La comunicazione tra gli uccelli


La comunicazione tra gli uccelli

Nuovo studio per esplorare e comprendere come gli uccelli associano e reagiscono alle chiamate di un'altra specie ai predatori.

Potresti non parlare francese, ma se qualcuno dietro di te in una foresta lo parlasse con un alto tono di voce, probabilmente capiresti e diventeresti immediatamente vigile. Secondo un nuovo rapporto del Hakubi Center for Advanced Research dell'Università di Kyoto, la stessa cosa accade negli uccelli.

Rapporti precedenti hanno dimostrato che gli animali con predatori condivisi possono intercettare e rispondere alle chiamate reciproche, indicando che possono comprendere parzialmente altre specie. Il dottor Toshitaka Suzuki, (1) che pubblica la ricerca in Current Biology, (2) ha notato un fenomeno simile tra due diverse specie di uccelli mentre conduceva studi sul campo.

«Molti uccelli si esprimono con specifiche chiamate di allarme, avvertendo gli altri della presenza di un predatore», spiega Suzuki. «Stavo studiando come una chiamata specifica di un uccellino di nome Japanese tit o cincia giapponese (Parus minor), rievoca un'immagine visiva del predatore nelle loro menti, in particolare un serpente.»

Ma poi egli ha osservato che un altro uccello, il Coal Tit o cincia mora Periparus ater, si è spesso avvicinato all'area sperimentale durante queste chiamate di allarme.

«Mi chiedevo se anche questi altri uccelli recuperassero mentalmente immagini di "serpenti" da queste chiamate. Mentre fanno parte dello stesso gruppo tassonomico, le loro chiamate sono altrimenti molto diverse.»

Per dimostrarlo, il dottor Toshinori Suzuki ha avviato un esperimento in condizioni controllate per indagare se il Japanese tit o cincia giapponese (Parus minor) possono prevedere e reagire in modo appropriato anche quando non hanno ancora visto il predatore in questione. Sono state riprodotte chiamate di avvertimento specifiche per il serpente della cincia giapponese e un bastone è stato spostato per imitare un serpente che scivola sul terreno o su un albero.

«Sono state suonate varie chiamate di uccelli, ma erano solo quelle specifiche per i serpenti che hanno causato l'avvicinamento e l'ispezione del tit or Periparus ater», afferma Suzuki. «Inoltre, quando il bastone veniva mosso diversamente da un serpente, come in un movimento a dondolo, nessuno degli uccelli si avvicinava nemmeno quando venivano suonate le chiamate di avvertimento.»

Questi risultati mostrano che gli uccelli probabilmente visualizzano un serpente e reagiscono in modo appropriato quando sentono il richiamo specifico del serpente dalle altre specie, supportato dalla conferma visiva. Questo lavoro rappresenta quindi la prima prova dell'attività di ricerca visiva evocata tramite intercettazioni sulle chiamate di allarme di un altro animale.

Il dottor Toshinori Suzuki intende proseguire questo studio per esplorare ulteriormente come gli uccelli associano le chiamate di un'altra specie ai predatori, sperando alla fine di fornire le basi per un nuovo modello per l'acquisizione del parlato che potrebbe persino essere applicabile agli umani.

L'Università di Kyoto è una delle principali istituzioni di ricerca del Giappone e dell'Asia, fondata nel 1897 e responsabile della produzione di numerosi premi Nobel e vincitori di altri prestigiosi premi internazionali. Un ampio curriculum tra le arti e le scienze sia a livello universitario che universitario è completato da numerosi centri di ricerca, nonché da strutture e uffici in tutto il Giappone e nel mondo. (3)

Riferimenti:

(1) Toshinori Suzuki

(2) ReportOther Species’ Alarm Calls Evoke a Predator-Specific Search Image in Birds

(3) Kyoto University

Descrizione foto: si pensa che il Coal Tit o cincia mora Periparus ater recuperi mentalmente un'immagine specifica di un predatore in base alle chiamate di avvertimento di altre specie. - Credit: Kyoto University/Toshitaka Suzuki. - Credit: Kyoto University/Toshitaka Suzuki.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: How do birds understand 'foreign' calls?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.