Quasi un quarto della popolazione mondiale potrebbe essere obeso entro il 2045

Quasi un quarto della popolazione mondiale potrebbe essere obeso entro il 2045Se la tendenza attuale è confermata, quasi un quarto della popolazione mondiale sarà obeso entro il 2045, ha avvertito un gruppo di ricercatori che hanno presentato le loro conclusioni di recente al Congresso europeo sull'obesità a Vienna.

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che circa il 13% degli adulti (l'11% degli uomini e il 15% delle donne) era obeso nel 2016. Secondo le proiezioni dei ricercatori danesi e britannici, questa percentuale aumenterà del 22% nel 2045, se nel frattempo non cambierà nulla.

“Il corso delle cose può essere invertito, ma ciò richiede politiche coordinate e volontaristiche”, ha detto uno degli autori del lavoro, il dottor Alan Moses,(1) che lavora presso la danese Novo Nordisk.(2)

Questa proiezione nasconde disparità in base al Paese. Ad esempio, se si mantiene la tendenza attuale, più della metà (il 55%) degli abitanti degli Stati Uniti sarà obeso nel 2045, contro il 39% nel 2017, secondo gli autori di questi studi, che non sono ancora stati pubblicati in nessuna rivista medica.

Essi sostengono che l'aumento dell'obesità sarà accompagnato da un aumento dei casi di diabete di tipo 2, che andrà a influenzare il 9% della popolazione mondiale nel 2017 con un susseguente incremento del 12% nel 2045, cioè una persona su otto.

“Il costo per i sistemi sanitari sarà enorme”, ha asserito il dott. Moses.

L'obesità è un problema di salute pubblica globale. Secondo uno studio statunitense pubblicato nel 2017, la proporzione della popolazione obesa, che non ha smesso di crescere nel mondo dal 1980, è raddoppiata in 73 paesi. Ciò ha causato un aumento della mortalità a causa di malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tumori.

Sovrappeso e obesità sono misurati in base al Body Mass Index (BMI), prodotto della divisione del peso per altezza al quadrato. Per gli adulti, se questo supera 25 ci sarebbe un problema di sovrappeso e se supera i 30, l'obesità.

Entrambi sono legati al cibo e allo stile di vita. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) consiglia di limitare il consumo di lipidi e zuccheri e di svolgere un'attività fisica regolare.

Secondo gli autori degli studi, per stabilizzare i casi di diabete di tipo 2 nel mondo intorno al 10% nel 2045, si dovrebbe abbassare il tasso di obesità al 10% della popolazione mondiale.

“Ogni paese è diverso dal punto di vista genetico, sociale e ambientale, ed è per questo che non esiste una singola ricetta. Ogni paese deve privilegiare la strategia che meglio si adatta alle sue esigenze”, ha affermato il dott. Moses.

Uno studio pubblicato nell'aprile 2016 sulla rivista britannica The Lancet(3) ha già evidenziato che il 20% degli adulti in tutto il mondo potrebbe essere obeso entro il 2025.

Riferimenti:

(1) Novo Nordisk Appoints Alan C. Moses as Chief Medical Officer Worldwide

(2) Novo Nordisk

(3) The Lancet

Foto di pixabay.com

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.