Inquinamento

Il disboscamento illegale: crimine organizzato che distrugge le foreste dell'America latina

Il disboscamento illegale: crimine organizzato che distrugge le foreste dell'America latinaIl traffico illecito di legname incoraggia altri crimini come la deforestazione, lo sfruttamento del lavoro, la tratta di esseri umani, l'invasione della terra, l'evasione fiscale, la falsificazione di documenti e la corruzione dello stato.

Il disboscamento illegale è il crimine contro le risorse naturali che genera più profitti nel mondo, è il terzo più grande crimine in tutto il mondo, secondo il rapporto intitolato “Transnational crime and the developing world”,(1) pubblicato nel marzo 2017 da Global Integrità finanziaria, un'organizzazione statunitense che indaga sui flussi finanziari illeciti.

Il valore dei profitti generati da questo crimine transnazionale in tutto il mondo è calcolato tra 52 e 157 miliardi di dollari all'anno, secondo la suddetta indagine. Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP)(2) stima che il 30% di tutto il legname venduto nel mondo sia illegale.

Insight Crime, un centro di ricerca sulla criminalità organizzata, ritiene che l'Amazzonia sia l'occhio della tempesta del disboscamento illegale. La deforestazione, insieme con l'estrazione illegale e il traffico di droga, sono i crimini più investigati in America Latina.(3)

Rilevatori di inquinamento dell’aria per colmare la lacuna dei dati sull’Africa

ECplanet: Rilevatori di inquinamento dell’aria per colmare la lacuna dei dati sull’AfricaI paesi sub-sahariani a basso reddito sopportano un alto carico di inquinamento atmosferico, ma sono scarsamente rappresentati nelle ricerche sui suoi impatti sulla salute.

In dieci scuole elementari nella periferia di Kampala, la capitale dell’Uganda, rilevatori della qualità dell’aria da poco installati stanno raccogliendo dati sulla quantità di sostanze particellari nell’atmosfera.

Queste scuole sono parte di un progetto lanciato a febbraio per studiare come l’inquinamento atmosferico condizioni la salute dei bambini, nel tentativo di affrontare una grave lacuna di sanità pubblica dell’Africa sub-sahariana.
A livello globale, l’inquinamento atmosferico causa più vittime di qualsiasi altro rischio ambientale.

Però ci sono pochi dati sui suoi effetti sulla salute nell’Africa sub-sahariana, ed è difficile trarre insegnamenti da studi simili condotti in Europa o in Nord America, perché la maggior parte dell’inquinamento nell’Africa sub-sahariana deriva da fonti diverse – stufe interne che bruciano biomassa, come carbone e legna da ardere. Le emissioni di particelle che ne risultano, monossido di carbonio e ‘carbone nero’ “possono essere pericolosi negli ambienti chiusi e all’esterno rischiano di mischiarsi con altre fonti di inquinamento”, dice Eric Coker, che studia equità della salute globale in Uganda all’Università della California, Berkeley.

Un terzo della popolazione mondiale respira Aria inquinata

SmogLo afferma un rapporto dell'ong statunitense Health Effects Institute,(1) basato su dati satellitari integrati con il monitoraggio a terra

Il 95% della popolazione mondiale respira aria inquinata, con i paesi in via di sviluppo che sopportano il peso maggiore del problema, che nel 2016 ha fatto 6,1 milioni di morti.

Lo afferma un rapporto dell'ong statunitense Health Effects Institute, basato su dati satellitari integrati con il monitoraggio a terra.(2)

Secondo i dati del rapporto un terzo della popolazione mondiale è esposto sia all'inquinamento esterno che a quello interno, provocato dai combustibili fossili usati per le stufe.(3)

Secondo la stima circa 7 miliardi di persone vivono in zone in cui le polveri sottili superano i limiti delle linee guida Oms, mentre il 60% della popolazione mondiale supera anche i limiti meno stringenti.

Pagine