Il cervello degli emicranici è ipereccitabile


Il cervello degli emicranici è ipereccitabile

Il cervello di chi soffre di emicrania è ipereccitabile. I ricercatori hanno iniziato a testare una teoria secondo cui almeno una parte della risposta risiede nella corteccia visiva, la parte del nostro cervello responsabile della visione.

Le emicranie sono caratterizzate da mal di testa debilitanti e persistenti, spesso accompagnate da una maggiore sensibilità agli stimoli visivi o sensoriali. Le cause esatte di questi mal di testa non sono ben comprese, anche se gli scienziati ritengono che possano essere correlate a cambiamenti temporanei nelle sostanze chimiche, nei nervi o nei vasi sanguigni nel cervello.

In un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neuroimage: Clinical, (1) i ricercatori hanno iniziato a testare una teoria secondo cui almeno una parte della risposta risiede nella corteccia visiva, la parte del nostro cervello responsabile della visione.

Il dottor Terence Chun Yuen Fong, autore principale dello studio, ha spiegato: «La maggior parte degli emicranici riferisce anche di provare sensazioni visive anormali nella loro vita quotidiana, ad esempio allucinazioni elementari, disagi visivi e sensibilità alla luce extra. Crediamo che questo suggerisca un legame tra l'esperienza dell'emicrania e le anomalie nella corteccia visiva. I nostri risultati forniscono la prima prova per questa teoria, scoprendo uno specifico modello di risposta cerebrale tra gli emicranici.»

Lo studio è stato condotto da ricercatori del Center for Human Brain Health and School of Psychology dell'Università di Birmingham e del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Lancaster. Il team ha avviato un esperimento con un gruppo di 60 volontari, metà dei quali erano emicranici, che soffrivano regolarmente di emicrania. Ai partecipanti è stato presentato un motivo a griglia a strisce e è stato chiesto di valutarlo in base al fatto che fosse scomodo da guardare o ad eventuali fenomeni visivi associati dal vederlo.

In un ulteriore test, i partecipanti sono stati sottoposti a un test di elettroencefalogramma (EEG), in cui i ricercatori erano in grado di tracciare e registrare i modelli di onde cerebrali quando venivano presentati gli stimoli visivi.

In entrambi i test, i ricercatori hanno trovato una risposta più ampia nella corteccia visiva tra il gruppo dei malati di emicrania quando ai partecipanti sono state presentate le grate.

Lo studio ha anche preso in considerazione i risultati di un sottogruppo di non emicranici, i partecipanti che hanno riportato disturbi visivi aggiuntivi, una caratteristica comune delle emicranie. Sorprendentemente, è stato scoperto che questi partecipanti hanno anche mostrato ipereccitabilità nella risposta della loro corteccia visiva.

Il dottor Ali Mazaheri, (2) autore senior del documento, spiega: «Il nostro studio fornisce prove del fatto che sono presenti anomalie specifiche nel modo in cui la corteccia visiva dei malati di emicrania elabora informazioni dal mondo esterno. Tuttavia, sospettiamo che sia solo una parte delle cause, dal momento che gli stessi schemi di attività possono essere visti anche nei non emicranici che sono sensibili a determinati stimoli visivi.»

Il prossimo passo di questa ricerca sarà monitorare nel tempo il gruppo per vedere se la loro risposta agli stimoli visivi cambia man mano che si avvicinano all'emicrania e provare a mappare quali altri cambiamenti fisiologici potrebbero verificarsi. Questo aprirà la strada per essere in grado di prevedere l'emicrania e aiutare a prevenirne l'insorgenza.

L'Università di Birmingham è classificata tra le prime 100 istituzioni al mondo. Il suo lavoro porta persone da tutto il mondo a Birmingham, inclusi ricercatori, insegnanti e oltre 6.500 studenti internazionali provenienti da oltre 150 paesi.

Riferimenti:

(1) Differences in early and late pattern-onset visual-evoked potentials between self- reported migraineurs and controls

(2) Ali Mazaheri

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: The brain of migraine sufferers is hyper-excitable, new study suggests

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.