Galassie

Nuove conoscenze sui gruppi di galassie dell'universo primordiale

Studio sul gas molecolare in ammassi di galassie lontane. Il gas molecolare è la materia prima che alimenta la formazione stellare in tutto l'universo.

Gli scienziati del MIT Kavli Institute for Astrophysics and Space(1) collaborano in uno dei più grandi studi mai condotti sul gas molecolare in ammassi di galassie lontane

Il gas molecolare è la materia prima che alimenta la formazione stellare in tutto l'universo. Ora, utilizzando il rivoluzionario telescopio ALMA (Atacama Large Millimeter Array), un team internazionale di scienziati ha condotto uno dei più grandi studi sul gas molecolare in ammassi di galassie distanti: rari conglomerati contenenti strati di galassie, trilioni di stelle e materia oscura.

Gli scienziati di Spitzer Adaptation del Red-sequence Cluster Survey (SpARCS)(2) hanno osservato le galassie all'interno di questi remoti cluster, come quando l'universo aveva solo 4 miliardi di anni, scoprendo che ospitano serbatoi di gas molecolare più grandi rispetto alle galassie che si trovano in ambienti tipicamente isolati con meno galassie vicine, note come galassie di campo.

“Ci aspettavamo di trovare carenze di gas molecolare in queste galassie a grappolo rispetto al campo”, afferma l'autrice principale Allison Noble,(3) post dottorato presso l'Istituto Kavli per l'astrofisica e la ricerca spaziale del MIT. “Le galassie nei gruppi vicini sono morte, prive di attività di formazione stellare e con poco o nessun gas molecolare. In questi cluster distanti, stiamo invece rilevando galassie ricche di gas, ma i loro tassi di formazione stellare sono pari a quelli delle galassie di campo”.

I risultati sono stati recentemente pubblicati su The Astrophysical Journal Letters.(4) La dottoressa Allison Noble è un membro del gruppo di ricerca di Kavli Institute, astronomo e assistente alla cattedra di fisica Michael McDonald,(5) che è il secondo autore sulla carta.

Da un buco nero fuoriesce una corrente di polveri fredde

Buco neroCostringe a ripensare le teorie su questi oggetti cosmici

Dal gigantesco buco nero attivo presente al centro di una galassia fuoriesce un vento di polveri fredde. La scoperta, inaspettata, è pubblicata sull'Astrophysical Journal ed ha sorpreso gli astrofisici al punto da costringerli a rivedere le teorie attuali su questi oggetti cosmici.

Il risultato si deve allo studio coordinato da Sebastian Honig, dell'università della California a Santa Barbara e all'università tedesca Christian-Albrechts a Kiel, e condotto in collaborazione con l'Osservatorio Europeo Meridionale (Eso).

Quasi tutte le galassie hanno un enorme buco nero al loro centro. Ma quando questi buchi neri crescono in maniera massiccia, divorando la materia che li circonda, diventano gli oggetti più energetici dell'Universo, chiamati nuclei galattici attivi. Le regioni centrali di questi oggetti sono circondate da 'ciambelle' di polvere cosmica, simile alla fuliggine di una candela, formata da grani di silicati e grafite, minerali abbondanti anche sulla Terra.

Si pensava che la maggior parte della forte radiazione infrarossa proveniente dai nuclei galattici attivi provenisse da queste ciambelle di polveri.