Una scarpa terapeutica per far camminare i pazienti con ictus

Una scarpa terapeutica per far camminare i pazienti con ictus

Una scarpa terapeutica progettata per migliorare il recupero dall'ictus si sta rivelando vincente e dovrebbe raggiungere il mercato entro la fine dell'anno.

Sono stati completati gli studi clinici sul dispositivo iStride brevettato e concesso in licenza negli Stati Uniti, precedentemente conosciuto con il nome di Gait Enhancing Mobile Shoe (GEMS), con risultati appena pubblicati sul Journal of NeuroEngineering and Rehabilitation. (1)

Chi soffre di ictus sperimenta debolezza muscolare o paralisi parziale su un lato del corpo, che influisce notevolmente sul modo in cui camminano, noto come andatura. L'asimmetria dell'andatura è associata a uno scarso equilibrio, una delle principali cause di problemi degenerativi che rendono le persone più sensibili a cadute e lesioni.

Il dispositivo iStride è legato sopra la scarpa della gamba sana e genera un movimento all'indietro, gravando sul passo esistente, rendendo più difficile camminare mentre si indossa la scarpa. Il movimento scomodo rafforza la gamba colpita dall'ictus, consentendo all'andatura di diventare più simmetrica una volta rimossa la scarpa. Il piede compromesso indossa una scarpa coordinata che rimane ferma.

“Il movimento all'indietro della scarpa viene generato passivamente reindirizzando la forza verso il basso di chi lo indossa durante la fase di posizione. Poiché il movimento è generato dalla forza di chi lo indossa, la persona ha il controllo, il che consente un più facile adattamento al movimento”, spiega lo sviluppatore Kyle Reed, PhD, (2) professore associato di ingegneria meccanica presso l'Università della Florida del sud. “A differenza di molti dei dispositivi esistenti di riabilitazione dell'andatura, questo dispositivo è passivo, portatile, indossabile e non richiede energia esterna.”

Lo studio ha incluso sei persone di età compresa tra 57 e 74 anni che hanno avuto un ictus cerebrale almeno un anno prima dello studio. Avevano tutti un'asimmetria abbastanza marcata da influire sulla loro capacità di camminare. Ciascuno ha ricevuto dodici sessioni di allenamento sull'andatura di 30 minuti ciascuna per quattro settimane. Con la guida di un fisioterapista, la simmetria dell'andatura e la camminata funzionale dei pazienti sono state misurate utilizzando il sistema Zeno Walkway di ProtoKinetics.

Tutti i partecipanti hanno migliorato la simmetria e la velocità dell'andatura. Ciò include il tempo necessario per alzarsi da una posizione seduta e camminare, nonché anche la tempistica per raggiungere una posizione specifica e la distanza percorsa entro sei minuti. Quattro hanno migliorato la percentuale di tempo trascorso in un ciclo di andatura con entrambi i piedi piantati simultaneamente a terra, noto come 'supporto a doppio arto'. Per quanto riguarda gli altri due pazienti, non sono migliorati: uno ha iniziato lo studio con grave compromissione, mentre l'altro era altamente funzionale. È anche importante notare che tre partecipanti si sono uniti allo studio limitandosi a camminare nelle loro abitazioni. Dopo il processo, due di loro hanno potuto passeggiare anche nei luoghi pubblici.

Il dottor Kyle Reed ha confrontato il suo metodo con uno studio precedente condotto sull'allenamento del tapis roulant a cintura divisa (SBT), che è comunemente usato dai fisioterapisti per aiutare i pazienti con ictus a migliorare la propria andatura. L'attrezzatura consente alle gambe di muoversi a velocità diverse, costringendo il paziente a compensare per rimanere sul tapis roulant. Anche se il sistema SBT migliora alcuni aspetti dell'andatura, a differenza di iStride, non rafforza il supporto a doppio braccio.

Quella ricerca ha concluso che solo circa il 60% dei pazienti addestrati sulla SBT ha corretto la propria andatura quando camminava in un ambiente normale. Camminare dipende dal contesto in cui i segnali visivi influiscono sulla rapidità con cui si tenta di muoversi e in quale direzione. IStride consente ai pazienti di adattarsi di conseguenza. Il movimento su un tapis roulant è prevedibile e fornisce agli individui una scena statica.

Poiché i pazienti sono spesso delusi dai loro progressi dopo essere stati dimessi dalla riabilitazione, la portabilità di iStride consente loro di imparare di nuovo a camminare in un ambiente tipico più spesso e per una durata più lunga. Il dottor Kyle Reed sta lavorando a una sperimentazione clinica a domicilio con 21 partecipanti e prevede di pubblicare i risultati entro il prossimo anno. Recentemente ha ricevuto una borsa di studio Fulbright per condurre ricerche presso il Politecnico di Hong Kong. Lavora nei dipartimenti di scienze della riabilitazione e ingegneria biomedica durante l'anno accademico 2019-2020.

Riferimenti:

(1) Relearning functional and symmetric walking after stroke using a wearable device: a feasibility study

(2) Kyle Reed

Descrizione foto: il dispositivo iStride è legato sopra la scarpa della gamba sana e genera un movimento all'indietro, gravando il passo esistente, rendendo più difficile camminare se si indossa la scarpa. Il movimento scomodo rafforza la gamba colpita dall'ictus, consentendo all'andatura di diventare più simmetrica una volta rimossa la scarpa. Credit: University of South Florida.

Autore traduzione riassuntiva e adattamento linguistico: Edoardo Capuano / Articolo originale: Stroke Patients Relearning how to Walk with Peculiar Shoe

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.