Abbinamenti alimentari

La dieta giusta per l'Amico Intestino

Amico Intestino - LibroPerdi peso e migliora il tuo umore con la dieta che riattiva l'intestino>

«In Nord America e in altri Paesi sviluppati sono aumentati i casi di asma, allergie e malattie autoimmuni. Perché oggigiorno l'incidenza di allergia alle arachidi è di gran lunga più elevata rispetto agli anni Cinquanta? E qual è la spiegazione per l'eccezionale aumento della sensibilità al glutine? ... Justin Sonnenburg mi ha aiutato a capire che forse è colpa delle alterazioni del microbioma.

Negli ultimi decenni, quattro fattori principali hanno modificato profondamente la flora intestinale della popolazione nordamericana, e occidentale in generale:

1) il maggior consumo di cibi industrializzati elaborati,

2) l'uso diffuso di antibiotici,

3) l'allarmante aumento di tagli cesarei, con una proporzione di uno su tre parti,

4) il calo dell'allattamento al seno.

In questo libro scoprirete come ciascuno di tali fattori abbia contribuito a deteriorare in modo drastico il microbioma umano e come queste modifiche possano spiegare la crescente incidenza di diverse malattie croniche, tra cui autismo, depressione e altri disturbi mentali/emotivi.» Dottor Andrew Weil

Uno studio sfata il mito delle bevande probiotiche

Uno studio sfata il mito delle bevande probiotiche)Dai tempi del loro debutto sul mercato sono stati presentati come alleati della salute, in grado di migliorare vari aspetti, dalle difese immunitarie alla digestione, con la loro carica di batteri 'amici'.

Ma adesso arriva una notizia difficile da 'digerire' per tutte le famiglie 'healthy' che nel mondo ogni mattina diligentemente assumono una bevanda a base di probiotici.

Un nuovo studio dell'università di Copenhagen sfata il mito: non ci sono prove convincenti dei benefici di questi drink per gli adulti sani, concludono gli esperti.

Le bevande probiotiche, secondo chi le promuove, contengono batteri e lieviti che aiutano a ripristinare l'equilibrio naturale dei batteri nello stomaco e nell'intestino.

Il mercato di questi prodotti a livello mondiale vale quasi 20 miliardi di sterline, secondo quanto riporta online il 'Daily Mail', e si prevede che cresca a un ritmo del 7% l'anno almeno fino al 2018, con il Regno Unito e la Germania tra i più grandi consumatori.

Le marche più note sono entrate anche nelle case degli italiani e non solo (in Gb da 6 a 10 famiglie li utilizzano regolarmente). Ma i ricercatori danesi hanno affrontato una revisione dei 7 maggiori trial che hanno indagato sugli effetti di drink, biscotti o pillole con probiotici e, nel lavoro pubblicato su 'Genome Medicine', hanno concluso che yogurt e bevande probiotiche fanno davvero poca differenza per il 'make up' dei batteri intestinali nella maggior parte dei casi.

I benefici della frutta e verdura di stagione

I benefici della frutta e verdura di stagioneQuando andiamo a fare compere al supermercato è normale trovare meloni a gennaio, arance a luglio o carciofi ad agosto. Tuttavia, questi prodotti sono stagionali, cioè vengono prodotti solo in alcuni determinati mesi, e acquistarli fuori stagione ha un costo più elevato.

Perché ci sono prodotti stagionali tutto l’anno nei negozi?

In molti casi, questo è dovuto allo sviluppo di coltivazione in serra cosa che ha portato ad un aumento del raccolto di prodotti freschi artificialmente. In altri casi, la presenza è dovuta all’importazione di questi prodotti da altri paesi, e in questi casi i costo del trasporto e della conservazione di questi alimenti viene rappresentano nel loro prezzo di mercato.

I prodotti di stagione sono più economici

Gli alimenti di stagione sono più economici, soprattutto perché hanno costi di produzione più bassi, dato che sfruttano il momento giusto per la maturazione e la raccolta, e non hanno elevati costi di manutenzione o di trasporto. Ed è più facile acquistarli in negozi locali e anche direttamente dagli agricoltori locali, contribuendo in questo modo allo sviluppo dell’economia locale.

Pagine