Osservare liberi da ogni pregiudizio

Se osserviamo liberi da ogni pregiudizio e senza rimanere a guardare passivamente riusciamo a vedere e percepire anche l’invisibile

Se apriamo gli occhi e ci liberiamo da ogni pregiudizio senza restare a guardare passivamente, riusciamo a vedere anche l’invisibile per non scoprire in punto di morte di non aver mai vissuto! Tratto dal pensiero di Henry David Thoreau, padre del Rinascimento in America.

La concezione Meccanica della scienza isolando arbitrariamente il soggetto della percezione dall’oggetto rende sinonimi ed intercambiabili i significati di “Vedere e Guardare” che in vero sono profondamente diversi sia etimologicamente che di rappresentazione mentale.

Vedere indica andare oltre la percezione della superficie osservabile della realtà ed esercitare una azione consapevole sui limiti tra ciò che ci e reso visibile dai sensi e la realtà invisibile ma fondamentale per capire la nostra vita.

Il guardare significa atteggiarsi a guardia di cio che accade nel mondo esterno con una impostazione analitica di osservazione deprivata da una chiave di accesso per la comprensione piu profonda della realtà.

Questa distinzione tra “vedere e guardare” è importante oggi dal momento che il riduzionismo della scienza meccanica ha concepito la osservazione come oggettiva escludendo il vedere come capacità interiore creativa capace di superare la visione di un mondo speculare, proiettata come ombra nella retina oculare.

La estetica e lo spettacolo come finzione hanno pertanto preso il sopravvento come sembianze della reale conoscenza interiore del vedere con la mente, fino a rendere virale la moda nei giovani di guardarsi facendosi dei autoritratti (Selfies) amando il guardarsi il viso ed il proprio corpo senza vedersi oltre la apparenza di se stessi oggettivizzare la percezione separata dalla partecipazione consapevole del soggetto oggi nell’epoca contemporanea della “Realtà Virtuale” e della “Intelligenza Artificiale” è ormai divenuto un assurdo palese.

Infatti è esemplare capire che la luce che osserviamo non può essere causata dalla osservazione oggettiva di fotoni visibili in quanto essi provenienti da una fonte luminosa producono una reazione fotochimica dei coni e bastoncelli della retina, che induce un segnale neuronale il quale eccita le sinapsi elettriche del cervello nel produrre “sparks” di luce (biofotoni); pertanto la sensazione di luce che percepiamo può essere quella esterna ma altresì corrisponde alla visione interiore e soggettiva della luce.

È stato recentemente dimostrato che il sistema “occhio/cervello” è altamente sensibile alla luce in quanto è sufficiente un solo fotone per creare un segnale neuronale, mentre il successivo invio sulla retina di 4 / 5 fotoni diviene sufficiente a stimolare la visione cerebrale della luce.

Quanto sopra permette di comprendere come possiamo vedere la luce quando sogniamo nel mentre gli Occhi Roteano Rapidamente (REM) espellendo alcuni fotoni rimasti intrappolati (entangled) nella retina durante il giorno, cosi che nel sogno iniziamo a vedere immagini e colori in piena luce che vengono costruite virtualmente dal cervello mentre abbiamo gli occhi chiusi e siamo al buio.

In conclusione questa effettiva “de-oggettivazione” della osservazione nella situazione onirica mette in evidenza come il modello percettivo della scienza meccanica sia ormai obsoleto e di conseguenza una più cosciente riflessione ci propone di intuire come i sogni più vividi ed emozionanti siano quelli che si verificano nella immaginazione scientifica e nella fantasia artistica che per esprimersi compiutamente nella nostra epoca necessitano di modernizzare le vecchie modalità di dare forma figurativa dell’essere e del pensare alla vita.

Egocreanet-Cluster (1) si propone sviluppare una cultura della creatività che vada oltre l’orizzonte degli schemi riduzionisti della “meccanica”, in memoria del cinquecentesimo anniversario del genio di Leonardo da Vinci. NB: le modalità di Iscrizione, partecipazione e collaborazione e sostegno al Cluster Egocreanet 2019, sono descritte in: Se apriamo gli occhi e ci liberiamo dai pregiudizi senza restare a guardare passivamente, riusciamo a vedere anche l’invisibile per non scoprire in punto di morte di non aver mai vissuto! Tratto dal pensiero di Henry David Thoreau, padre del Rinascimento in America.

Riferimenti:

(1) Adesione al Cluster Egocreanet

Autore: Paolo Manzelli - Presidente Egocreanet / E-mail: egocreanet2016@gmail.com

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.