Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Declino delle popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce

Dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88 per cento a causa dello sfruttamento eccessivo e della perdita dei fiumi a flusso libero.

Fiumi e laghi coprono circa l'uno percento della superficie terrestre, ma ospitano un terzo di tutte le specie di vertebrati in tutto il mondo. Allo stesso tempo, la vita in acqua dolce è fortemente minacciata. Scienziati dell'Istituto Leibniz di ecologia delle acque dolci e della pesca nelle acque interne (IGB) e colleghi internazionali hanno ora quantificato il declino globale dei grandi animali d'acqua dolce: dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88% - il doppio della perdita di popolazioni di vertebrati a terra o nell'oceano. Le specie ittiche di grandi dimensioni sono particolarmente colpite. Eppure permangono grandi lacune nelle azioni di monitoraggio e conservazione delle megafauna di acqua dolce, in particolare nelle aree con alti livelli di biodiversità.

Le megafauna d'acqua dolce comprendono tutti gli animali d'acqua dolce che pesano almeno 30 chilogrammi, come le specie di delfini di fiume, castori, coccodrilli, tartarughe giganti e storioni. Gli scienziati hanno raccolto i dati disponibili delle serie temporali per 126 specie di megafauna d'acqua dolce in tutto il mondo, nonché i dati storici e contemporanei sulla distribuzione geografica di 44 specie in Europa e negli Stati Uniti.

La dottoressa Sonja Jähnig, (1) autrice senior dello studio ed esperta per gli effetti del cambiamento globale sugli ecosistemi fluviali presso l'IGB, spiega: “i risultati sono allarmanti e confermano le paure degli scienziati coinvolti nello studio e nella protezione della biodiversità delle acque dolci. Dal 1970 al 2012, le popolazioni globali di megafauna d'acqua dolce sono diminuite dell'88 percento, in particolare nei regni Indomalaya (del 99 percento) e Palearctic (del 97 percento) - il primo copre il sud e sud-est asiatico e la Cina meridionale e il secondo copre l'Europa, Nord Africa e gran parte dell'Asia. Le specie ittiche di grandi dimensioni come storioni, salmonidi e pesci gatto giganti sono particolarmente minacciate: con un calo del 94 percento, seguite da rettili con il 72 percento.”

Due minacce principali: sfruttamento eccessivo e perdita di fiumi a flusso libero

Lo sfruttamento eccessivo è la principale minaccia alle megafauna di acqua dolce in quanto sono spesso mirate a carne, pelle e uova. “Inoltre, il declino delle grandi specie ittiche è anche attribuito alla perdita di fiumi a flusso libero poiché l'accesso alle aree di riproduzione e di alimentazione sono spesso bloccate dalle dighe. Sebbene i grandi fiumi del mondo siano già stati altamente frammentati, sono in programma, o in costruzione, altre 3700 grandi dighe - questo aggraverà ulteriormente la frammentazione dei fiumi. Più di 800 di queste dighe pianificate sono situate in punti caldi diversificati di megafauna d'acqua dolce, tra cui bacini fluviali di Amazonia, Congo, Mekong e Gange”, afferma il dottor Fengzhi He, (2) primo autore dello studio ed esperto di modelli di diversità e conservazione della megafauna d'acqua dolce presso l'IGB.

Conservazione riuscita: storioni, castori e il delfino del fiume Irrawaddy

Grazie ad azioni mirate di conservazione, le popolazioni di 13 specie di megafauna tra cui lo storione verde (Acipenser medirostris) e il castoro americano (Castor canadensis) sono rimaste stabili o addirittura in aumento negli Stati Uniti. In Asia, la popolazione del delfino del fiume Irrawaddy (Orcaella brevirostris) nel bacino del Mekong è aumentata per la prima volta in vent'anni. In Europa, strategie di conservazione efficienti e su larga scala sembrano essere più difficili da attuare, probabilmente a causa dei confini politici e delle differenze di consapevolezza ambientale tra i paesi. Tuttavia, il castoro eurasiatico (Castor fiber), per esempio, è stato ora reintrodotto in molte regioni in cui è stato estirpato. In Germania, IGB sta collaborando con partner internazionali per reintrodurre le due specie di storioni originariamente native, lo storione europeo (Acipenser sturio) e lo storione atlantico (Acipenser oxyrinchus) nelle acque europee.

Possibilità di miglioramento: monitoraggio e conservazione della biodiversità in acqua dolce

Nonostante le megafauna d'acqua dolce siano altamente minacciate, le attuali azioni di conservazione sono inadeguate per molte specie. A tal proposito la dottoressa Sonja Jähnig spiega: “Secondo la Lista rossa delle specie minacciate dell'Unione internazionale per la conservazione della natura, oltre la metà di tutte le specie di megafauna d'acqua dolce valutate sono considerate minacciate di estinzione. Tuttavia, ricevono meno attenzione nella ricerca e nella conservazione rispetto alle megafauna negli ecosistemi terrestri o marini. Il declino globale, ora quantificato, della megafauna di acqua dolce evidenzia l'urgente necessità di azioni di conservazione per la biodiversità delle acque dolci. È importante migliorare il monitoraggio dell'andamento della popolazione e delle distribuzioni delle specie di acqua dolce in regioni come il Sud-est asiatico, l'Africa e il Sud America. Dopotutto, i cambiamenti nell'abbondanza e nella distribuzione sono indicatori migliori della condizione degli ecosistemi e dei loro organismi viventi rispetto all'estinzione delle specie.” Questa ricerca è stata pubblicata da Global Change Biology. (3)

Riferimenti:

(1) Sonja Jähnig

(2) Fengzhi He

(3) The global decline of freshwater megafauna

Descrizione foto: con un peso massimo di circa 130 chilogrammi, il gar alligatore è uno dei più grandi pesci d'acqua dolce del Nord America. Credit: Zeb Hogan.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: 88 Percent Decline of Big Freshwater Animals

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.