Patologie cardiovascolari in Europa


Patologie cardiovascolari in Europa

I paesi a medio reddito sostengono la maggior parte della morbilità e della mortalità per patologie cardiovascolari (CVD) in Europa.

A confermare questa tendenza è un importante rapporto pubblicato sull'European Heart Journal, il giornale di punta della European Society of Cardiology (ESC). (1)

Il documento descrive in dettaglio l'onere della CVD nei 57 paesi membri dell'ESC, le infrastrutture e le risorse umane disponibili per il trattamento e le enormi differenze tra gli stati nell'accesso alle moderne diagnosi e terapie.

CVD (Cardio Vascular Disease) rimane la causa di morte più comune in Europa e nel mondo, rappresentando il 47% di tutti i decessi nelle donne e il 39% di tutti i decessi negli uomini nei paesi membri dell'ESC (Eurovision Song Contest). Negli ultimi 27 anni, c'è stato solo un modesto declino della CVD in Europa e in 11 paesi non c'è stato alcun calo. Allo stesso modo, l'incidenza dei principali componenti della malattia cardiovascolare (CVD), della malattia coronarica (arterie ristrette che riforniscono il cuore di sangue) e dell'ictus, hanno mostrato solo riduzioni minori.

Rispetto ai paesi ad alto reddito, i paesi a medio reddito hanno:

  • morte più prematura (prima dei 70 anni) a causa di CVD;
  • una percentuale maggiore di potenziali anni di vita persi a causa di CVD;
  • maggiore incidenza standardizzata per età e prevalenza di malattia coronarica e ictus;
  • tre volte più anni persi a causa di malattie cardiovascolari, disabilità o morte prematura.

Il professor Panos Vardas, (2) ex presidente dell'European Society of Cardiology (ESC) e attuale responsabile della strategia dell'Agenzia europea del cuore dell'ESC a Bruxelles, sostiene: “Le statistiche sottolineano la necessità di un'applicazione concertata delle politiche di prevenzione delle malattie cardiovascolari, in particolare nei paesi a medio reddito in cui la necessità è maggiore. I paesi a medio reddito non sono in grado di sostenere i costi dell'assistenza sanitaria contemporanea rispetto ai paesi ad alto reddito. I paesi a medio reddito lasciano i pazienti senza accesso alle moderne strutture cardiovascolari. La disponibilità di impianto della valvola transcatetere, tecniche complesse per il trattamento della malattia coronarica aterosclerotica e il trapianto di cuore variano enormemente.”

Le analisi secondo il sesso mostrano che rispetto alle donne, gli uomini hanno:

  • tassi di mortalità da malattia cardiovascolare (CVD) standardizzati più elevati per 100.000 persone nei paesi ad alto reddito (283 per le donne contro 410 per gli uomini) e nei paesi a medio reddito (790 per le donne contro 1.022 per gli uomini);
  • incidenza standardizzata per età superiore a 100.000 abitanti (132,0 per donne contro 235,9 per uomini) e prevalenza per 100.000 persone (1.895 per donne contro 2.665 per uomini) di malattia coronarica.
  • Incidenza più alta standardizzata in riferimento all'età per 100.000 persone (130,3 per donne contro 159,9 per uomini) e prevalenza per 100.000 persone (1.272 per donne contro 1.322 per uomini) di ictus;
  • Quasi il doppio degli anni persi a causa di malattie cardiovascolari, disabilità o morte prematura (3.219 contro 5.925 per 100.000 persone in donne e uomini, rispettivamente.

“La CVD è la causa più comune di morte prematura (prima dei 70 anni) negli uomini, mentre nelle donne la causa più comune è il cancro”, ha osservato il professor Adam Timmis, capo del gruppo di redazione del rapporto.

Altre statistiche degne di nota:

  • le malattie coronariche e l'ictus hanno rappresentato l'82% degli anni persi a causa di malattie cardiovascolari, disabilità o morte precoce;
  • Gli anni standardizzati per età persi a causa di malattie cardiovascolari, disabilità o morte precoce sono stati in forte calo negli ultimi 27 anni, con solo due paesi a medio reddito che hanno registrato un aumento.

Il professor Adam Timmis ha dichiarato: “La potenziale reversibilità dei fattori di rischio, tra cui ipertensione e colesterolo elevato, e comportamenti malsani come stili di vita sedentari e diete povere offrono un'enorme opportunità per affrontare le disuguaglianze sanitarie documentate in questo rapporto. È improbabile che l'obiettivo dell'OMS3 per una riduzione relativa del 25% della mortalità per CVD, cancro, diabete e malattie respiratorie croniche entro il 2025, con le modeste tendenze al ribasso delle malattie cardiovascolari (CVD) documentate in questo rapporto che nascondono aumenti allarmanti in mortalità in alcuni paesi membri.”

Riferimenti:

(1) European Society of Cardiology: Cardiovascular Disease Statistics 2019

(2) Panos Vardas

257 società cardiache nazionali sono membri istituzionali del CES

Organizzazione mondiale della sanità. Malattie non trasmissibili: campagna d'azione - raggiungimento degli obiettivi NCD

Organizzazione mondiale della sanità. Malattie non trasmissibili: campagna d'azione - raggiungimento degli obiettivi NCD

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Middle-income countries are hardest hit by cardiovascular disease in Europe

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.