Il disboscamento illegale: crimine organizzato che distrugge le foreste dell'America latina

Il disboscamento illegale: crimine organizzato che distrugge le foreste dell'America latinaIl traffico illecito di legname incoraggia altri crimini come la deforestazione, lo sfruttamento del lavoro, la tratta di esseri umani, l'invasione della terra, l'evasione fiscale, la falsificazione di documenti e la corruzione dello stato.

Il disboscamento illegale è il crimine contro le risorse naturali che genera più profitti nel mondo, è il terzo più grande crimine in tutto il mondo, secondo il rapporto intitolato “Transnational crime and the developing world”,(1) pubblicato nel marzo 2017 da Global Integrità finanziaria, un'organizzazione statunitense che indaga sui flussi finanziari illeciti.

Il valore dei profitti generati da questo crimine transnazionale in tutto il mondo è calcolato tra 52 e 157 miliardi di dollari all'anno, secondo la suddetta indagine. Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP)(2) stima che il 30% di tutto il legname venduto nel mondo sia illegale.

Insight Crime, un centro di ricerca sulla criminalità organizzata, ritiene che l'Amazzonia sia l'occhio della tempesta del disboscamento illegale. La deforestazione, insieme con l'estrazione illegale e il traffico di droga, sono i crimini più investigati in America Latina.(3)

Le foreste dell'America latina sono le seconde ad essere colpite dal disboscamento illegale dopo le foreste asiatiche, secondo l'UNEP. Solo nel 2014, il valore totale dell'esportazione di legname illegale grezzo e segato proveniente dal Sud America ha raggiunto in media 387 milioni di dollari USA, secondo l'Unione internazionale delle organizzazioni di ricerca forestali (IUFRO).(4)

Rolando Navarro, ricercatore presso il Center for International Environmental Law (CIEL),(5) che ha analizzato attentamente il traffico illegale di legname a livello sudamericano, ha dichiarato ad Allied News che “oltre il 75% del legno venduto in Sud America, entrambi internamente come per l'esportazione, non è legale”.

La dimensione del traffico di legno commercializzati illegalmente in America Latina è incredibile. Alla fine del 2012 l'Organizzazione internazionale della polizia criminale (Interpol) ha confiscato oltre 50.000 m³ di legname illegale, stimato in circa 8 milioni di dollari, a seguito del Progetto LEAF (Assistenza delle Forze dell'ordine nelle foreste),(6) condotto in 12 paesi Latino americani. Il disboscamento illegale è un crimine organizzato complesso ed è connesso ad molti altri crimini che si verificano l'un l'altro.

Alicia Abanto, associata all'Ambiente, ai Servizi pubblici e alle popolazioni indigene del Difensore civico del Perù, ha dichiarato ad Allied News che il traffico di legname è legato a crimini come la deforestazione, lo sfruttamento lavorativo, la tratta e l'invasione di terreni, evasione fiscale, falsificazione di documenti, corruzione dello stato e persino l'assassinio di leader della protezione delle foreste.

“Questi crimini persistono anche nel resto dei paesi dell'America Latina e nei Caraibi, sebbene con una maggiore incidenza nell'Amazzonia a causa della grande copertura forestale esistente”, ha affermato Abanto. “Una situazione comune è che il traffico illegale di legname inizia con l'uccisione di contadini o indigeni che sono stati assunti da un imprenditore del legname. Molte volte non sanno che il lavoro che stanno svolgendo è illegale e gli uomini d'affari ne approfittano”.

Guadagni multimilionari

Il segreto della redditività - spiega Insight Crime - del disboscamento e del traffico illegale di legname è il rapporto costi-benefici. Diamo un'occhiata alla dimensione monetaria di questa attività criminale nell'intero ciclo di produzione del legno fino alla sua esportazione: un taglialegna guadagna in media 70 dollari per m3 di mogano peruviano; tuttavia, l'esportatore della stessa legna guadagna 1,804 dollari per 0,028 m³, d'altra parte, gli importatori guadagnano fino a 3,170 dollari per m³. Questo enorme traffico del legno genera una evasione fiscale totale, sostiene afirmó Abanto.

Le specie più commercializzate sono: cumala (Virola sp.), tornillo (Cedrelinga catenaeformis), capinuri o chimicua (Clarisia biflora), lupuna (Chorisia integrifolia), capirona (Calycophyllum spruceanum), shihuahuaco (Coumarouna odorata), cachimbo (Cariniana domesticata), copaiba (Copaifera reticulata); cumala (Virola sebifera) y catahua (Hura crepitans).

Anche l'America centrale e i Caraibi sono interessati dal traffico illegale di legname.

La ricerca “A spatio-temporal analysis of forest loss related to cocaine trafficking in Central America” (Un'analisi spazio-temporale della perdita di foresta legata al traffico di cocaina in America Centrale),(7) pubblicata nel maggio 2017 dal portale scientifico IOPscience, si riferisce alla perdita delle foreste centroamericane guidate dal traffico di cocaina. A causa di questa attività illecita, il Guatemala, l'Honduras e il Nicaragua hanno perso, nell'ultimo decennio, tra il 15% e il 30% delle loro foreste ogni anno. Tra gli altri paesi le cui foreste sono colpite dal traffico di cocaina sono Costa Rica, El Salvador, Giamaica, Panama e Repubblica Dominicana.

