Terapie

I 7 utilizzi dell'acqua ossigenata

Acqua ossigenataL’acqua ossigenata, si sa, possiede molte proprietà antibatteriche, che la rendono un prodotto indispensabile nelle nostre case.

In questo articolo elencheremo 7 usi incredibili dell’acqua ossigenata.

  1. Combatte i punti neri. Non si sente spesso dire in giro che l’acqua ossigenata è ottima per la salute della pelle, ma lo è davvero. E’ molto efficace se la si usa per pulire regolarmente le parti del volto colpite da punti neri, aiutandosi con del cotone.
  2. Contro i funghi nelle unghie. Immergi le dita nell’acqua ossigenata per qualche minuto, oppure applica del cotone imbevuto di acqua ossigenata sulle dita stesse. Puoi ripetere questa operazione anche due o tre volte, fino a quando il fungo sarà sparito.
  3. Salute orale. L’acqua ossigenata è un ottimo collutorio fai da te, grazie alle sue proprietà antibatteriche e alla sua capacità di sbiancare i denti. Puoi diluirlo in acqua, e non è consigliato usarlo tutti i giorni.
  4. Schiarisce i capelli. Unisci mezzo bicchiere d’acqua bollita e lasciata raffreddare con mezzo bicchiere d’acqua ossigenata, e spruzzala sui capelli.
  5. Contro il mal di gola. Fare gargarismi con dell’acqua ossigenata diluita in un quarto di bicchiere di acqua tiepida ti aiuterà ad uccidere tutti i batteri che si trovano nella tua gola.

Aspirina? Meglio gli antidolorifici naturali

Antidolorifici naturaliantidolorifici
Aspirina, ibuprofene e paracetamolo (tachipirina) sono molto usati per cercare di far passare il dolore ma hanno effetti collaterali anche gravi. Aumentano infatti il rischio di problematiche cardiache e circolatorie (tra cui ictus e infarto) e gastrointestinali, come sanguinamenti e perforazioni a livello gastrico e intestinale.

Uno studio su 100.000 persone ha osservato che i consumatori di aspirina, rispetto a quelli che assumevano il placebo, registravano il 30% circa in più di probabilità di soffrire di un evento grave di tipo emorragico soprattutto a livello gastrointestinale.

Il Dott. Sreenivasa Seshasai del Centro Ricerche Scienze Cardiovascolari a San Giorgio, presso l’Università di Londra, ha dichiarato: “Siamo stati in grado di dimostrare in maniera abbastanza convincente che, nelle persone sane di cuore o senza precedenti attacchi di ictus, l’uso regolare di aspirina può essere più dannoso che utile”.

Prima della diffusione della chimica, gli uomini conoscevano la natura ed usavano con efficacia i suoi doni.

Ecco alcuni efficaci rimedi per far passare il dolore.

Chiodi di garofano: un rimedio naturale per il mal di denti

Mal di dentiIl tuo dolore ai denti scomparirà all’istante: questo è il miglior rimedio naturale per il mal di denti!

La maggior parte delle persone utilizza farmaci convenzionali quando soffre di mal di denti. La maggior parte di questi prodotti però contiene benzocaina, un anestetico che può causare reazioni allergiche e altri effetti collaterali. Molti studi dimostrano che il dolore provocato dal mal di denti può essere alleviato con l’olio di chiodi di garofano.

L’olio essenziale di chiodi di garofano è un famoso rimedio naturale utilizzato come efficace trattamento per il mal di denti. Molte persone da ogni parte del mondo lo utilizzano da secoli per trattare il dolore orale. L’olio essenziale di chiodi di garofano, quando applicato localmente, funziona come anestetizzante, paralizzando efficacemente la zona interessata.

I normali topici anestetizzanti paralizzano e attutiscono temporaneamente le terminazioni nervose causando la perdita di sensibilità nella zona afflitta. Uno studio del 2006 pubblicato sul Journal of Dentistry ha spiegato che l’olio di chiodi di garofano funziona allo stesso modo della benzocaina nell’aiutare a far passare il dolore cronico del mal di denti.

Il suo componente chimico principale, l’eugenolo, lo rende un olio essenziale molto stimolante che può promuovere la salute cardiovascolare e benefici nella circolazione sanguigna. I chiodi di garofano sono potenti antiossidanti che aiutano a distruggere i radicali liberi e rafforzare il sistema immunitario.

Pagine