Effetto immigrazione: in Europa disoccupazione giovanile alle stelle

Disoccupazione giovanile europeaPiù istruiti della generazione precedente, i giovani europei sono senza lavoro.

È il quadro che emerge da un rapporto della Commissione Europea, secondo il quale l’82% dei ragazzi in Ue, tra i 20 e i 24 anni, ha completato il ciclo scolastico, eppure 8,7 milioni di ragazzi tra i 18 e i 29 anni non hanno lavoro e 13,7 milioni non solo sono disoccupati, ma non seguono alcuna attività di formazione o training, facendo parte dei così detti, con un penoso anglicismo, Neet.

Deve essere per questo, che invece di rimpatriare i giovani clandestini, la Ue li ‘ricolloca’. Andranno ad ingrossare le fila dell’immigrazione, peggiorando la situazione.

Il rischio povertà o esclusione riguarda quasi 27 milioni di giovani in Europa.

Contratti a tempo parziale non per libera scelta o permanenza prolungata in posti di lavoro temporanei, espongono questa generazione a un rischio povertà di lungo termine, come sottolinea la Commissione Ue.

Le conseguenze si riscontrano anche nella partecipazione alla vita sociale: i ragazzi inattivi partecipano sempre meno al voto e ripongono scarsa fiducia nelle istituzioni. Ma questo è quello che la UE spera: non votate, lasciateci governare.

Non solo. A dare un’altra ‘botta’ alla bufala dell’immigrazione come risorsa, il fatto che i giovani che provengono da un contesto migratorio hanno una più alta possibilità di diventare Neet: la disoccupazione di giovani con genitori immigrati supera di quasi del 50% quella degli altri giovani nei paesi Ue.

Francia docet: lungi dal rappresentare una risorsa, le seconde e terze generazioni rappresentano un peso sociale enorme.

Mentre tra il 2011 e il 2014 si registrano significativi aumenti nel tasso di attività in paesi come la Croazia, il Lussemburgo e l’Ungheria, è invece diminuito particolarmente in Spagna, Belgio, Estonia e Portogallo.

La mancanza di un lavoro rende difficile per i giovani potersi permettere l’affitto di una casa, il pagamento di servizi e di beni basilari come anche il cibo e l’assistenza sanitaria.

Stanno distruggendo una generazione, importando manodopera low-cost dal terzo mondo.

È diventato difficile permettersi attività culturali, andare al teatro, ai concerti e visitare musei , limitando così lo sviluppo di capacità creative, artistiche o semplicemente dei propri interessi. La fascia più colpita dalla disoccupazione è quella tra i 15 e i 24 anni soprattutto in Grecia (52,4%) e in Spagna (52.2%).

Ma anche in paesi come Germania, Norvegia e Islanda il tasso di disoccupazione per questo stesso gruppo di età è comunque molto elevato: intorno al 10%.

Questi dati, cozzano con la litania che l’Europa continua a invecchiare e quindi manca manodopera che va importata. Una bufala.

Ma se non riuscite a dare lavoro ai giovani europei, che senso ha, importarli, se non fare un favore a chi vuole schiavi da sfruttare invece di lavoratori?

Fonte: voxnews.info

Commenti

Ritratto di Anonimo

Anonimo

Forse siamo semplicemente noi che abbiamo educato male i nostri figli. Suppongo sia vero che un immigrato è più a rischio di lavorare "come schiavo" anziché ricevere un regolare contratto e contribuire, così, al welfare dell'Europa e della nazione in cui vive. Però tanti giovani nostrani dovrebbero viaggiare per imparare ("errando discitur", dicevano i romani), come forma di formazione, di apertura mentale.

Invece, tornati a casa dal viaggio favoloso di cui sono andati vantandosi con tutti, si recano dal parente o dall'amico politico o dall'amico sindacalista per chiedere consiglio.

Loro, forse, risolvono il proprio problema personale, ma i problemi restano (e ne risentono anche loro che sono riusciti, in qualche modo, ad ottenere qualcosina).

Le mie relazioni familiari sono, e restano, importanti. Ma il mondo cambia, non continuiamo a farci prendere in giro continuando a ragionare come alcuni anni fa. E' emergenza educativa! Non solo emergenza immigrazione, che pure esiste.

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.