Specie ittiche contaminate da microplastica


Specie ittiche contaminate da microplastica

Una nuova ricerca suggerisce che le specie ittiche importanti dal punto di vista commerciale sono maggiormente a rischio di contaminazione microplastica a seconda del modo in cui si aggregano nell'ambiente marino.

Nel primo studio di questo tipo, gli scienziati dell'Università di Plymouth hanno utilizzato una serie di esperimenti per valutare se le scogliere formate da cozze blu (Mytilus edulis) hanno influenzato la loro esposizione e il consumo di minuscole particelle di microplastica.

Questo metodo ha permesso di scoprire che quando le cozze erano raggruppate insieme formando barriere coralline, come fanno in natura, la struttura della barriera corallina rallentava l'acqua del mare che scorreva su di esse. Questa dinamica aumentava la turbolenza e provocava un triplo aumento della quantità di plastica ingerita.

Scrivendo nell'Environmental Research Letters, (1) i ricercatori affermano che lo studio suggerisce che la disposizione e la rugosità superficiale (complessità) delle strutture naturali della barriera corallina - come quella costruita dalle popolazioni di cozze - creano condizioni che li rendono dei 'lavandini naturali' per materie plastiche e altre forme di inquinamento umano.

Inoltre, i ricercatori ritengono che specie come la cozza blu, importanti per il consumo umano ma suscettibili all'inquinamento da microplastica, possano essere utili indicatori del problema e dei suoi impatti biologici potenzialmente dannosi.

La ricerca è stata condotta dalla dottoressa Hyee Shynn Lim, laureata in biologia marina e oceanografia recentemente laureata presso il Centro di ricerca sull'ecologia e la biologia marina dell'Università e la Scuola di scienze biologiche e marine.

Il dott. Antony Knights, (2) professore associato di ecologia marina e autore senior dello studio, ha dichiarato: «Specie come la cozza blu sono entrambe commercialmente preziose come i frutti di mare ma anche importanti dal punto di vista ambientale. Formano barriere naturali all'interno di ambienti marini e costieri che aumentano la biodiversità a tale in misura tale da essere comunemente protetti da azioni di conservazione. Se sono particolarmente sensibili all'inquinamento da microplastica, ci sono molti potenziali effetti a catena di cui dobbiamo essere consapevoli. Spesso cerchiamo di proteggere le specie che formano la barriera corallina in base ala specie. Tuttavia, non siamo a conoscenza di alcuna ricerca che abbia dimostrato che la struttura fisica della barriera corallina stessa - che abbiamo dimostrato può aiutare questi organismi di filtraggio a essere alimentatori più efficaci - potrebbe anche aumentare inavvertitamente la loro esposizione a sostanze inquinanti come la microplastica. Senza alcun mezzo per affrontare questo problema, a causa della nostra crescente consapevolezza della quantità di microplastica nell'ambiente marino, questo studio offre le prime prove che la formazione di una scogliera è un'arma a doppio taglio per gli individui.»

Per la ricerca, le cozze sono state collocate in aggregazioni controllate in un canale d'acqua ed esposte a diverse velocità dell'onda. Le quantità di microplastiche aggiunte all'acqua, normalmente utilizzate per caratterizzare le proprietà fisiche del fluido stesso (inclusa la densità della plastica all'interno e intorno alla struttura della barriera corallina), hanno permesso al team di valutare anche il rischio di ingestione di particelle in diversi scenari ambientali.

Lo studio è l'ultimo progetto innovativo dell'Università che esamina le cause e gli impatti delle microplastiche all'interno dell'ambiente marino.

È un lavoro che, all'inizio del 2020, ha visto l'Università consegnare il Queen's Anniversary Prize per l'istruzione superiore e superiore per la sua ricerca pionieristica sull'inquinamento da microplastiche e il suo impatto politico nel Regno Unito e nel mondo.

Riferimenti:

(1) Spatial arrangement of biogenic reefs alters boundary layer characteristics to increase risk of microplastic bioaccumulation

(2) Antony Knights

Descrizione foto: le cozze si sono ammassate insieme sulle rocce alla baia di Whitsand in Cornovaglia, Inghilterra. - Credit: University of Plymouth.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Mussel reefs heighten the risk of microplastic exposure and consumption

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.