Produrre materiali simili alla pelle dai funghi


Produrre materiali simili alla pelle dai funghi

I sostituti della pelle derivati dai funghi sono una classe emergente di tessuti eticamente e rispettosi dell'ambiente che sempre più soddisfano le aspettative estetiche e funzionali dei consumatori e conquistano il favore come alternativa alle pelli bovine e sintetiche.

Un team internazionale guidato dai chimici dei materiali Alexander Bismarck e Mitchell P. Jones dell'Università di Vienna ha dimostrato il notevole potenziale di questi tessuti sostenibili rinnovabili derivati da funghi.

La pelle tradizionale e le sue alternative sono tipicamente ottenute da animali e polimeri sintetici. La pelle può essere considerata un coprodotto della produzione di carne sia con l'allevamento che con il processo di produzione della pelle sempre più considerato eticamente discutibile e poco rispettoso dell'ambiente (es. Deforestazione per il pascolo, emissioni di gas serra, uso di sostanze pericolose nel processo di concia). La produzione di materiali in pelle sintetica da materie plastiche come il cloruro di polivinile (PVC) o il poliuretano (PU) dipende anche da sostanze chimiche derivate da combustibili fossili.

«È qui che entrano in gioco i materiali simili alla pelle provenienti dai funghi, che, in generale, sono CO2 neutri e biodegradabili alla fine della loro durata di vita», afferma Alexander Bismarck della Facoltà di Chimica dell'Università di Vienna, che detiene inoltre una cattedra in visita presso l'Imperial College di Londra.

Crescita del micelio fungino

I sostituti della pelle possono essere prodotti dai funghi riciclando sottoprodotti agricoli e forestali a basso costo (ad es. Segatura). Questi servono come materia prima per la crescita del micelio fungino, che costituisce una massa di strutture tubolari allungate e rappresenta la crescita vegetativa dei funghi filamentosi. Entro un paio di settimane, la biomassa fungina può essere raccolta e trattata fisicamente e chimicamente (ad esempio pressatura, reticolazione). "Di conseguenza, questi fogli di biomassa fungina sembrano pelle e mostrano materiali e proprietà tattili comparabili", afferma il capo dipartimento Alexander Bismarck. Le prime aziende biotecnologiche stanno già commercializzando materiali derivati da funghi.

I materiali sostitutivi della pelle derivati da funghi contengono tipicamente chitina completamente biodegradabile (che agisce come stabilizzante nel materiale) e altri polisaccaridi come i glucani. Nei loro studi, Alexander Bismarck (1) e Mitchell P. Jones (2) (ora affiliati alla Vienna University of Technology) hanno già condotto ricerche utilizzando specie fungine, come il fungo a bottone bianco A. bisporus e il fungo a staffa D. confragosa, per produrre carta e costruzioni simili a schiuma materiali per applicazioni, come l'isolamento.

Notevole potenziale come sostituto della pelle

In questo articolo di revisione, pubblicato su Nature Sustainability, (3) gli scienziati esaminano la sostenibilità delle pelli bovine e sintetiche e presentano una panoramica dei primi sviluppi e della commercializzazione dei sostituti della pelle derivati dai funghi. Secondo gli autori, una delle maggiori sfide nella produzione di materiali simili alla pelle derivati da funghi è ancora quella di ottenere stuoie di micelio omogenee e consistenti, «che mostrano una crescita uniforme e spessore, colore e proprietà meccaniche costanti».

Ad oggi, la produzione di questi materiali è stata guidata principalmente dallo spirito imprenditoriale. I funghi come materia prima per i sostituti della pelle forniscono un'alternativa economica, socialmente e rispettosa dell'ambiente alla pelle bovina e sintetica e sono di particolare interesse per i consumatori e le aziende attenti alla sostenibilità, nonché per la comunità vegana, scrivono i ricercatori. Secondo loro, «i progressi sostanziali in questa tecnologia e il numero crescente di aziende che producono alternative in pelle a base di biomassa fungina suggeriscono che questo nuovo materiale giocherà un ruolo considerevole nel futuro dei tessuti eticamente e rispettosi dell'ambiente».

Riferimenti:

(1) Alexander Bismarck

(2) Mitchell P. Jones

(3) Leather-like material biofabrication using fungi

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Producing leather-like materials from fungi

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.