere nel corpo dei mammiferi per anni, il che potrebbe avere effetti dannosi. Una delle importanti implicazioni di questo studio è che ora sappiamo dell'esistenza di un enorme e crescente rischio per la salute dei mammiferi marini. Spesso non si ritiene che i parassiti possano essere la ragione per cui alcune popolazioni di mammiferi marini non riescono a riprendersi. Spero che questo studio incoraggi le persone a considerare i parassiti intestinali come un potenziale limite alla crescita della popolazione di mammiferi marini in via di estinzione e minacciati.»

Gli autori non sono sicuri di cosa abbia causato il grande aumento dei vermi Anisakis negli ultimi decenni. Essi ipotizzano e citano alcune cause che potrebbero aver innescato questo fenomeno, in particolare: i cambiamenti climatici; l'aumento di nutrienti da fertilizzanti; l'incremento delle popolazioni di mammiferi marini.

La dottoressa Chelsea Wood, asserisce: «i mammiferi marini sono protetti dal Marine Mammal Protection Act dal 1972. Questo ente ha permesso a molte popolazioni di foche, leoni marini, balene e delfini di crescere. Poiché i vermi si riproducono all'interno dei mammiferi marini - e la loro insorgenza si è verificata nello stesso periodo dell'aumento dei mammiferi - questa è l'ipotesi più plausibile. È possibile che il recupero di alcune popolazioni di mammiferi marini abbia permesso pure il recupero dei loro parassiti Anisakis. Quindi, l'aumento dei vermi parassiti in realtà potrebbe essere una buona cosa, un segno che l'ecosistema sta andando bene. Ma, ironicamente, se una popolazione di mammiferi marini aumenta in risposta alla protezione e i suoi parassiti Anisakis traggono profitto da tale aumento, potrebbe mettere altre popolazioni di mammiferi marini più vulnerabili a rischio di aumento delle infezioni e ciò potrebbe rendere ancora più difficile il recupero di queste popolazioni in pericolo.»

Altri co-autori sono Evan Fiorenza, che ha completato il lavoro come studente laureato UW; Catrin Wendt, uno studente laureato presso la UW School of Aquatic and Fishery Sciences; Katie Dobkowski del Bates College; Teri King of Washington Sea Grant; Marguerite Pappaioanou e Peter Rabinowitz del Dipartimento di Scienze della salute ambientale e occupazionale della UW School of Public Health; Jameal Samhouri del NOAA Northwest Fisheries Science Center.

Riferimenti:

(1) It’s a wormy world: Meta-analysis reveals several decades of change in the global abundance of the parasitic nematodes Anisakis spp. and Pseudoterranova spp. in marine fishes and invertebrates

(2) Chelsea Wood

Descrizione foto: la prevalenza di questi vermi anisakis è cresciuta notevolmente dagli anni '70. Questi vermi parassiti possono avere una lunghezza massima di 2 centimetri e si trovano nella carne di pesci crudi e poco cotti. - Credit: Togabi/Wikimedia Commons.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: ‘Sushi parasites’ have increased 283-fold in past 40 years

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.