Degrado ambientale

Isole Marshall più radioattive di Chernobyl

Isole Marshall più radioattive di Chernobyl

Le radiazioni in alcune parti delle Isole Marshall sono più alte di Chernobyl. Uno studio della Columbia University suggerisce che i residenti non tornano in diverse isole disabitate fino a quando le aree non vengono accuratamente pulite e ulteriormente valutate per la sicurezza.

I livelli di radiazione in alcune regioni delle Isole Marshall nel Pacifico centrale, dove gli Stati Uniti hanno condotto test nucleari durante la guerra fredda, sono di gran lunga superiori rispetto alle aree colpite dalle catastrofi nucleari di Chernobyl e Fukushima.

Tre studi pubblicati in Atti della National Academy of Sciences (PNAS) (1) da un gruppo di ricerca della Columbia, guidato da Emlyn Hughes (2) e Malvin Ruderman (3) del Columbia Center for Nuclear Studies, hanno dimostrato che la concentrazione di isotopi nucleari su alcune delle isole era ben al di sopra del limite di esposizione legale stabilito negli accordi tra Stati Uniti e Repubblica delle Isole Marshall. Gli studi hanno misurato campioni di suolo, sedimenti oceanici e una varietà di frutti.

Quasi 70 bombe nucleari che gli Stati Uniti hanno fatto esplodere tra il 1946 e il 1958 hanno lasciato una diffusa contaminazione sulle isole, una catena di atolli a metà strada tra l'Australia e le Hawaii. La più grande detonazione nucleare, “Castle Bravo”, nel 1954 presso l'atollo di Bikini, era 1.000 volte più potente di entrambe le bombe sganciate sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le Isole Marshall hanno registrato una rapida crescita dagli anni '60.

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Microplastica nelle Alpi e nell'Artico

Nelle Alpi e nell'Artico, gli esperti confermano la presenza di microplastica nella neve.

Negli ultimi anni, le particelle di microplastica sono state ripetutamente rilevate nell'acqua di mare, nell'acqua potabile e persino negli animali. Ma queste piccole particelle vengono anche trasportate dall'atmosfera e successivamente lavate via dall'aria, specialmente dalla neve - e persino in regioni remote come l'Artico e le Alpi. Lo ha dimostrato uno studio condotto da esperti dell'Istituto Alfred Wegener e un collega svizzero, recentemente pubblicato sulla rivista Science Advances. (1)

Il fatto che i nostri oceani siano pieni di rifiuti di plastica è ormai diventato una consapevolezza per tutti: anno dopo anno, diversi milioni di tonnellate di rifiuti di plastica si fanno strada nei fiumi, nelle acque costiere e persino nel mare profondo dell'Artico. Grazie al movimento delle onde e ancora di più alla radiazione UV del sole, la lettiera viene gradualmente suddivisa in frammenti sempre più piccoli, chiamati microplastiche. Questa microplastica può essere trovata nei sedimenti marini, nell'acqua di mare e negli organismi marini che ingeriscono inavvertitamente. In confronto, ci sono state poche ricerche fino ad oggi per stabilire se, e in tal caso, in che misura le particelle di microplastica siano trasportate nell'atmosfera. Sono disponibili solo poche opere, ad esempio da ricercatori che sono stati in grado di confermare la presenza delle particelle nei Pirenei e nei pressi dei principali centri urbani in Francia e Cina.

Un team di esperti dell'Alfred Wegener Institute, Helmholtz Center for Polar and Marine Research (AWI) ha ora scoperto che le particelle di microplastica possono essere trasportate a grandi distanze dall'atmosfera e in seguito vengono spazzate via dall'aria dalle precipitazioni, in particolare dalla neve.

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88 per cento a causa dello sfruttamento eccessivo e della perdita dei fiumi a flusso libero.

Fiumi e laghi coprono circa l'uno percento della superficie terrestre, ma ospitano un terzo di tutte le specie di vertebrati in tutto il mondo. Allo stesso tempo, la vita in acqua dolce è fortemente minacciata. Scienziati dell'Istituto Leibniz di ecologia delle acque dolci e della pesca nelle acque interne (IGB) e colleghi internazionali hanno ora quantificato il declino globale dei grandi animali d'acqua dolce: dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88% - il doppio della perdita di popolazioni di vertebrati a terra o nell'oceano. Le specie ittiche di grandi dimensioni sono particolarmente colpite. Eppure permangono grandi lacune nelle azioni di monitoraggio e conservazione delle megafauna di acqua dolce, in particolare nelle aree con alti livelli di biodiversità.

Le megafauna d'acqua dolce comprendono tutti gli animali d'acqua dolce che pesano almeno 30 chilogrammi, come le specie di delfini di fiume, castori, coccodrilli, tartarughe giganti e storioni. Gli scienziati hanno raccolto i dati disponibili delle serie temporali per 126 specie di megafauna d'acqua dolce in tutto il mondo, nonché i dati storici e contemporanei sulla distribuzione geografica di 44 specie in Europa e negli Stati Uniti.

Pagine