Degrado ambientale

Riscaldamento graduale degli ecosistemi marini

Riscaldamento graduale degli ecosistemi marini

A causa del surriscaldamento globale, gli ecosistemi marini subiranno riduzioni sia della biomassa che della biodiversità. Le comunità marine dovranno attuare delle strategie per il futuro basate sulle tendenze climatiche piuttosto che sui dati storici.

Un nuovo studio suggerisce come gli ecosistemi marini di tutto il mondo stiano sperimentando temperature oceaniche insolitamente alte più frequentemente di quanto i ricercatori si aspettassero in precedenza. Questi eventi di riscaldamento, comprese le ondate di calore marine, stanno sconvolgendo gli ecosistemi marini e le persone che dipendono da loro.

Il dottor Andrew Pershing, (1) Chief Scientific Officer presso il Gulf of Maine Research Institute, ha guidato lo studio, intitolato “Sfide per le comunità naturali e umane a causa di temperature oceaniche sorprendenti” (Challenges to natural and human communities from surprising ocean temperatures) e pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS). (2)

Come parte di questo nuovo studio, il dottor Pershing, la cui ricerca aveva precedentemente identificato il Golfo del Maine come uno degli ecosistemi a riscaldamento più rapido nell'oceano globale, ha osservato tendenze di riscaldamento simili in tutto il mondo.

Il dottor Andrew Pershing e i suoi colleghi hanno esaminato 65 grandi ecosistemi marini dal 1854-2018 per identificare la frequenza delle temperature oceaniche.

Plastica biodegradabile per modo di dire

Plastica biodegradabile per modo di dire

I produttori offrono sacchetti di plastica biodegradabili o compostabili, ma in molti casi queste affermazioni non sono state testate in ambienti naturali.

L'onnipresente sacchetto di plastica è utile per trasportare generi alimentari e altri oggetti dal negozio a casa. Tuttavia, questa convenienza mette a dura prova l'ambiente, con detriti di plastica che sporcano terra e corsi d'acqua.

Ora, i ricercatori segnalano nella scienza e tecnologia ambientale dell'American Chemical Society che le borse non si degradano in alcuni ambienti più velocemente del normale polietilene.

Secondo la Commissione europea, circa 100 miliardi di sacchetti di plastica entrano nel mercato dell'Unione europea ogni anno. Molti di questi vengono usati solo una volta e poi gettati via, buttati a terra o trasportati dal vento in laghi o oceani.

Oltre a risultare sgradevoli alla vista, i detriti di plastica possono danneggiare gli animali e gli ecosistemi.

Alcuni produttori di sacchetti offrono materie plastiche che si deteriorano a causa dell'azione dei microrganismi, mentre altri utilizzano materie plastiche oxo-biodegradabili contenenti additivi pro-ossidanti per accelerare il processo. Inoltre, le materie plastiche compostabili possono essere degradate dai microrganismi in condizioni gestite. Tuttavia, queste potenziali soluzioni al problema della plastica non sono state ben studiate in diversi ambienti per lunghi periodi di tempo.

In una ricerca, pubblicata su ACS Pubblicatios, (1) gli studiosi Imogen Napper e Richard Thompson hanno deciso di confrontare il degrado di diversi sacchetti di plastica in tre ambienti naturali per un periodo di 3 anni.

I mozziconi ostacolano la crescita delle piante

I mozziconi ostacolano la crescita delle piante

Una nuova ricerca ha scoperto che i mozziconi di sigarette - la forma più comune di rifiuti sul pianeta - riducono significativamente la crescita delle piante.

Guidato da accademici dell'Università Anglia Ruskin (ARU) e pubblicato sulla rivista Ecotossicologia e sicurezza ambientale, (1) lo studio è il primo a mostrare il danno che i mozziconi di sigaretta possono causare alle piante.

I ricercatori hanno scoperto che la presenza di mozziconi di sigaretta nel terreno riduce il normale decorso della germinazione. La lunghezza del germoglio (la lunghezza dello stelo) e del trifoglio si riducono del 27% e del 28%, mentre la biomassa delle radici (peso della radice) è ridotta del 57%. Per l'erba, il successo della germinazione è diminuito del 10% e la durata del tiro del 13%.

La maggior parte dei mozziconi contiene un filtro in fibra di acetato di cellulosa, un tipo di bioplastica. I filtri delle sigarette non fumate hanno quasi lo stesso effetto sulla crescita delle piante dei filtri usati, indicando che il danno alle piante è causato dal filtro stesso, anche senza le tossine aggiuntive rilasciate dalla combustione del tabacco. Gli esperimenti di controllo contenevano pezzi di legno di forma e dimensioni identiche a mozziconi di sigaretta.

Si stima che circa 4,5 trilioni di mozziconi di sigarette siano disseminati ogni anno, rendendoli la forma più pervasiva di inquinamento plastico sul pianeta. Come parte di questo studio, gli accademici hanno campionato le località intorno alla città di Cambridge e hanno trovato aree con ben 128 mozziconi di sigarette scartati al metro quadrato.

Pagine