Mare di Terragona pieno di micro fibre di plastica

Mare di Terragona pieno di microfibre di plastica

Il 57 per cento dei rifiuti di plastica sulla costa di Tarragona sono fibre di abbigliamento provenienti dalle lavatrici

L'acqua di mare, le spiagge e i sedimenti della costa di Tarragona, città portuale della regione della Catalogna, nel nord-est della Spagna, contengono quantità di plastica simili a quelle di una grande città come Barcellona. E più della metà sono le fibre di abbigliamento delle lavatrici. Questo è uno dei risultati principali di uno studio, presentato recentemente ad un congresso a Helsinki, condotto dagli studiosi del gruppo di ricerca di URV Tecnatox.

I ricercatori non si riferiscono esclusivamente ai rifiuti di plastica che possono essere visti galleggiare sull'acqua o essere trasportati dalle onde. Ciò che più li preoccupa è la presenza di rifiuti di plastica microscopici che non possono essere visti ad occhio nudo ma che possono avere un impatto sulla salute umana.

Lo studio di queste particelle e dei loro effetti è l'obiettivo principale dei ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Chimica dell'URV e del Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare.

In una serie di studi pionieristici, iniziati nel 2018, hanno analizzato campioni di acqua marina, sedimenti marini e sabbia delle spiagge di Tarragona per determinare la presenza di materie plastiche e la loro possibile fonte.

Queste materie plastiche vengono veicolate in mare da torrenti e grandi fiumi come l'Ebro, nonché dal sistema di drenaggio e dalle scariche sottomarine. Provengono anche da scarichi industriali di polimeri plastici e scarichi diretti in mare da parte di imbarcazioni. Tuttavia, studi recenti hanno rivelato altre possibili fonti di inquinamento: per esempio, le fibre sintetiche che provengono dai vestiti durante il lavaggio.

Dai campioni prelevati dalla costa di Tarragona, i ricercatori hanno osservato:

  • che fino al 57 per cento di tutte le materie plastiche analizzate dall'acqua di mare sono fibre microscopiche provenienti dai vestiti;
  • che fluiscono nelle parti del trattamento e che vengono rimosse solo parzialmente prima che l'acqua sia infine scaricata nel mare.

I risultati dell'analisi dei sedimenti e della sabbia delle spiagge hanno rivelato l'esistenza di plastiche microscopiche appartenenti a tre gruppi principali: polipropilene (42%), polistirolo (37%) e polietilene (16%). Tutte queste materie plastiche sono i prodotti di scarto delle cose di tutti i giorni come borse, involucri, contenitori e recipienti di ogni tipo.

La plastica che viene portata sulle spiagge non si degrada; è solo suddivisa, dalla forza delle onde, in pezzi sempre più piccoli. Questi piccoli pezzi di plastica sono indicati come microplastiche quando hanno dimensioni di pochi millimetri (fino a 5) e come nanoplastiche quando sono più piccoli di un millimetro.

La presenza di questi rifiuti nel mare non è solo un problema di inquinamento bensì anche un rischio per la salute. Le microplastiche possono essere ingerite nel cibo dagli esseri umani, che non deve necessariamente essere un pesce. Sia gli invertebrati marini, come i molluschi e i crostacei, sia i pesci che vivono sul fondo del mare ingeriscono i microscopici pezzi di plastica nell'acqua e nei sedimenti. A seconda della dimensione di questi pezzi possono bloccare il tubo digerente e causare la morte. Quando vengono pescati i frammenti di plastica si trovano nell'apparato digestivo.

Le materie plastiche marine assorbono anche metalli pesanti potenzialmente tossici e molecole organiche. Queste plastiche rimangono nel sistema digestivo degli organismi marini e quindi possono essere trasmesse alle persone che le mangiano.

Il prossimo passo sarà studiare se le nanoplastiche possono attraversare le membrane delle cellule del fegato, dei reni e del sistema nervoso. A questo proposito, i ricercatori di TecnATox stanno sviluppando nuovi metodi per rilevare queste nanoplastiche in cellule biologiche che consentiranno di valutare gli effetti nocivi di questi rifiuti sulla salute umana.

Descrizione foto: i ricercatori stanno analizzando campioni di acqua marina, sedimenti marini e sabbia delle spiagge di Tarragona. - Credit: universitatURV

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: More than half of the plastic waste on the Tarragona coast consists of clothing fibres from washing machines

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.