Inquinamento luminoso in Svizzera: i LED peggioreranno la situazione

Inquinamento luminoso in Svizzera: i LED peggioreranno la situazioneSe tutte le illuminazioni esterne in Svizzera venissero equipaggiate di LED bianchi neutri, l'inquinamento luminoso potrebbe raddoppiare rispetto ai livelli del 2015.

A lanciare l'allarme, rivolto anche alle autorità, è Dark Sky Switzerland, associazione che lotta contro questo tipo di fenomeni.

Già oggi un terzo della popolazione mondiale non può osservare la Via lattea dalla propria abitazione a causa delle fonti luminose. Questo dato sale al 60% in Europa. In Svizzera, le emissioni di luce sono aumentate del 70% dagli anni '90. Il passaggio totale ai diodi a emissione di luce (LED) farebbe peggiorare ulteriormente la situazione, afferma Dark Sky Switzerland (DSS) in un comunicato odierno.

“Ogni illuminazione artificiale è inquinamento luminoso”, ha affermato all'ats Stefano Klett, vice presidente di DSS. I LED bianchi neutri non farebbero che peggiorare le cose. Questa tecnologia produce alla fonte una luce detta "blu", che si disperde fortemente nell'atmosfera.

Nelle Alpi svizzere, l'aumento di luminosità incrementerebbe dall'attuale 8% al 32%, mentre nelle zone urbane si passerebbe dal 1020% al 2050%, ovvero quasi il doppio. Nelle aree delle grandi città come Zurigo la luminosità potrebbe essere percepita fino a 50 chilometri di distanza.

Gli effetti di questa situazione sono notevoli: queste particolari luci LED influiscono ad esempio sulla fotosintesi, che sfrutta l'alternanza notte-giorno, sulle abitudini degli animali notturni e anche sulla qualità del nostro sonno, sottolinea DSS.

L'associazione fa quindi appello alle autorità, chiedendo che la cosiddetta “temperatura di colore” di questi LED venga abbassata da 4'000 a 3'000 gradi Kelvin. In questo modo ci sarebbero meno conseguenze negative sull'ambiente e sulle persone.

Un'altra soluzione sarebbe quella di utilizzare sistemi di illuminazione automatici che aumentano o abbassano l'intensità luminosa in base alla presenza di traffico. “È veramente necessario lasciare la luce accesa quando non c'è nessuno?” si chiede Klett.

Fonte: bluewin.ch

Commenti

Giulia Pontin (non verificato)

Interessante articolo che mi ha dato un ottimo spunto di riflessione.

Del resto già da un paio di anni, da ecologista convinta come sono, ho cambiato le mie vecchie lampadine a incandescenza con quelle a led, dato che sono incredibilmente più efficenti, come avevo visto in questo articolo a suo tempo:

http://www.italianlightstore.com/blog/2016/10/cambiare-lampadine-vecchio-lampadario-con-led

In un modo o nell'altro l'uomo è sempre il padrone della natura purtroppo a quanto sembra, anche quando si opta per delle opzioni più ecologiche, queste hanno sempre un effetto su Gaia!

Questo secondo me significa che non dobbiamo mai rinunciare al rispetto della natura e impegnarci a ridurre sempre di più la nostra impronta ambientale, voi che ne pensate?

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.