Ecologia

Isole Marshall più radioattive di Chernobyl

Isole Marshall più radioattive di Chernobyl

Le radiazioni in alcune parti delle Isole Marshall sono più alte di Chernobyl. Uno studio della Columbia University suggerisce che i residenti non tornano in diverse isole disabitate fino a quando le aree non vengono accuratamente pulite e ulteriormente valutate per la sicurezza.

I livelli di radiazione in alcune regioni delle Isole Marshall nel Pacifico centrale, dove gli Stati Uniti hanno condotto test nucleari durante la guerra fredda, sono di gran lunga superiori rispetto alle aree colpite dalle catastrofi nucleari di Chernobyl e Fukushima.

Tre studi pubblicati in Atti della National Academy of Sciences (PNAS) (1) da un gruppo di ricerca della Columbia, guidato da Emlyn Hughes (2) e Malvin Ruderman (3) del Columbia Center for Nuclear Studies, hanno dimostrato che la concentrazione di isotopi nucleari su alcune delle isole era ben al di sopra del limite di esposizione legale stabilito negli accordi tra Stati Uniti e Repubblica delle Isole Marshall. Gli studi hanno misurato campioni di suolo, sedimenti oceanici e una varietà di frutti.

Quasi 70 bombe nucleari che gli Stati Uniti hanno fatto esplodere tra il 1946 e il 1958 hanno lasciato una diffusa contaminazione sulle isole, una catena di atolli a metà strada tra l'Australia e le Hawaii. La più grande detonazione nucleare, “Castle Bravo”, nel 1954 presso l'atollo di Bikini, era 1.000 volte più potente di entrambe le bombe sganciate sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le Isole Marshall hanno registrato una rapida crescita dagli anni '60.

Pagine