Il rapido sviluppo in Africa aumenta il rischio di epidemie e di malattie infettive

La rapida urbanizzazione e la crescita economica in Africa centrale renderà la regione più vulnerabile agli attacchi di epidemie e di malattie infettive

Gli scienziati chiedono investimenti nelle infrastrutture sanitarie in Africa per contrastare le malattie.

La regione dell'Africa centrale sta vivendo una rapida urbanizzazione, crescita economica e sviluppo delle infrastrutture.

Secondo un gruppo internazionale di scienziati, questi cambiamenti, sebbene generalmente positivi e graditi, rendono la regione più vulnerabile agli attacchi di malattie infettive esplosive.

Scrivendo nel New England Journal of Medicine,(1) gli autori, che hanno tutti esperienza di ricerca sul campo nella regione, osservano che gli sforzi per costruire l'infrastruttura sanitaria in Africa centrale sono critici per mitigare o prevenire un grande focolaio di Ebola o altra malattia infettiva nella regione. Gli autori rappresentano 12 diverse organizzazioni, tra cui l'Istituto Nazionale di allergie e malattie infettive, parte del National Institutes of Health.

Citando l'esempio dell'epidemia di Ebola del 2013-2016 in Africa occidentale, si nota che la Liberia, la Sierra Leone e la Guinea hanno tutti una grande popolazione urbana e mobile. Tra gli altri fattori, questo ha permesso al virus Ebola di diffondersi rapidamente attraverso questi paesi e sopraffare le loro limitate infrastrutture sanitarie, provocando oltre 28.000 casi di malattia da virus Ebola e 11.000 morti.

Attraverso il loro campo in Africa centrale lavorano per diversi anni - principalmente nella Repubblica del Congo e nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) - i ricercatori hanno osservato quello che descrivono come il tasso di urbanizzazione più veloce al mondo. Entro il 2030, scrivono, si prevede che metà della popolazione dell'Africa centrale vivrà in aree urbane.

Hanno visto l'evoluzione delle tracce di jeep un tempo solcate utilizzate per accedere a villaggi remoti ora accessibili da strade asfaltate, tipicamente legate alla crescita delle industrie del disboscamento, minerarie e idroelettriche. La costruzione di strade e disturbi simili nel terreno della giungla alterano gli ecosistemi in cui risiedono gli agenti patogeni e i loro ospiti, notano. Ciò aumenta l'opportunità di far emergere nuove malattie infettive e riduce il tempo che impiega le persone a spostarsi da e verso le aree urbane, consentendo agli epidemie di diffondersi rapidamente.

"Chiaramente, l'Africa centrale si sta rapidamente avvicinando a un punto critico", affermano gli autori. "Lo sviluppo economico dell'Africa è un cambiamento positivo che non può e non deve essere fermato. Allo stesso tempo, le rapide transizioni economiche e demografiche portano le sfide di epidemie di malattie infettive emergenti di maggiore frequenza, dimensioni e impatto globale".

Ritengono che l'aumento della popolazione, del reddito e del livello di istruzione potrebbe stimolare la domanda di servizi migliori, compresa l'assistenza sanitaria. Inoltre, gli investimenti diretti nell'infrastruttura di ricerca clinica potrebbero includere la formazione degli operatori sanitari per identificare, segnalare e gestire adeguatamente i casi di malattie infettive emergenti sconosciute; diagnosticare i pazienti; fornire assistenza clinica; e testare nuovi vaccini e terapie.

"Gli investimenti diretti e sostenuti sono urgentemente necessari prima che i cambiamenti demografici ed economici in atto cospirino per causare importanti focolai sia nazionali che internazionali", scrivono.

Riferimenti:

(1) Outbreaks in a Rapidly Changing Central Africa — Lessons from Ebola

Per pianificare le interviste, si prega di contattare Ken Pekoc, 001 (301) 402-1663, kpekoc@niaid.nih.gov.

Descrizzione foto: i cerchi rossi indicano le aree delle principali infezioni umane dello Zaire ebolavirus; il cerchio blu indica l'epidemia di recente contenuta con il suo epicentro nella regione di Bikoro; e il cerchio giallo indica lo scoppio in corso nella regione del Nord Kivu della RDC. La densità della costruzione della strada è indicata in rosso. NIAID

Autore: Vincent Munster, Ph.D., capo dell'unità di ecologia del virus nel Laboratorio di Virologia del NIAID, è disponibile per discutere di questo lavoro.

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.