Giraffe ed elefanti alterano la savana africana


Giraffe ed elefanti alterano la savana africana

Mentre vagano per la savana africana in cerca di cibo, giraffe ed elefanti alterano la diversità e la ricchezza della sua vegetazione.

Studiando i modelli di foraggiamento di questi maestosi erbivori su diversi terreni in una savana in Kenya, gli scienziati dello Smithsonian Tropical Research Institute (STRI) e le istituzioni che hanno collaborato hanno scoperto che questi grandi mammiferi preferiscono mangiare i loro pasti su un terreno pianeggiante, influenzando potenzialmente la crescita e la sopravvivenza di specie vegetali anche nei paesaggi della savana, come valli e altipiani.

I megaerbivori sono più preoccupati di mangiare quanto più cibo possibile spendendo il minimo sforzo, piuttosto che di evitare potenziali predatori. Gli elefanti possono consumare giornalmente fino a circa 320 kg di vegetazione; le giraffe, circa 34 kg. Questo ha spinto gli scienziati a interrogarsi sull'impatto di questi grandi erbivori sulla vegetazione in una serie di paesaggi nella savana.

«Studi precedenti hanno dimostrato che i mega erbivori adattano i loro schemi di movimento per evitare aree impervie», ha detto il coautore David Kenfack, (1) scienziato dello staff STRI, coordinatore dei terreni di monitoraggio forestale della rete ForestGEO in Africa e recentemente eletto membro dell'Accademia africana delle scienze. «Volevamo sapere fino a che punto le variazioni su scala ridotta della topografia possono influenzare i danni causati dalla navigazione da parte di questi carismatici erbivori e valutare se la scarsità stagionale della disponibilità di cibo li costringerebbe ad avventurarsi in aree con terreno accidentato».

Le loro osservazioni, condotte all'interno di un terreno di monitoraggio della vegetazione a lungo termine della Smithsonian ForestGEO di 120 ettari situato presso il Centro di ricerca di Mpala in Kenya, hanno confermato che le giraffe e gli elefanti preferiscono il terreno pianeggiante durante il foraggiamento.

I ricercatori hanno confrontato i danni sugli alberi di acacia mellifera, che crescono in tutto il paesaggio della savana e sono un pasto comune per i mega erbivori. Hanno scoperto che gli alberi che crescono su pendii ripidi erano più alti e avevano meno steli di quelli nelle valli e negli altipiani, suggerendo la tendenza degli elefanti e delle giraffe nel evitare di nutrirsi in questi habitat meno accessibili.

Questo comportamento non è cambiato durante la stagione secca, quando le risorse diventano scarse, indicando che queste due specie preferirebbero disperdersi in nuove aree con condizioni più favorevoli piuttosto che arrampicarsi su un pendio vicino per nutrirsi.

Per gli autori, questi schemi di alimentazione possono aiutare a preservare i pendii ripidi come rifugi di habitat, con una maggiore diversità e densità di vegetazione rispetto alle aree più visitate. Le loro scoperte supportano questa argomentazione: il numero e la varietà di alberi incontrati sui pendii ripidi era maggiore che nelle valli e negli altipiani.

«Questo studio, pubblicato da Biotropica (2) ha ampliato la nostra comprensione del ruolo della topografia nello spiegare i modelli di diversità delle piante», ha detto Duncan Kimuyu, borsista postdottorato dello Smithsonian Mpala, docente presso l'Università di Karatina in Kenya e autore principale dello studio. «Sono necessarie ulteriori ricerche per capire come altri fattori come le differenze nelle proprietà del suolo possono interagire con la topografia e i mega erbivori per influenzare la crescita e la sopravvivenza della vegetazione nella savana africana».

Riferimenti:

(1) David Kenfack

(2) Fine-scale habitat heterogeneity influences browsing damage by elephant and giraffe

Descrizione foto: Le giraffe possono consumare circa 75 libbre di vegetazione al giorno. - Credit: Duncan Kimuyu.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: How do Giraffes and Elephants alter the african savanna landscape?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.