Economia mondiale: remunerazione del lavoro e crescita

Economia mondiale: remunerazione del lavoro e crescitaUn argomento sempre di elevata attualità, ma di difficile approccio, in quanto molto etico, è quello della:

remunerazione del lavoro,

potere di acquisto,

capacità di consumo e

crescita.

Fattore sempre più di attualità in un mondo globalizzato, che tende come riflesso:

ad orientare verso il basso i redditi individuali delle masse, e ad aumentare la ricchezza delle classi super agiate, che trovano molte occasioni per gestire ed approfittare di queste disparità, o meglio opportunità, presenti nel mondo.

Vero è che grazie alla maggiore possibilità di muoversi, trasferirsi, diventa facile viaggiare, emigrare, in relazione ai bassi costi ed alle maggiori informazioni, grazie anche all’aumento dell’offerta di posti lavoro.

A questo si aggiunge un processo di delocalizzazione delle produzioni che richiede una notevole quantità di forze lavoro, con bassi salari, e se possibile, con costi sociali al minimo.

Nel caso contrario alla delocalizzazione, il motto è: vieni, lavora, e torna a casa tua; possibilmente arriva da solo e senza famiglia, con già delle conoscenze professionali sufficienti, e un minimo di conoscenza dell’idioma locale.

Non è cosa nuova.

Molti Paesi Europei fornivano elevata mano d’opera al Nord America già nel 1600-1700, in qualità di servitori a contratto (indentured servants).

Cioè mediante un contratto che li impegnava a lavorare per 3-5 anni, fino a “ripagare” le spese del viaggio nel Nuovo Mondo.

E per le donne, in caso di gravidanza, con una proroga di ulteriori 2 anni, dovuta ai maggiori costi ed in genere alla minore efficienza nel lavoro.

Tra gli Inglesi che emigrarono verso le Americhe nel 1770, ben il 55pc erano servitori a contratto.

Nel 1792 gli USA valutarono l’opportunità di costruire la nuova capitale federale proprio utilizzando questa tipologia di lavoratori: servi a contratto, fatti giungere principalmente dalla Germania.

Nella storia più recente, si può osservare questo tipo di rapporto economico tra EU ed EST-EU; la prima ha usufruito dei bassi costi salariali della mano d’opera proveniente, prima da Est Germania e poi da Ungheria, Polonia, Slovenia, Romania, Lituania. Attualmente, visto il rialzo marcato del costo lavoro negli ultimi 10 anni, sono di moda Ucraina e Serbia dove il costo del lavoro è del 60pc inferiore.

Tale fenomeno ha anche comportato una migrazione elevata di aziende (delocalizzazione), in cerca:

  • di riduzione dei costi, burocrazia, fiscalità,
  • di assenza di leggi anti-inquinamento o degli obblighi pensionistici, sociali (welfare state), assicurativi e sindacali.

Si determina in tal modo un forte assorbimento di forza lavoro, ma l’esperienza è soggetta a concludersi in caso di aumento dei costi, con successive delocalizzazioni in nuovi contesti territoriali.

Le aziende sono rappresentate da multinazionali, holdings, partnership varie, colossi industriali, che possono sfruttare i vantaggi offerti dal mondo globalizzato, potendo cosi:

  • contenere i costi produttivi,
  • accrescere i margini di profitto,
  • battere la concorrenza.

Senza dover prendere in considerazione “impegni” in termini di costo, quali:

  • protezione ambiente
  • lotta contro l’inquinamento,
  • protezione sociale ed assicurativa dei dipendenti,
  • fiscalità ed altro.

Il quadro ideale di riferimento per il grande capitale industriale e di avere un alto livello dei consumi nei paesi “ricchi” e produrre i beni nei paesi “poveri”, massimizzando il valore aggiunto, cosa che compensa largamente i maggiori rischi.

E grazie alla politica dei marchi si conferisce un’identificazione geografica al prodotto, ingannando i consumatori sulla loro reale provenienza, aggiungendo un valore aggiunto – come moda o simbolo di qualità.

L’evoluzione dei mercati ha determinato un passaggio dalla fase concorrenziale a quella di una vera guerra commerciale, causata:

  • dalla riduzione dei margini di profitto,
  • dall’aumento dei costi
  • produttivi,
  • di trasporto,
  • di copertura dei rischi,
  • di finanziamento,

in un mercato meno “consumatore” per via di una riduzione della capacità di spesa, e con livelli di indebitamento elevati e con aumento delle tensioni sociali e politiche.

Vedi:

  • Problema Immigrazione e finanziario tra paesi.
  • Modifiche tassazione multinazionali EU-USA (Google ed altri).
  • Guerra sui dazi per le merci importate.
  • Sanzioni.
  • Uso burocrazia, leggi doganali.

Ed i mercati finanziari, con indici, titoli e obbligazioni che soffrono per la tenuta dei valori, ne risentono, con aumento dei rischi e delle incertezze, in un momento dove tutto l’ottimismo si è già manifestato e le prospettive positive che lo hanno alimentato già tutte conosciute ed assorbite nei corsi in quotazione.

Alcune brevi riflessioni:

Un’ora di lavoro costa in ITALIA € 28.20 mentre in Bulgaria € 4.90.

Ed il costo di uno “stufato di fagioli” nel mondo, in percentuale sui salari incide per il:

Economia mondiale - Bruno Chastonay

Foto di pixabay.com / Autore: Dr. Bruno Chastonay. Valente professionista del settore finanziario, ha svolto attività in alcune principali banche elvetiche nei settori della tesoreria, dei metalli e dei derivati. È esperto nella gestione professionale del risparmio su base personalizzata ed è fiduciario finanziario, ai sensi della legislazione elvetica. Ha collaborato con le Università di Bari e Pescara. Attualmente svolge l’attività di analista finanziario globale. Vive e lavora a Lugano.

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.