La Environmental Investigation Agency (EIA), un'organizzazione statunitense dedita allo studio del traffico illegale di legname, ha condiviso informazioni con alcune newsletter per comprendere la dimensione del traffico illegale in America Latina. Il Messico è uno dei paesi dell'America Latina che acquisisce grandi quantità di legname, stando alle informazioni condivise da Julia Urrunaga, direttore in Perù di EIA. Quasi tutto il legname importato dal Messico proviene dal Brasile e dal Perù.

I dati pubblicati dall'IUFRO, basate sugli studi della Banca Mondiale nel 2006, le percentuali stimate del disboscamento illegale nei paesi dell'America Latina sono: Bolivia (80%), Amazzonia del Brasile (20% -47%), Colombia (42%), Ecuador (70%). Anche se nel caso del Perù la cifra era dell'80% nel 2006, Navarro sostiene che questa percentuale è già aumentata e dichiara: “Oserei dire che oltre il 90% del legname scambiato in Perù è illegale”.

Formula per lavare il legno illegale

L'ultimo studio EIA intitolato “Il momento della verità: opportunità o minaccia per l'amazzonia peruviana nella lotta contro il commercio illegale di legname”, pubblicato nel gennaio 2018, fornisce alcuni spunti sullo scenario del lavaggio illegale del legno. In questa ricerca, sono state analizzate solo le esportazioni di legname dal Perù, partito nel 2015 attraverso Callao, il principale porto del paese, e si è stabilito che il 17% dei punti di estrazione del legno sono di origine illegale; Il 16% di origine legale e il 67% di origine non meglio precisata, ma ci sono indicazioni che è anche illegale.

L'inchiesta ha inoltre stabilito che i paesi in cui il Perù esporta il proprio legname, compreso il legname di provenienza illegale, sono Cina, Repubblica Dominicana, Stati Uniti, Messico, Francia, Cuba, Corea del Sud, Belgio, Porto Rico, Australia, Taiwan, Spagna, Cile, Ecuador, Uruguay, Canada, Israele e Giappone.

La formula per 'lavare' il legno in Perù, e che si riproduce anche in altri paesi dell'America Latina, presenta false informazioni, cioè davanti all'autorità forestale ci sono liste di alberi da estrarre che non esistono nel mondo reale, e le autorità autorizzano l'estrazione del legno che non esiste nella concessione, è spiegato nell'inchiesta “La lavatrice: come la frode e la corruzione nel sistema delle concessioni stanno distruggendo il futuro delle foreste del Perù” della VIA, pubblicato nel 2012, riguardo all'occultamento dell'origine del legno illegale in Perù.

“Sostenuti da questi volumi, i corrispondenti permessi sono venduti sul mercato nero e usati per lavare legna estratta illegalmente da qualsiasi altra parte del paese - aree protette, territori indigeni, altre terre statali”, afferma lo studio. Abanto ha affermato che una delle misure che dovrebbero essere attuate dagli stati latinoamericani è “la promozione del titolo collettivo delle terre indigene per fermare il traffico di terra, che è spesso legato al disboscamento illegale”. Nel caso peruviano, uno dei più gravi in America Latina, “lo Stato deve onorare l'accordo forestale specificato nell'Accordo di libero scambio con gli Stati Uniti in modo che tutto il legname esportato negli Stati Uniti sia legale”.

Il governo degli Stati Uniti ha anche inviato una lettera a Eduardo Ferreyros, ministro del commercio e del turismo del Perù, il 26 febbraio per verificare la spedizione di tre società che hanno esportato legname negli Stati Uniti durante il 2017.

Non è la prima volta che succede, ha detto Abanto. Le lettere ufficiali degli Stati Uniti sono dovute a una storia di società peruviane collegate all'esportazione di legname illegale. Il caso più famoso è stato rivelato nel 2015 con Operazione Amazonas quando è intervenuta la nave Yacu Kallpa. È stato determinato da indagini, dopo l'operazione di polizia, che oltre il 91% del suo carico era di origine illegale. “È necessario un coordinamento regionale dei paesi per affrontare efficacemente il traffico illegale di legname. Non è possibile se non c'è azione contro le mafie e una debolezza del governo”, ha esortato Abanto.

Secondo Navarro, i paesi con le minori restrizioni per l'ingresso di legname illegale sono la Cina, il Messico e la Repubblica Dominicana, solo le nazioni che sono in cima alla lista dei paesi che importano legname peruviano.

Riferimenti:

(1) Transnational crime and the developing world (PDF)

(2) United Nations Environment Programme

(3) Illegal Mining and Continuing Criminal Diversification

(4) IUFRO – Interconnecting Forests, Science and People

(5) Center for International Environmental Law | CIEL

(6) Project LEAF (Law Enforcement Assistance for Forests)

(7) A spatio-temporal analysis of forest loss related to cocaine trafficking in Central America - IOPscience - PDF

Autore: Edoardo Capuano / Foto: WEB

Aggiungi un commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare se sei un lettore o un robot.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.