Studiato il ricco ecosistema delle Galapagos


Studiato il ricco ecosistema delle Galapagos

Una nuova ricerca ha svelato il mistero di come le isole Galápagos, uno sperone roccioso e vulcanico, con solo modeste precipitazioni e vegetazione, siano in grado di sostenere i suoi habitat naturali unici.

L'arcipelago delle Galápagos, che sorge dall'Oceano Pacifico equatoriale orientale a circa 900 km dalla terraferma sudamericana, ospita un punto caldo biologico iconico e di importanza mondiale. Le isole sono rinomate per la loro ricchezza unica di specie endemiche, che ha ispirato la teoria dell'evoluzione di Charles Darwin e oggi è alla base di uno dei più grandi siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO e riserve marine sulla Terra. L'ecosistema regionale è sostenuto da eventi di risalita oceanica fortemente stagionali: ondate ascendenti di acque profonde fresche e ricche di nutrienti che alimentano la crescita del fitoplancton su cui prospera l'intero ecosistema. Tuttavia, nonostante il suo ruolo fondamentale di supporto vitale, i fattori di controllo del risveglio rimangono indeterminati.

Gli scienziati sanno da decenni che l'ecosistema regionale è sostenuto dalla risalita di acque profonde fresche e ricche di nutrienti, che alimentano la crescita del fitoplancton su cui prospera l'intero ecosistema.

Tuttavia, nonostante il suo ruolo fondamentale di supporto vitale, i fattori di controllo del risveglio erano rimasti indeterminati prima di questo nuovo studio. Stabilire questi controlli e la loro sensibilità al clima è fondamentale per valutare la resilienza dell'ecosistema regionale contro i cambiamenti climatici moderni.

In questa nuova ricerca, pubblicata su Nature Scientific Reports, (1) scienziati dell'Università di Southampton, del National Oceanography Center e dell'Universidad San Francisco di Quito in Ecuador hanno utilizzato un modello computerizzato realistico ad alta risoluzione per studiare la circolazione oceanica regionale intorno alle Isole Galápagos.

Questo modello ha mostrato che l'intensità della risalita intorno alle Galápagos è determinata dai venti locali verso nord, che generano una vigorosa turbolenza sui fronti dell'oceano superiore a ovest delle isole. Questi fronti sono aree di forti contrasti laterali nella temperatura dell'oceano, simili nel carattere ai fronti atmosferici nelle mappe meteorologiche, ma molto più piccoli.

La turbolenza spinge a risalire le acque profonde verso la superficie dell'oceano, fornendo così i nutrienti necessari per sostenere l'ecosistema delle Galapagos.

Il dottor Alex Forryan (2) dell'Università di Southampton, che ha svolto la ricerca, ha dichiarato: «I nostri risultati mostrano che il risveglio delle Galapagos è controllato da interazioni atmosfera-oceano altamente localizzate. Ora è necessario concentrarsi su questi processi quando si monitora l'ecosistema delle isole. cambiando e mitigando la vulnerabilità dell'ecosistema ai cambiamenti climatici del 21° secolo».

Il professor Alberto Naveira Garabato, (3) anche lui dell'Università di Southampton, che ha guidato il progetto a sostegno della ricerca, ha dichiarato: «Questa nuova conoscenza di dove e come avviene l'iniezione di nutrienti delle profondità oceaniche nell'ecosistema delle Galapagos sta informando i piani in corso per espandere le Galapagos Riserva marina e migliorarne la gestione contro le crescenti pressioni del cambiamento climatico e dello sfruttamento umano».

Riferimenti:

(1) Galápagos upwelling driven by localized wind–front interactions

(2) Alex Forryan

(3) Alberto Naveira Garabato

Descrizione foto: Una tartariga delle Galapagos. - Credit: Alexander Forryan.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Scientists discover the secret of Galápagos’ rich ecosystem

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.