Booking.com

Un passo avanti nella guerra biologica con gli insetti?

Il programma chiamato Insetti Alleati ha intenzione di utilizzare gli insetti per disperdere virus geneticamente modificati nelle colture agricole

Un progetto di un'agenzia di ricerca del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti potrebbe essere facilmente utilizzato in modo improprio per sviluppare armi biologiche utilizzando gli insetti.

A causa dei conflitti armati attuali, il grande pubblico è ben consapevole degli effetti terrificanti delle armi chimiche, mentre gli effetti delle armi biologiche sono in gran parte scomparsi dalla consapevolezza pubblica. Un progetto finanziato da un'agenzia di ricerca del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sta ora suscitando preoccupazioni circa il suo eventuale uso improprio ai fini della guerra biologica. Il programma chiamato “Insect Allies” (Insetti Alleati) ha intenzione di utilizzare gli insetti per disperdere virus geneticamente modificati nelle colture agricole. Questi virus verrebbero progettati in modo da poter alterare i cromosomi delle piante attraverso la “modifica del genoma”.

Ciò consentirebbe di apportare rapidamente modifiche genetiche e su larga scala a colture che stanno già crescendo, come il mais. Nella rivista Science, gli scienziati del Max Planck Institute for Evolutionary Biology di Plön e dell'Institut des Sciences de l'Evolution di Montpellier insieme agli studiosi legali dell'Università di Friburgo sottolineano che questo tipo di sistema potrebbe essere più facilmente sviluppato per un uso come arma biologica che per lo scopo agricolo proposto.

I finanziatori dei programmi sostengono che la modifica del genoma utilizzando virus sintetici aprirà possibilità senza precedenti per modificare le proprietà delle piante coltivate in corso di crescita nei campi. Le piante potrebbero, ad esempio, essere geneticamente modificate per diventare quasi immediatamente meno sensibili ai parassiti o alla siccità. Fino ad ora, l'ingegneria genetica delle sementi commerciali si verificava sempre nei laboratori, con gli agricoltori che piantavano semi e dovevano sempre anticipare quali condizioni ambientali si sarebbero presentate durante una stagione di crescita.

Questo significa che, nel caso di una siccità inaspettata, solo gli agricoltori che avevano già piantato semi resistenti alla siccità avrebbero ottenuto benefici. Tuttavia, i creatori di questo progetto sostengono che l'ingegneria genetica nei campi offrirebbe agli agricoltori la possibilità di modificare le proprietà genetiche delle loro colture in qualsiasi momento. L'uso di questa tecnologia rappresenterebbe una rottura radicale con molte pratiche agricole esistenti, mettendo potenzialmente a rischio la loro coesistenza.

Alla fine del 2016, DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) ha lanciato un bando di gara per un piano di ricerca di 4 anni. Questo programma ha distribuito un totale di 27 milioni di dollari USA, con lo scopo di sviluppare virus geneticamente modificati che possono modificare geneticamente le colture nei campi. Il primo dei tre consorzi, provenienti da 14 strutture di ricerca americane, ha annunciato la propria partecipazione a metà 2017. Si ritiene che negli esperimenti attuali vengano utilizzate piante di mais e di pomodoro, mentre le specie di insetti di dispersione menzionate includono cicale, aleurodidi e afidi. Il piano di lavoro DARPA culminerà in dimostrazioni in serra del sistema pienamente funzionale, compresi i virus dispersi in insetti.

Dibattito pubblico assente

In dichiarazioni pubbliche, DARPA afferma che gli sviluppi derivanti dal programma Insects Allies sono destinati ad un uso agricolo di routine, ad esempio per proteggere le colture da siccità, gelate, inondazioni, pesticidi o malattie. Tuttavia, la maggior parte dei paesi che utilizzano tale tecnologia richiederebbe modifiche globali ai processi di approvazione degli organismi geneticamente modificati. Gli agricoltori, i produttori di sementi e, non da ultimo, il pubblico in generale subirebbero anche un massiccio impatto dall'uso di tali metodi.

“Non c'è quasi nessun dibattito pubblico sulle conseguenze di vasta portata della proposta di sviluppo di questa tecnologia. Il programma Insect Allies è in gran parte sconosciuto, anche in ambiti esperti”, afferma Guy Reeves del Max Planck Institute for Evolutionary Biology di Plön.

Tuttavia, scienziati e giuristi di Plön, Friburgo e Montpellier ritengono che sia urgentemente richiesto un ampio dibattito sociale, scientifico e legale sulla questione.
Tra le altre preoccupazioni, la loro opinione è che DARPA non abbia presentato ragioni convincenti contro l'uso degli insetti come mezzo incontrollato di dispersione di virus sintetici nell'ambiente.

Inoltre, sostengono che i risultati del programma Insects Allies potrebbero essere più facilmente usati per la guerra biologica che per un uso agricolo di routine. “È molto più facile uccidere o sterilizzare una pianta usando l'editing genetico piuttosto che renderla resistente agli insetti o agli erbicidi”, spiega Reeves.

Considerando queste e altre preoccupazioni espresse nell'articolo di Science, il programma DARPA rischia di essere percepito come un programma non giustificato per scopi pacifici, come richiesto dalla Convenzione sulle armi biologiche. Questo, a sua volta, può portare altri paesi a sviluppare le proprie armi in quest'area.

Nel diritto internazionale, il fattore decisivo è se un programma di ricerca biologica serve esclusivamente a scopi pacifici. La Convenzione sulle Armi Biologiche, a cui sono presenti più di 180 Stati, obbliga tutte le parti a non sviluppare o produrre in nessun caso agenti o tossine di tipi o quantità “che non giustificano fini profilattici, protettivi o altri scopi pacifici”.

La Convenzione sulle armi biologiche

“A causa dell'ampio divieto della Convenzione sulle Armi Biologiche, qualsiasi ricerca biologica di interesse deve essere plausibilmente giustificata in quanto a scopi pacifici. Il programma Insects Allies potrebbe essere considerato in violazione della Convenzione sulle armi biologiche, se le motivazioni presentate dalla DARPA non sono plausibili. Ciò è particolarmente vero considerando che questo tipo di tecnologia potrebbe essere facilmente utilizzato per la guerra biologica”, spiega Silja Vöneky, professore di legge presso l'Università di Friburgo.

Gli autori dell'articolo di Science temono anche che il programma Insects Allies possa incoraggiare altri stati ad aumentare le proprie attività di ricerca in questo campo, indipendentemente dal fatto che questo programma si riveli di successo tecnico o meno. Gli sforzi passati per vietare lo sviluppo di armi biologiche hanno dimostrato quanto sia importante che questo divieto sia applicato da Stati come gli Stati Uniti, che sono considerati un esempio da altri paesi. Sulla base di questo, gli autori propongono che gli Stati Uniti debbano fare sforzi proattivi per evitare qualsiasi sospetto di sviluppare tecnologie che abbiamo un allarmante potenziale di utilizzo nella guerra biologica.

Articolo originale del Max-Planck-Gesellschaft: A step towards biological warfare with insects? / Foto: Max-Planck-Gesellschaft / Traduzione e adattamento linguistico: Veronica Pesenti

Riferimenti:

(1) Agricultural research, or a new bioweapon system?

(2) Agricultural research or new bioweapon system? HEGAAs & DARPA

(3) Agricultural research or new bioweapon system? (Pdf)

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.