Isole Marshall più radioattive di Chernobyl

Isole Marshall più radioattive di Chernobyl

Le radiazioni in alcune parti delle Isole Marshall sono più alte di Chernobyl. Uno studio della Columbia University suggerisce che i residenti non tornano in diverse isole disabitate fino a quando le aree non vengono accuratamente pulite e ulteriormente valutate per la sicurezza.

I livelli di radiazione in alcune regioni delle Isole Marshall nel Pacifico centrale, dove gli Stati Uniti hanno condotto test nucleari durante la guerra fredda, sono di gran lunga superiori rispetto alle aree colpite dalle catastrofi nucleari di Chernobyl e Fukushima.

Tre studi pubblicati in Atti della National Academy of Sciences (PNAS) (1) da un gruppo di ricerca della Columbia, guidato da Emlyn Hughes (2) e Malvin Ruderman (3) del Columbia Center for Nuclear Studies, hanno dimostrato che la concentrazione di isotopi nucleari su alcune delle isole era ben al di sopra del limite di esposizione legale stabilito negli accordi tra Stati Uniti e Repubblica delle Isole Marshall. Gli studi hanno misurato campioni di suolo, sedimenti oceanici e una varietà di frutti.

Quasi 70 bombe nucleari che gli Stati Uniti hanno fatto esplodere tra il 1946 e il 1958 hanno lasciato una diffusa contaminazione sulle isole, una catena di atolli a metà strada tra l'Australia e le Hawaii. La più grande detonazione nucleare, “Castle Bravo”, nel 1954 presso l'atollo di Bikini, era 1.000 volte più potente di entrambe le bombe sganciate sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le Isole Marshall hanno registrato una rapida crescita dagli anni '60.

La maggior parte dei residenti della nazione vive su due isole affollate e non è in grado di tornare alle proprie isole a causa della contaminazione nucleare. Le ricadute nucleari dei test si concentrano maggiormente sugli atolli Bikini, Enewetak, Rongelap e Utirik.

“In base ai nostri risultati, concludiamo che per garantire il trasferimento sicuro agli atolli di Bikini e Rongelap, è necessario un ulteriore risanamento ambientale... per evitare un'esposizione potenzialmente dannosa alle radiazioni”, hanno scritto gli autori dello studio, che includono anche Ivana Nikolic Hughes, (4) professoressa associata di chimica alla Columbia.

Riferimenti:

(1) Radiation maps of ocean sediment from the Castle Bravo crater

(2) Emlyn Hughes

(3) Malvin Ruderman

(4) Ivana Nikolic Hughes

Descrizione foto: gli Stati Uniti hanno usato le Isole Marshall come banco di prova per 67 test di armi nucleari dal 1946 al 1958, causando catastrofi umane e ambientali che persistono ancora oggi. Credit: World Future Council.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Radiation in Parts of Marshall Islands is Higher Than Chernobyl

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.