Pesticidi

Gli USA sono in ritardo nel vietare i pesticidi nocivi

Gli USA sono in ritardo nel vietare i pesticidi nocivi

Molti pesticidi che sono stati vietati o che sono stati gradualmente eliminati nell'UE, in Brasile e in Cina, sono ancora ampiamente utilizzati negli USA.

Questo è quanto suggerisce uno studio pubblicato dalla rivista Environmental Health. (1)

L'autore dello studio, il dottor Nathan Donley del Center for Biological Diversity, USA, ha dichiarato: “Gli Stati Uniti sono generalmente considerati altamente regolamentati e dotati di adeguate protezioni contro i pesticidi. Tuttavia, questo studio smentisce in parte la buona condotta statunitense e rileva che, negli ultimi due decenni, quasi tutte le cancellazioni di pesticidi negli Stati Uniti sono state fatte volontariamente dall'industria dei pesticidi. Senza un cambiamento nell'attuale dipendenza dell'Agenzia per la Protezione Ambientale del governo sui meccanismi volontari per le cancellazioni, gli Stati Uniti probabilmente continueranno a rimanere indietro rispetto ai loro omologhi per bandire i pesticidi dannosi.”

Nathan Donley ha identificato i pesticidi approvati per uso agricolo all'aperto negli Stati Uniti e li ha confrontati con i pesticidi approvati nell'UE, in Cina e in Brasile. Il ricercatore ha scoperto che alcuni pesticidi sono approvati per l'uso negli Stati Uniti, ma sono vietati o in fase di graduale eliminazione nell'UE, in Brasile e in Cina. Inoltre, Donley ha identificato che alcuni altri pesticida sono approvati negli USA ma vietati o in via di eliminazione in altre nazioni.

Il valore economico complessivo dei pesticidi, utilizzati nell'agricoltura statunitense, nel 2016 ha raggiunto 1,2 miliardi di sterline.

Un pianeta morente a causa del consumo di carne

CarneSecondo l’economista Jeremy Rifkin, uno dei più famosi teorici no-global, il consumo di carne è direttamente responsabile del rischio-fame per due miliardi di persone: il “racket dell’hamburger” assorbe il 36% della produzione mondiale di grano, destinato a mangimi. «Centinaia di milioni di persone nel mondo lottano ogni giorno contro la fame perché gran parte del terreno arabile viene oggi utilizzato per la coltivazione di cereali ad uso zootecnico piuttosto che per cereali destinati all’alimentazione umana», scrive Maurizio Sabbadini. «I ricchi del pianeta consumano carne bovina e suina, pollame e altri di tipi di bestiame, tutti nutriti con foraggio, mentre i poveri muoiono di fame».

Europa, Nord America e Giappone stanno letteralmente divorando il patrimonio alimentare dell’intero pianeta. Oggi, oltre il 70% per cento del grano prodotto negli Usa è destinato all’allevamento del bestiame, in gran parte bovino. «Sfortunatamente, di tutti gli animali domestici, i bovini sono fra i convertitori di alimenti meno efficienti: sperperano energia e sono da molti considerati “le Cadillac delle fattorie”». Per far ingrassare di mezzo chilo un manzo, occorrono oltre 4 chili di foraggio, di cui oltre 2 chili e mezzo sono cereali e sottoprodotti di mangimi, e il restante chilo e mezzo è paglia tritata. «Questo significa che solo l’11% del foraggio assunto dal manzo diventa effettivamente parte del suo corpo».

Discussi pesticidi trovati in campioni di miele proveniente da sei continenti

Api, mieleI neonicotinoidi sono al centro di un lungo dibattito sul fatto che possano fare male alle api.

Le api da miele di ogni continente eccetto l’Antartide subiscono l’esposizione ai pesticidi neonicotinoidi – sostanze chimiche che, secondo quanto affermato da alcuni studi, nuocciono alla salute delle api. I ricercatori che hanno testato il miele proveniente da circa 200 posti da tutto il mondo hanno riscontrato la presenza dei pesticidi nel 75% dei campioni, secondo l’inchiesta pubblicata il 6 ottobre su Science.

Lo studio è il primo tentativo di quantificare la presenza di neonicotinoidi nel miele su scala globale, utilizzando metodi standardizzati. Quasi la metà dei campioni testati conteneva livelli di neonicotinoidi alti almeno quanto quelli ritenuti causa di compromissione delle funzioni cerebrali delle api e di rallentamento dello sviluppo delle colonie. Lo studio ha inoltre svelato che il 45% dei campioni conteneva due o più tipi di neonicotinoidi.

“In un certo senso, non è una sorpresa trovare neonicotinoidi nel miele, chiunque ci avrebbe potuto pensare,” dice l’autore principale dello studio Edward Mitchell, biologo all’università di Neuchâtel in Svizzera. “Quel che è nuovo in questa ricerca è l’utilizzo dello stesso protocollo. Ora abbiamo una mappa globale della situazione.”

Pagine