Il sonno può prevedere l'Alzheimer


Il sonno può prevedere l'Alzheimer

La nuova ricerca della UC Berkeley suggerisce che una difesa contro l'Alzheimer, questa forma virulenta di demenza per la quale attualmente non esiste alcun trattamento, è il sonno profondo e ristoratore, e in abbondanza.

I neuroscienziati della UC Berkeley, i dottori Matthew Walker (1) e Joseph Winer hanno trovato un modo per stimare, con un certo grado di accuratezza, un lasso di tempo in cui è più probabile che l'Alzheimer colpisca nella vita di una persona.

«Abbiamo scoperto che il tuo sonno, in questo momento, è quasi come una sfera di cristallo che ti dice quando e quanto velocemente si svilupperà la patologia di Alzheimer nel tuo cervello. Il lato positivo qui è che c'è qualcosa che possiamo fare al riguardo. Il cervello si 'lava' da solo durante il sonno profondo, quindi potrebbe esserci la possibilità di tornare indietro nel tempo dormendo di più nelle prime fasi della vita», ha detto Walker, professore di psicologia e neuroscienze alla UC Berkeley e autore senior del articolo pubblicato sulla rivista Current Biology. (2)

Il professor Walker e altri ricercatori hanno confrontato la qualità del sonno notturno di 32 anziani sani con l'accumulo nel loro cervello della placca tossica nota come beta-amiloide, un attore chiave nell'insorgenza e nella progressione dell'Alzheimer, che distrugge i percorsi della memoria e altre funzioni cerebrali affliggendo più di 40 milioni di persone in tutto il mondo.

I loro risultati mostrano che i partecipanti allo studio che hanno iniziato sperimentando un sonno più frammentato e un sonno a onde lente con movimenti oculari meno rapidi (non REM) avevano più probabilità di mostrare un aumento della beta-amiloide nel corso dello studio.

Sebbene tutti i partecipanti siano rimasti sani per tutto il periodo di studio, la traiettoria della loro crescita beta-amiloide era correlata alla qualità del sonno di base. I ricercatori sono stati in grado di prevedere l'aumento delle placche beta-amiloidi, che si pensa segnino l'inizio dell'Alzheimer.

Un campanello d'allarme

«Piuttosto che aspettare che qualcuno sviluppi nel tempo la demenza, siamo in grado di valutare come la qualità del sonno predice i cambiamenti nelle placche beta-amiloidi su più punti temporali. In tal modo, possiamo misurare la velocità con cui questa proteina tossica si accumula nel cervello nel tempo, il che può indicare l'inizio della malattia di Alzheimer», ha affermato il dottor Winer, autore principale dello studio e dottore di ricerca. studente del Walker's Center for Human Sleep Science (3) presso l'Università di Berkeley.

Oltre a prevedere il tempo necessario per l'insorgenza dell'Alzheimer, i risultati rafforzano il legame tra il sonno povero e la malattia. Mentre studi precedenti hanno scoperto che il sonno purifica il cervello dai depositi di beta-amiloide, queste nuove scoperte identificano il sonno profondo a onde lente non REM come l'obiettivo dell'intervento contro il declino cognitivo.

E anche se i test genetici possono prevedere la propria suscettibilità intrinseca all'Alzheimer e gli esami del sangue offrono uno strumento diagnostico, nessuno dei due offre il potenziale per un intervento terapeutico sullo stile di vita che il sonno fa, sottolineano i ricercatori.

«Se un sonno profondo e ristoratore può rallentare questa malattia, dovremmo renderla una priorità importante», ha detto Winer. «Se i medici conoscono questa connessione, possono consigliare ai loro pazienti più anziani una migliore qualità del sonno come strategia di prevenzione».

Strategie nella conduzione dello studio

I 32 partecipanti sani di 60, 70 e 80 anni che sono stati arruolati nello studio sul sonno. Essi fanno parte del Berkeley Aging Cohort Study (4) guidato dal professore di salute pubblica della UC Berkeley William Jagust, (5) anche coautore di questo ultimo studio.

Lo studio sull'invecchiamento in buona salute è stato avviato nel 2005 con una sovvenzione del National Institutes of Health.

Per l'esperimento, ogni partecipante ha trascorso una notte di sonno di otto ore nel laboratorio di Walker mentre si sottoponeva a polisonnografia, un sistema di test che registra le onde cerebrali, la frequenza cardiaca, i livelli di ossigeno nel sangue e altre misure fisiologiche della qualità del sonno.

Nel corso dello studio pluriennale, i ricercatori hanno periodicamente monitorato il tasso di crescita della proteina beta-amiloide nel cervello dei partecipanti utilizzando la tomografia a emissione di positroni o le scansioni PET e hanno confrontato i livelli di beta-amiloide degli individui con i loro profili di sonno.

I ricercatori si sono concentrati sull'attività cerebrale presente durante il sonno profondo a onde lente. Hanno anche valutato l'efficienza del sonno dei partecipanti allo studio, che è definita come il tempo effettivo trascorso da addormentato, in contrapposizione a giacere insonni a letto.

I risultati hanno supportato la loro ipotesi che la qualità del sonno sia un biomarcatore e predittore di malattie nel corso del tempo.

I progetti futuri

Per quanto riguarda i prossimi passi, Matthew Walker e Joseph Winer stanno esaminando come possono prendere i partecipanti allo studio che sono ad alto rischio di contrarre l'Alzheimer e implementare metodi che potrebbero migliorare la qualità del loro sonno.

Suggerimenti per migliorare la qualità del sonno

  • Mantieni una routine del sonno regolare, andando a letto e alzandoti alla stessa ora ogni giorno.
  • Come parte di una routine notturna di relax, evita di guardare gli schermi di computer, smartphone e TV nell'ultima ora prima di andare a dormire e tieni i telefoni e altri dispositivi digitali fuori dalla camera da letto.
  • Impegnati in qualche forma di esercizio fisico durante il giorno.
  • Ottieni l'esposizione alla luce solare naturale, soprattutto nella prima metà della giornata.
  • Evita gli stimolanti, come la caffeina, e i sedativi, come l'alcol, nel corso della giornata.
  • Se non riesci a dormire, alzati dal letto e svolgi un'attività rilassante lontano dalla camera da letto, come leggere in condizioni di scarsa illuminazione. Torna a letto solo quando hai sonno.
  • Sottoponiti a uno screening per l'apnea notturna se sei noto per essere un russatore pesante e / o ti senti eccessivamente stanco durante il giorno.
  • Consulta il tuo medico se soffri di insonnia e informati sulla terapia cognitivo comportamentale per l'insonnia (CBTI).

Riferimenti:

(1) Matthew Walker

(2) Sleep Disturbance Forecasts ß-Amyloid Accumulation across Subsequent Years

(3) Walker's Center for Human Sleep Science

(4) Berkeley Aging Cohort Study

(5) William Jagust

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: How we sleep today may forecast when Alzheimer’s disease begins

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.