Aeroporti costieri a rischio inondazioni


Aeroporti costieri a rischio inondazioni

Anche un modesto innalzamento del livello dei mari, innescato dall'aumento delle temperature globali, porrebbe 100 aeroporti al di sotto del livello medio del mare entro il 2100.

Scienziati dell'Università di Newcastle hanno modellato la probabilità di interruzioni delle rotte di volo a causa dell'aumento del rischio di inondazioni dovuto all'innalzamento del livello del mare.

Pubblicando i risultati sulla rivista Climate Risk Management, (1) il professor Richard Dawson (2) e Aaron Yesudian della School of Engineering dell'Università di Newcastle hanno analizzato la posizione di oltre 14.000 aeroporti in tutto il mondo e la loro esposizione alle mareggiate per il livello del mare attuale e futuro. I ricercatori hanno anche studiato la connettività pre-COVID-19 degli aeroporti e il traffico aereo e il loro attuale livello di protezione dalle inondazioni.

Essi ne deducono che i principali aeroporti sono già a rischio di inondazioni costiere. L'aumento del livello del mare associato a un aumento della temperatura media globale di 2° C porterebbe 100 aeroporti al di sotto del livello medio del mare, mentre 1238 aeroporti si trovano nella zona costiera a bassa quota. Un'analisi globale ha valutato il rischio per gli aeroporti in termini di interruzioni annuali previste per le rotte. Il metodo integra i dati disponibili a livello globale sulla posizione dell'aeroporto, rotte di volo, livelli estremi dell'acqua, standard di protezione dalle inondazioni e scenari di innalzamento del livello del mare. A livello globale, il rischio di interruzione potrebbe aumentare di un fattore 17-69 entro il 2100, a seconda del tasso di innalzamento del livello del mare.

Il team ha sviluppato una classifica globale degli aeroporti a rischio di innalzamento del livello del mare, che considera sia la probabilità di inondazioni da livelli estremi del mare, il livello di protezione dalle inondazioni e gli impatti in termini di interruzione del volo. Un gran numero di aeroporti è a rischio in Europa, Nord America e Oceania, ma i rischi sono maggiori nel sud-est, nell'Asia orientale e del Pacifico che dominano la top 20 degli aeroporti a più alto rischio. Questi aeroporti costieri sono sproporzionatamente importanti per la rete aerea globale, dal 2100 tra il 10 e il 20% di tutte le rotte è a rischio di interruzione.

L'innalzamento del livello del mare rappresenta quindi un rischio sistemico per i movimenti globali di passeggeri e merci. Gli aeroporti beneficiano già di una sostanziale protezione dalle inondazioni che riduce il rischio attuale di un fattore 23. Mantenere il rischio nel 2100 ai livelli attuali potrebbe costare fino a 57 miliardi di dollari. Sebbene il costo della protezione degli aeroporti più grandi sia più elevato, gli aeroporti più trafficati sono in genere ben protetti e hanno maggiori probabilità di avere un migliore accesso ai finanziamenti per l'adattamento. Tuttavia, 995 aeroporti costieri gestiscono 5 rotte commerciali o meno.

Gli aeroporti Suvarnabhumi di Bangkok (BKK) e Shanghai Pudong (PVG) sono in cima alla lista, mentre London City è l'aeroporto del Regno Unito con il rischio più alto.

Il professor Dawson ha dichiarato: «Questi aeroporti costieri sono sproporzionatamente importanti per la rete aerea globale e entro il 2100 tra il 10 e il 20% di tutte le rotte sarà a rischio di interruzioni. L'innalzamento del livello del mare rappresenta quindi un serio rischio per i movimenti globali di passeggeri e merci, con notevoli costi di danni e interruzioni».

«Inoltre, alcuni aeroporti, ad esempio nelle isole basse, svolgono un ruolo fondamentale nel fornire linee di vita economiche, sociali e mediche».

Le opzioni di adattamento per gli aeroporti costieri includono una maggiore protezione dalle inondazioni, l'innalzamento del territorio e il trasferimento.

Il professor Dawson ha aggiunto: «Il costo dell'adattamento sarà modesto nel contesto della spesa infrastrutturale globale. Tuttavia, in alcune località il tasso di innalzamento del livello del mare, le risorse economiche limitate o lo spazio per località alternative renderanno alcuni aeroporti non redditizi».

Riferimenti:

(1) Global analysis of sea level rise risk to airports

(2) Richard Dawson

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Climate change puts hundreds of coastal airports at risk of flooding

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.