Fauna

Cosa sta uccidendo le lontre marine


Gli scienziati individuano i ceppi del parassita che colpisce le lontre marine. Trovato collegamento genetico tra patogeno mortale e gatti selvatici sulla terra

Molte lontre marine selvatiche in California sono infette dal parassita Toxoplasma condii, eppure l’infezione risulta fatale solo per una parte di esse, e ciò ha suscitato interesse nella comunità scientifica. Uno studio dell’Università della California identifica la forma specifica del parassita che sta uccidendo le lontre marine, facendolo risalire alla lince rossa e a gatti randagi provenienti dalle zone vicine all’acqua.

Lo studio, recentemente pubblicato da Proceedings of the Royal Society B, (1) segna la prima volta in cui si è stabilito un legame genetico tra i ceppi di Toxoplasma in ospiti felini e parassiti che causano disagi mortali nella fauna selvatica marina.

Lo studio si basa su anni di lavoro di un consorzio di ricercatori guidato dal Karen C. Drayer Wildlife Health Center della UC Davis School of Veterinary Medicine e dal Dipartimento della California per i pesci e la fauna selvatici (CDFW). Gli scienziati furono chiamati alla fine degli anni '90 per aiutare a decifrare il mistero quando Toxoplasma causò morti nelle lontre marine lungo la costa della California.

“Sono anni che studiamo il problema”, ha dichiarato l'autrice corrispondente Karen Shapiro, (2) professoressa associata presso la UC Davis School of Veterinary Medicine e il suo One Health Institute. “Ora abbiamo un legame significativo tra tipi specifici di parassiti e il risultato della toxoplasmosi fatale nelle lontre marine. Siamo effettivamente in grado di collegare le morti nelle lontre marine con i gatti selvatici sulla terra.”

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88 per cento a causa dello sfruttamento eccessivo e della perdita dei fiumi a flusso libero.

Fiumi e laghi coprono circa l'uno percento della superficie terrestre, ma ospitano un terzo di tutte le specie di vertebrati in tutto il mondo. Allo stesso tempo, la vita in acqua dolce è fortemente minacciata. Scienziati dell'Istituto Leibniz di ecologia delle acque dolci e della pesca nelle acque interne (IGB) e colleghi internazionali hanno ora quantificato il declino globale dei grandi animali d'acqua dolce: dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88% - il doppio della perdita di popolazioni di vertebrati a terra o nell'oceano. Le specie ittiche di grandi dimensioni sono particolarmente colpite. Eppure permangono grandi lacune nelle azioni di monitoraggio e conservazione delle megafauna di acqua dolce, in particolare nelle aree con alti livelli di biodiversità.

Le megafauna d'acqua dolce comprendono tutti gli animali d'acqua dolce che pesano almeno 30 chilogrammi, come le specie di delfini di fiume, castori, coccodrilli, tartarughe giganti e storioni. Gli scienziati hanno raccolto i dati disponibili delle serie temporali per 126 specie di megafauna d'acqua dolce in tutto il mondo, nonché i dati storici e contemporanei sulla distribuzione geografica di 44 specie in Europa e negli Stati Uniti.

Popolazione degli oranghi del Borneo in declino

Popolazione degli oranghi del Borneo in declino

Recenti indagini sulla popolazione di oranghi del Borneo in via di estinzione nel Sabah, lo stato malese nel nord-est del Borneo, mostrano risultati contrastanti.

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE (1) di Donna Simon del World Wide Fund for Nature - Malesia e colleghi, le popolazioni sono rimaste stabili nelle foreste ben gestite, dove c'è poca caccia, ma sono diminuite nei paesaggi che comprendono vaste piantagioni di palma da olio. Questo studio rappresenta il più grande e completo sondaggio sulla popolazione degli oranghi del Borneo, sede di questa specie endemica e in via di estinzione.

La foresta situata in pianura è l'habitat più importante per gli oranghi del Sabah. Negli ultimi 50 anni, tuttavia, l'ampio disboscamento e il commercio per l'agricoltura hanno causato la perdita e la frammentazione dell'habitat che ha portato a un drastico calo del loro numero, ma la piena portata degli effetti sulla popolazione di oranghi è difficile da stimare.

Nel presente studio, gli autori hanno effettuato voli aerei per un totale di quasi 5.500 chilometri attraverso lo stato Sabah, quasi tre volte la lunghezza di un precedente sondaggio fatto nel 2002-2003. In base al numero di nidi, hanno calcolato una popolazione di 9.558 orangutan, compresa una popolazione precedentemente sconosciuta di circa 1.770 orangutan in molte sottopopolazioni ampiamente disperse.

Pagine