Il segreto per una buona dormita è stato finalmente svelato dagli scienziati…

SonnoSi dice che una coscienza pulita sia il cuscino migliore, ma secondo i risultati di un nuovo studio il segreto di una buona dormita è avere uno scopo per svegliarsi la mattina.

In questa ricerca, prima nel suo genere, gli scienziati americani hanno scoperto che avere uno scopo nella vita si traduce in meno disturbi notturni e una qualità del sonno migliore.

Anche se tutti i partecipanti allo studio erano persone di una certa età, i ricercatori hanno dichiarato che i risultati possono essere applicati a persone di ogni età, suggerendo che la riuscita di un buon sonno è già deciso prima che si vada a dormire.

I disturbi del sonno sono inoltre associati a molte malattie, come l’Alzheimer, disturbi cardiaci, l’obesità, diabete e anche raffreddori e influenze, quindi promuovere un sonno migliore potrebbe migliorare la salute.

“Aiutare le persone a coltivare uno scopo nella vita potrebbe essere una efficace strategia per migliorare la qualità del sonno senza l’ausilio di medicinali, soprattutto per un’utenza sempre più colpita da insonnia,” ha dichiarato Jason Ong, professore associato di neurologia alla Northwestern University Feinberg School of Medicine, in Illinois.

“Lo scopo della vita è qualcosa che può essere coltivato e migliorato attraverso terapie sulla consapevolezza di sé.”

Generalmente, gli adulti hanno bisogno di dormire tra le sette e le nove ore per notte, ma la quantità esatta varia da persona a persona, a seconda dell’età, dello stile di vita e dei geni.

L’inquinamento luminoso e il bagliore dei cellulari e dei tablet simulano la luce diurna, interrompendo il rilascio di melatonina, l’ormone del riposo, e alterando i nostri modelli di sonno.

I problemi di salute e di stile di vita che alterano il sonno sono: obesità, eccessivo consumo di alcol e bevande zuccherate, il fumo, la mancanza di attività fisica, i problemi di salute mentale, lo stress sul lavoro, i turni di lavoro, problemi finanziari e pendolarismo.

In questo nuovo studio, 823 persone tra i 60 e i 100 anni hanno risposto a un questionario di 10 domande sullo scopo della vita e a un questionario di 32 domande sul sonno. Coloro che reputavano che la loro vita avesse un senso avevano il 63% di probabilità in meno di soffrire di apnea notturna e il 52% in meno di soffrire di sindrome delle gambe senza riposo (RLS). Avevano inoltre una qualità del sonno moderatamente migliore.

L’apnea notturna è un disturbo diffuso che aumenta con l’età, in cui durante il sonno si hanno ripetutamente respiri deboli o pause nella respirazione. La sindrome delle gambe senza risposo provoca sensazioni scomode alle gambe e un impulso irrefrenabile di muoverle.

Per il questionario sullo scopo della vita, è stato chiesto agli intervistati di valutare le risposte ad affermazioni quali: “Sono felice quando penso a ciò che ho fatto nel passato e a ciò che spero di fare nel futuro.”
Il gruppo di ricercatori ora vuole vedere se terapie basate sulla consapevolezza di sé per migliorare lo scopo della vita possono anche migliorare la qualità del sonno.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista “Sleep, Science and Practice”.

Autrice: Sarah Knapton / Articolo originale: The secret of a good night's sleep has finally been found by scientists... / Foto di WerbeFabrik / Traduzione e adattamento linguistico: Veronica Pesenti

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.