Spionaggio

Le narcotizzanti radio frequenze immesse nella rete elettrica

Radio frequenze rete elettricaRicercatore italiano denuncia: “Siamo irradiati da una tecnologia narcotizzante che ipnotizza le masse con radio frequenze immesse nella rete elettrica”

Emiliano Babilonia ricercatore e cavia umana dopo tantissimi test e analisi da lui fatte che trovate su youtube – Angeli Custodi mk ultra Italia – dice siamo irradiati da una tecnologia narcotizzante che ipnotizza le masse con le radio frequenze della rete elettrica nazionale.

“Queste frequenze – dichiara Emiliano Babilonia – a loro volta manipolano la frequenza BETA ( di 50 / 60 HZ ) da continua ad alternata, che ha un effetto similmente ad un elettroshock continuo, interagendo con il sistema nervoso centrale rendendoci dei zombi radio pilotati Animoidi. Quando usciamo dallo stato catatonico, sentiamo le voci e cosi perdiamo subito la credibilità e siamo subito definiti degli schizofrenici e malati di mente, invece siamo solo cavie umane coscienti con lavaggi del cervello continui.”

LE ASSOCIAZIONI contro le Manipolazioni Mentali

La frequenza del fenomeno nella popolazione generale è comunque tale che ha portato alla costituzione in diversi Paesi di associazioni di persone che «sentono le voci».

Trolls non solo negli Usa ma anche in Russia

Trolls>San Pietroburgo, in Russia, è la città simbolo della propaganda russa in rete: qui il Cremlino ha la sua “fabbrica di troll, ovverosia le sedi di due agenzie governative, l'Agenzia di ricerca Internet e l'Agenzia federale delle notizie, costituite per diffondere notizie false, informazioni monche e, in generale, per mistificare o inventare di sana pianta una realtà o un fatto e diffonderlo in rete.

Il Cremlino in realtà ha sempre negato dapprima l'esistenza delle agenzie e successivamente di esserne in qualunque modo collegato.

Centinaia di operatori creerebbero migliaia di account sui social network ogni giorno che diffonderebbero notizie provenienti da siti di notizie, creati anch'essi con le medesime modalità, per divulgare a macchia d'olio e rapidamente notizie infondate.

Il primo a parlarne è stato il New York Times nel giugno del 2015 partendo da alcuni fatti di cronaca infondati verificatisi negli Stati Uniti e dei quali si era parlato molto: uno degli esempi che spiegano meglio l'attività delle due agenzie russe riguarda la diffusione di alcune notizie false su Twitter nel dicembre 2013 a proposito di una epidemia di Ebola ad Atlanta. Per qualche ora fu il panico.

Non serviranno più password, pin e chiavi grazie ai nuovi chip dermali NFC

Chip dermaleViene spacciata per “tecnologia amica”, un’idea che rivoluzionerà il nostro modo di vivere, e pare che proprio di rivoluzione si tratterà, visto che questa invenzione produrrà effetti sconvolgenti soprattutto in termini di libertà personale.

Di cosa si tratta?

Del progetto più scellerato che sia mai stato pensato. Ormai la notizia è abbastanza diffusa e comunque il concetto è già vagamente noto a chi possiede, ad esempio, un cane come animale domestico o una carta di identità di ultima generazione contenente dati biometrici.

La creazione di un database globale ottenuto schedando l’intera popolazione mondiale, ovvero, il desiderio di controllare abitudini, spostamenti e di influenzare emotività e capacità di scelta degli individui, è l’obiettivo da sempre auspicato da chi ha fatto del potere la propria ossessione. Fin dal momento in cui è stato concepito il piano era ben chiaro, sia pure con la consapevolezza che si sarebbe realizzato lentamente e solo una volta giunti all’adeguato livello tecnologico. Le sperimentazioni si protraggono ormai da diversi anni e oggi i tempi sono finalmente maturi per compiere i passi decisivi.

Pagine