Fauna

Per i panda giganti il bambù è una carne vegetariana

Anche se discendano dai carnivori, i panda giganti sono erbivori estremamente specializzati che si cibano quasi esclusivamente di bambù altamente fibroso

Nonostante i panda giganti discendano dai carnivori, sono erbivori estremamente specializzati che si cibano quasi esclusivamente di bambù altamente fibroso.

Una nuova ricerca suggerisce che questo passaggio a una dieta vegetariana ristretta non è stato un salto evolutivo così grande come potrebbe sembrare.

I ricercatori dell'Università di Sydney e dell'Accademia cinese delle scienze hanno utilizzato un approccio chiamato geometria nutrizionale - che considera come le miscele di nutrienti e di altri componenti alimentari influenzano la salute e la malattia, piuttosto che concentrarsi su qualsiasi sostanza nutritiva in isolamento - per valutare il mix macronutriente della dieta del panda gigante.

“Questo studio, Pubblicato in Current Biology, (1) dimostra l'importanza di considerare sia gli alimenti che i nutrienti nella comprensione dell'ecologia evolutiva degli animali - esattamente ciò che la geometria nutrizionale è progettata per fare”, ha affermato il professor David Raubenheimer (2) del Charles Perkins Center dell'Università e della Scuola di vita e scienze ambientali dell'Università di Sydney.

Malgrado l'alimentazione a base vegetale, il contenuto di proteine e carboidrati della dieta dei panda giganti sembra più simile a quello di un ipercarnivoro - animali che ottengono più del 70 percento della loro dieta da altri animali. Circa il 50 percento dell'apporto energetico del panda si presenta sotto forma di proteine, all'incirca come quello dei gatti e dei lupi selvatici. Anche la composizione macronutriente del latte del panda è simile ad altri carnivori.

La migrazione delle tartarughe giganti

Con i cambiamenti climatici le tartarughe giganti migrano ma non usano le attuali condizioni ambientali per cronometrare la loro migrazione stagionale

Le tartarughe giganti migrano imprevedibilmente di fronte ai cambiamenti climatici. A differenza di molte specie migratorie, le tartarughe giganti delle Galapagos non usano le attuali condizioni ambientali per pianificare la loro migrazione stagionale.

Le tartarughe giganti delle Galapagos, a volte chiamate 'Giardiniere delle Galapagos', sono creature abitudinarie. Nella stagione fredda e asciutta, gli altopiani delle pendici del vulcano vengono avvolti da banchi di nuvole che consentono alla vegetazione di crescere nonostante la mancanza di pioggia. Sulle pendici più basse c'è solitamente uno spesso strato di nebbia e la vegetazione non è disponibile tutto l'anno. Le tartarughe adulte trascorrono quindi la stagione secca nei luoghi situati in altitudine per poi ritornare nelle zone più basse, relativamente più calde, dove c'è una vegetazione abbondante e nutriente, quando inizia la stagione delle piogge.

Le tartarughe spesso percorrono le stesse rotte migratorie per molti anni con l'obiettivo di trovare il luogo più adatto per le loro esigenze. La tempistica di questa migrazione è essenziale per mantenere alti i loro livelli di energia. Il cambiamento climatico potrebbe interrompere la capacità di una tartaruga di migrare al momento giusto.

In un articolo pubblicato dalla rivista Ecological Society of America, (1) viene narrato l'utilizzo, da parte dei ricercatori, del GPS per tracciare i tempi e gli schemi della migrazione delle tartarughe nell'arco di diversi anni.

“Avevamo tre obiettivi principali nello studio”, spiega il dottor Guillaume Bastille-Rousseau, (2) autore principale dell'articolo. “Uno, determinare se le tartarughe adattano il loro tempo di migrazione alle attuali condizioni ambientali. Due, se sì, quali indizi usano per regolare i tempi. Tre, quali sono le conseguenze energetiche del loro disadattamento della migrazione?”

Il surriscaldamento causerà la femminilizzazione delle tartarughe verdi

Il sesso delle tartarughe appena nate è determinato dalla temperatura, e attualmente circa il 52 per cento delle tartarughe verdi da cova sono femmine

Fino al 93 per cento dei piccoli di tartarughe verdi potrebbe essere di sesso femminile entro il 2100, poiché i cambiamenti climatici causano la “femminilizzazione” della specie.

Il sesso delle tartarughe appena nate è determinato dalla temperatura e attualmente circa il 52% delle tartarughe verdi da cova - una delle sette specie di tartarughe marine - sono femmine.

Uno studio dell'Università di Exeter e del Centro per le Scienze Marine ed Ambientali(1) (Portogallo) suggerisce che nelle temperature più calde, previste dalle stime dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), il 76-93% dei nascituri di tartaruga verde sarà di sesso femminile. Le cifre stimate si riferiscono alla ricerca fatta in Guinea-Bissau e in Africa occidentale, ma i ricercatori si aspettano un quadro simile a livello globale.

Secondo gli studiosi l'incremento della proporzione porterebbe inizialmente a un numero maggiore di nidificazioni di femmine con un conseguente aumento della popolazione per poi arrivare a un repentino declino poiché le temperature di incubazione raggiungerebbero livelli considerati letali. Inoltre, l'innalzamento del livello del mare sommergerà il 33-43% delle attuali aree di nidificazione utilizzate dalle tartarughe verdi sulle spiagge in cui è stato effettuato lo studio.

la dottoressa Rita Patricio,(2) del Center for Ecology and Conservation dell'Università di Exeter's Penryn Campus in Cornovaglia, (Centre for Ecology and Conservation in Cornwall)(3) spiega: “le tartarughe verdi dovranno affrontare seri problemi in futuro a causa della perdita di habitat e dell'aumento delle temperature. I nostri risultati suggeriscono che la popolazione nidificante delle tartarughe verdi dell'Arcipelago di Bijagós, in Guinea-Bissau, farà fronte agli effetti del cambiamento climatico fino al 2100.

Pagine