Virus nei mammiferi marini del Mar Glaciale Artico


Virus nei mammiferi marini del Mar Glaciale Artico

La perdita di ghiaccio del Mar Glaciale Artico consente la trasmissione di malattie tra leoni marini, foche, lontre marine e altri animali.

Secondo uno studio dell'Università della California, Davis, gli scienziati hanno collegato il declino del ghiaccio marino artico alla comparsa di un virus mortale che potrebbe minacciare i mammiferi marini nel Nord Pacifico.

Il Phocine distemper virus (PDV), un patogeno responsabile dell'uccisione di migliaia di foche europee nel Nord Atlantico nel 2002, è stato identificato nelle lontre marine settentrionali dell'Alaska nel 2004, sollevando dubbi su quando e come il virus li ha raggiunti.

Lo studio di 15 anni, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, (1) evidenzia come il radicale rimodellamento del ghiaccio marino storico possa aver aperto vie per il contatto tra foche artiche e subartiche precedentemente impossibile. Ciò ha consentito l'introduzione del virus nell'Oceano Pacifico settentrionale.

“La perdita di ghiaccio marino sta portando la fauna marina a cercare e cercare nuovi habitat e a rimuovere quella barriera fisica, consentendo nuovi percorsi per spostarsi”, ha dichiarato l'autore corrispondente Tracey Goldstein, (2) direttore associato del One Health Institute presso l'UC Davis Scuola di medicina veterinaria. “Nel momento in cui gli animali si muovono e entrano in contatto con altre specie, offrono l'opportunità di introdurre e trasmettere nuove malattie infettive, con impatti potenzialmente devastanti”.

UN VIRUS IN MOVIMENTO

I ricercatori hanno campionato i mammiferi marini per l'esposizione al Phocine distemper virus (PDV) e l'infezione dal 2001-2016. I mammiferi campionati includevano foche associate al ghiaccio, foche del pelo del nord, leoni marini di Steller e lontre marine settentrionali dal sud-est dell'Alaska alla Russia lungo le isole Aleutine e i mari di Bering, Chukchi e Beaufort.

Sono state valutate le rotte del ghiaccio marino e delle acque libere nell'Oceano Artico dal Nord Atlantico al Nord Pacifico. I dati di telemetria satellitare hanno aiutato i ricercatori a collegare i dati relativi ai movimenti degli animali e ai fattori di rischio per dimostrare che gli animali esposti hanno il potenziale di trasportare per lunghe distanze il Phocine distemper virus (PDV).

Gli autori hanno identificato l'infezione diffusa e l'esposizione al virus attraverso l'Oceano Pacifico del Nord a partire dal 2003, con un secondo picco di esposizione e infezione nel 2009. Questi picchi hanno coinciso con riduzioni dell'estensione del ghiaccio nel mare artico.

“Siccome il ghiaccio marino continua la sua tendenza a sciogliersi, le opportunità per questo virus e altri agenti patogeni di contagiare i mammiferi marini del Nord Atlantico e del Nord Pacifico potrebbero diventare più comuni”, ha detto la prima autrice Elizabeth VanWormer, (3) ricercatrice post-dottorato presso UC Davis durante lo studio e attualmente un professore assistente presso l'Università del Nebraska, Lincoln. “Questo studio evidenzia la necessità di comprendere la trasmissione del PDV e il potenziale di focolai in specie sensibili in questo ambiente in rapido cambiamento”.

Altre istituzioni di co-authoring includono: University of Saint Andrews, U.S. Fish and Wildlife Service, NOAA Fisheries, Alaska Fisheries Science Center Marine Mammal Center, University of Glasgow, Alaska Department of Fish and Game, University of Alaska-Fairbanks, Queens University Belfast, Pirbright Institute, and Alaska Veterinary Pathology.

Questo studio è stato supportato dal finanziamento della Morris Animal Foundation e del NOAA Oceans and Human Health Graduate Traineeship Program. Un ulteriore supporto è stato fornito dall'Alaska Fisheries Science Center Marine Mammal Laboratory e dal Servizio di pesca e fauna selvatica degli Stati Uniti.

Riferimenti:

(1) Viral emergence in marine mammals in the North Pacific may be linked to Arctic sea ice reduction

(2) Tracey Goldstein

(3) Elizabeth VanWormer

Credit foto: NOAA Fisheries, Polar Ecosystems Program.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Melting Arctic Sea Ice Linked to Emergence of Deadly Virus in Marine Mammals

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.