Miele di Manuka per curare le infezioni da fibrosi cistica

Miele di Manuka per curare le infezioni da fibrosi cistica

Secondo gli esperti dell'Università di Swansea, il miele di Manuka potrebbe fornire la chiave per un trattamento rivoluzionario destinato ai pazienti affetti da fibrosi cistica.

Grazie a una ricerca di un gruppo di ricercatori della Swansea University, (1) si potrebbe ottenere, dal miele di Manuka, la formula per creare una terapia destinata ai pazienti affetti da fibrosi cistica.

La dottoressa Rowena Jenkins (2) e il dottor Aled Roberts (3) hanno scoperto che l'uso del miele di Manuka potrebbe offrire un'alternativa antibiotica per il trattamento di infezioni respiratorie resistenti agli antimicrobici, in particolare i batteri mortali trovati nelle infezioni da fibrosi cistica. La ricerca è stata pubblicata dalla rivista Frontiers. (4)

Usando tessuto polmonare di maiali, gli esperti hanno trattato le infezioni batteriche cresciute imitando quelle osservate nei pazienti affetti da fibrosi cistica con miele di Manuka. I risultati hanno mostrato che era efficace nell'uccidere i batteri resistenti agli antimicrobici del 39% rispetto al 29% per gli antibiotici. Migliorando l'attività di alcuni antibiotici che non erano in grado di funzionare efficacemente da soli, il miele e gli antibiotici combinati uccidevano il 90% dei batteri testati.

La fibrosi cistica è una delle malattie ereditarie potenzialmente letali più comuni nel Regno Unito, con circa 10.400 persone sofferenti secondo il CF Trust. Una revisione del governo guidata da Lord Jim O'Neill ha anche evidenziato la minaccia della resistenza antimicrobica, stimando che un continuo aumento della resistenza entro il 2050 porterebbe a un esponenziale aumento dei decessi a causa di infezioni resistenti agli antimicrobici.

I pazienti affetti da fibrosi cistica soffrono di infezioni respiratorie croniche di lunga durata che spesso si rivelano fatali a causa della presenza di alcuni batteri che sono resistenti, nella maggior parte dei casi, a tutti gli antibiotici che i medici attualmente hanno a loro disposizione. Solo con un trapianto si potrebbe risolvere il problema, ma persiste il rischio che i batteri, responsabili dell'infezione originaria, possono ancora trovarsi nelle vie aeree superiori e di conseguenza migrare nei nuovi polmoni, rendendo in tal modo il trapianto inefficace.

Alcuni pazienti hanno una prognosi peggiore in quanto sono infetti da tipi mortali di batteri, come il complesso di Pseudomonas e Burkholderia cepacia, che sono difficili da sopprimere (a causa della resistenza agli antibiotici multipli) e causano ingenti danni ai polmoni. In alcuni casi, solo la loro presenza di questi batteri all'interno di un paziente può impedirgli di ricevere trapianti polmonari salvavita.

L'efficacia degli antibiotici contro queste infezioni mortali è una grande preoccupazione per cui c'è la necessità di trovare alternative idonee non tossiche, che siano efficaci nell'uccidere i batteri. Questa è una priorità assoluta.

Il miele è stato usato per migliaia di anni come medicinale. Più recentemente, la ricerca ha dimostrato che il miele di Manuka è in grado di uccidere i batteri resistenti agli antibiotici presenti nelle ferite di superficie. I finanziamenti della Waterloo Foundation e della Hodge Foundation hanno permesso alla ricerca di considerarla un'alternativa antibiotica nelle infezioni da fibrosi cistica.

La dottoressa Rowena Jenkins, docente di microbiologia e malattie infettive all'Università di Swansea, ha dichiarato: "I risultati preliminari sono molto promettenti e dovrebbero essere replicati nel contesto clinico, quindi questo potrebbe aprire ulteriori opzioni di trattamento per quelli con infezioni da fibrosi cistica. La sinergia con gli antibiotici e l'assenza di resistenza osservata in laboratorio ci ha permesso di passare all'attuale sperimentazione clinica, studiando il potenziale miele di Manuka come parte di un risciacquo sinusale per alleviare l'infezione nelle vie aeree superiori."

Riferimenti:

(1) Manuka honey to kill drug-resistant bacteria found in cystic fibrosis infections

(2) Rowena Jenkins

(3) Swansea launches pioneering Welsh degree course

(4) Anti-pseudomonad Activity of Manuka Honey and Antibiotics in a Specialized ex vivo Model Simulating Cystic Fibrosis Lung Infection

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Manuka honey to kill drug-resistant bacteria found in cystic fibrosis infections

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.