Iniziative sociali

Pulito l'Everest. Rimosse 8,5 tonnellate di spazzatura

Pulito l'Everest. Rimosse 8,5 tonnellate di spazzaturaDallo scorso aprile, una squadra di addetti alle pulizie sta ripulendo la montagna più alta del mondo. Uno dei luoghi più visitati al mondo dai turisti e dagli scalatori, che lo hanno però trasformato in una discarica.

Si tratta di una squadra ambientale di 30 membri, per lo più guide e scalatori, che sta lavorando sodo per rimuovere i detriti scaricati in aree situate a più di 5.000 metri di altezza.

Secondo il primo bilancio pubblicato su 'Global Times',(1) in merito ai lavori di pulizia nel posto, è emerso che almeno 8,5 tonnellate di spazzatura sono state rimosse tra i 5.200 e i 6.500 metri di altezza. La spazzatura rimossa si suddivideva in: circa 2,26 tonnellate di feci umane, 1 tonnellata di rifiuti da alpinismo e 5,24 tonnellate di rifiuti domestici, come annunciato dalle fonti della montagna di Qomalangm e dall'agenzia 'Reuter'.(2)

Secondo Liyamy, uno scalatore cinese che ha guidato il team ecologico nelle aree boschive nel 2016, la quantità di rifiuti domestici è molto elevata, ma si possono anche trovare attrezzature per l'alpinismo come bombole di ossigeno, taniche di benzina e tende. La maggior parte di questi rifiuti può essere riciclata e quindi, secondo lo scalatore, è molto grave questa diffusa maleducazione da parte degli escursionisti.

La storia delle foreste islandesi abbattute dai Vichinghi

IslandaCome trovare l’uscita da una foresta islandese? Basta alzarsi in piedi. È la vecchia battuta sulle minuscole foreste del paese, che infatti ricoprono appena il 2 per cento della sua superficie nazionale.

Ma non è sempre stato così. Quando i primi vichinghi sbarcarono sull’isola la trovarono coperta di foreste. Secondo un'antica prime saga, “a quel tempo, l'Islanda era coperta di boschi, tra le montagne e la riva”.

Ma i vichinghi cominciarono prontamente ad abbattere le foreste per fabbricare navi, e a dissodare il suolo per farne campi e pascoli. “Così hanno eliminato il pilastro dall'ecosistema”, spiega al New York Times Gudmundur Halldorsson, ricercatore del Soil Conservation Service island.

E non basta. I vichinghi hanno anche importato pecore nell’isola, che hanno impedito la ricrescita degli alberi “Il pascolo ovino ha impedito la rigenerazione delle betulle dopo il taglio e l'area boschiva ha continuato a ritirarsi”, spiega il Servizio forestale islandese. In passato la scomparsa delle foreste è stata imputata a una specie di la piccola era glaciale, o alle eruzioni vulcaniche, ma la più recente ricerca ha individuato il vero responsabile: l’uomo.

In Svizzera il Canton Vallese ha la sua moneta locale

In Svizzera il Canton Vallese ha la sua moneta localeDa oggi il Vallese possiede la sua moneta locale e complementare ai franchi. Chiamati “farinets”, sono stati lanciati ufficialmente sabato 13 maggio a Sion. I tagli disponibili sono otto - esistono infatti biglietti da 1, 2, 5, 10, 13 (come tributo alle stelle della bandiera), 20, 50 e 100 - e saranno accettati da un centinaio di commercianti, fra i quali troviamo bar, ristoranti, negozi, taxi e persino una fiduciaria, principalmente fra Sierre e Monthey.

L’obiettivo è di favorire e dare dinamicità alla produzione e all’economia locale.

1 farinet per 1 franco - Sabato l’Associazione Le Farinet ha installato “un ufficio-cambio” nel centro di Sion. L’Ufficio del turismo del capoluogo vallesano prenderà poi il suo posto, «ma ogni commercio che accetta i farinets potrà a sua volta cambiare i soldi», precisa Cathy Berthouzouz, responsabile delle relazione con i media.

In tutto sono state stampate banconote per un valore di 500'000 farinets (equivalenti a 500'000 franchi, il “tasso di cambio è infatti 1) che verranno messe in circolazione a ogni acquisto. I fautori del progetto si augurano la partecipazione di almeno 500 persone.

Pagine