ricerche

Adattamento di una specie di pesci in acque inquinate

specie di pesci, acque inquinate, specie ittica, Edoardo Capuano, paludi costiere, killifish, ambiente, inquinamento, Houston, costa, genetica, specie

In che modo la genetica, le risorse e un parente di lunga data hanno aiutato una fortunata specie di pesci ad adattarsi all'inquinamento estremo

Uno studio pubblicato di recente dalla rivista Science, (1) spiega come una specie di pesci in Texas, nell'area conosciuta con il nome di 'Houston Ship Channel', (2) è stata in grado di adattarsi a quelli che normalmente sarebbero livelli letali di tossine per la maggior parte delle altre specie ittiche.

Due scienziati della University of California, Davis e della Baylor University hanno deciso di investigare questo fenomeno con lo scopo di poter comprendere le dinamiche per mezzo delle quali altre specie ittiche potrebbero adattarsi in ambienti drasticamente modificati.

Il minnow like Gulf killifish (3), negli habitat delle paludi costiere, rappresenta per un numero di specie di pesci più grandi una parte importante della rete alimentare.

Il dottor Andrew Whitehead, (4) autore dello studio e professore di tossicologia ambientale della UC Davis, spiega: “La maggior parte delle specie non sopravvive in ambienti radicalmente modificati. Studiando gli esemplari sopravvissuti, otteniamo informazioni su ciò che serve per avere successo. Nel caso del killifish, si è arrivati a enormi dimensioni ma la popolazione è stata fortunata.”

Una antica fusione di stelle di neutroni

Due stelle di neutroni si sono scontrate vicino al sistema solare miliardi di anni fa. Un evento cosmico che ha creato elementi che sono diventati parte di noi

Una fusione di stelle di neutroni, avvenuta vicino al sistema solare miliardi di anni fa, spiega le abbondanze di attinidi nel primo sistema solare. La Columbia University e la University of Florida studiano il segno di un evento cosmico che ha creato elementi che sono diventati parte di noi.

Gli astrofisici Szabolcs Marka della Columbia University (1) e Imre Bartos (2) presso l'Università della Florida, hanno identificato una violenta collisione di due stelle di neutroni 4,6 miliardi di anni fa. Secondo questa nuova ricerca, pubblica di recente dalla rivista Nature, (3) questo particolare evento cosmico, vicino al nostro sistema solare, ha generato lo 0,3 per cento degli elementi più pesanti della Terra, tra cui oro, platino e uranio.

Il dottor Imre Bartos spiega: “Le meteoriti forgiate nel primo sistema solare portano le tracce di isotopi radioattivi. Questi decadimenti degli isotopi agiscono come orologi che possono essere utilizzati per ricostruire il tempo in cui sono stati creati.”

Per arrivare alla loro conclusione, Bartos e Marka hanno confrontato la composizione delle meteoriti con le simulazioni numeriche della Via Lattea. Grazie a questo confronto, essi hanno scoperto che una singola collisione stellare di neutroni si sarebbe verificata circa 100 milioni di anni prima della formazione della Terra, nel nostro stesso vicinato, a circa 1000 anni luce dalla nube di gas che alla fine formò il Sistema Solare.

La stessa galassia della Via Lattea ha un diametro di 100.000 anni luce, o 100 volte la distanza di questo evento cosmico dalla culla della Terra.

Per i panda giganti il bambù è una carne vegetariana

Anche se discendano dai carnivori, i panda giganti sono erbivori estremamente specializzati che si cibano quasi esclusivamente di bambù altamente fibroso

Nonostante i panda giganti discendano dai carnivori, sono erbivori estremamente specializzati che si cibano quasi esclusivamente di bambù altamente fibroso.

Una nuova ricerca suggerisce che questo passaggio a una dieta vegetariana ristretta non è stato un salto evolutivo così grande come potrebbe sembrare.

I ricercatori dell'Università di Sydney e dell'Accademia cinese delle scienze hanno utilizzato un approccio chiamato geometria nutrizionale - che considera come le miscele di nutrienti e di altri componenti alimentari influenzano la salute e la malattia, piuttosto che concentrarsi su qualsiasi sostanza nutritiva in isolamento - per valutare il mix macronutriente della dieta del panda gigante.

“Questo studio, Pubblicato in Current Biology, (1) dimostra l'importanza di considerare sia gli alimenti che i nutrienti nella comprensione dell'ecologia evolutiva degli animali - esattamente ciò che la geometria nutrizionale è progettata per fare”, ha affermato il professor David Raubenheimer (2) del Charles Perkins Center dell'Università e della Scuola di vita e scienze ambientali dell'Università di Sydney.

Malgrado l'alimentazione a base vegetale, il contenuto di proteine e carboidrati della dieta dei panda giganti sembra più simile a quello di un ipercarnivoro - animali che ottengono più del 70 percento della loro dieta da altri animali. Circa il 50 percento dell'apporto energetico del panda si presenta sotto forma di proteine, all'incirca come quello dei gatti e dei lupi selvatici. Anche la composizione macronutriente del latte del panda è simile ad altri carnivori.

Pagine