I piccoli alcidi che vivevano nel Pacifico


I piccoli alcidi che vivevano nel Pacifico

I risultati di un osso fossile di 700.000 anni indicano che un parente stretto delle specie di uccelli marini più abbondanti nel Nord Atlantico, il moderno dovekie, o “piccolo alcide”, prosperava nell'Oceano Pacifico e in Giappone.

Sebbene il Nord Pacifico sia stato un'area chiave per le indagini sull'ecologia e l'evoluzione degli uccelli marini, la documentazione fossile degli uccelli marini è stata scarsa nel Pacifico settentrionale occidentale. Questo studio descrive i nuovi resti di uccelli marini dei gruppi Pleistocene Kazusa e Shimosa, l'isola centrale di Honshu, in Giappone, aggiungendo una nuova visione della fauna di uccelli marini del Pleistocene nella regione.

Gli uccelli marini sono i principali predatori nell'ecosistema marino e la loro distribuzione è modellata da numerosi fattori ambientali nell'oceano. Pertanto, sono state condotte ampie indagini scientifiche su come gli uccelli marini rispondono alle fluttuazioni degli ambienti oceanici nelle scale temporali ecologiche e geologiche.

«Il Pacifico settentrionale è risultata una delle regioni più studiate, ma i reperti fossili di uccelli marini nell'epoca del Pleistocene, da circa 2,6 a 0,01 milioni di anni fa, sono stati scarsi», spiega il primo autore, il dottor Junya Watanabe (1) del Department of Earth Sciences della University of Cambridge. «Ciò ha portato a una frustrante mancanza di informazioni in questo periodo di tempo critico riguardo all'origine delle moderne comunità di uccelli marini».

Negli ultimi anni, Junya Watanabe e il suo team hanno studiato fossili di uccelli marini da diverse località nelle prefetture di Chiba e Tokyo, ottenendo nuove informazioni sulla comunità di uccelli marini del Pleistocene nella regione.

Il gruppo era riuscito a identificare 17 fossili che rappresentavano almeno 9 specie di uccelli: tre specie di anatre, un lunatico, un albatro, una berta maggiore, un cormorano, un uccello marino estinto simile a un pinguino chiamato mancalline auk e un tortora. La maggior parte di queste specie può essere trovata nella regione oggi; tuttavia, la presenza di un dovekie era del tutto inaspettata.

Il dottor Junya Watanabe, le cui scoperte sono descritte nel Journal of Vertebrate Paleontology, (2) spiega: «All'inizio ci ha confuso il fatto che il fossile non corrispondesse a nessuno degli alcidi (Auks) del Pacifico, ma una volta confrontato con quelle dell'Atlantico, la somiglianza con il moderno dovekie (la gazza marina minore o piccola alca) era evidente. Non è chiaro se il fossile attuale sia della stessa specie o un cugino molto stretto, ma siamo certi che almeno provenga dalla stessa stirpe. Ora la domanda è perché attuamente i dovekies sono così rari nel Pacifico settentrionale, è quasi paradossale data la loro abbondanza nell'Atlantico settentrionale. Quella domanda rimane inspiegabile, almeno fino al recupero e allo studio di ulteriori materiali fossili».

I dovekies che conosciamo oggi sono per lo più limitati agli oceani del Nord Atlantico e dell'Artico, con i loro rari avvistamenti in Giappone considerati visite accidentali. Data l'improbabilità che tali visitatori accidentali venissero preservati come fossili, le nuove scoperte suggeriscono che un tempo i dovekies erano abbastanza comuni in Giappone e nel Pacifico.

È interessante notare che gli eventi locali di declino ed estinzione in passato sono comuni in molti gruppi di uccelli marini. Decifrare le possibili cause di tali eventi richiede l'integrazione della conoscenza di varie discipline, tra cui paleontologia, paleoclimatologia, oceanografia ed ecologia degli uccelli marini. Watanabe e il suo team lo considerano uno sforzo impegnativo ma gratificante.

Informazioni sulla Kyoto University

L'Università di Kyoto è una delle principali istituzioni di ricerca del Giappone e dell'Asia, fondata nel 1897 e responsabile della produzione di numerosi premi Nobel e vincitori di altri prestigiosi premi internazionali. Un ampio curriculum di arti e scienze sia a livello universitario che universitario è integrato da numerosi centri di ricerca, nonché da strutture e uffici in Giappone e nel mondo. (3)

Riferimenti:

(1) Junya Watanabe

(2) Seabirds (Aves) from the Pleistocene Kazusa and Shimosa groups, central Japan

(3) Kyoto University

Descrizione foto: Distribuzione attuale del moderno dovekie attraverso l'Atlantico. - Credit: Kyoto University/Junya Watanabe (dovekie photo by Justine Ammendolia).

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: The little auks that lived in the Pacific

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.