Denti

Biosensori analizzano la saliva per rilevare una malattia

Sensori biologici da implementare ai denti per rilevare i primi segni di determinate malattie analizzando la saliva o il fluido crevicolare gengivale

Un team di ricerca ha sviluppato sensori biologici che analizzano la saliva e inviano i risultati a una banca dati medica

Scienziati della Scuola di Medicina dell'Università di Washington stanno lavorando con l'obiettivo di sviluppare una tecnologia da implementare ai denti che potrebbe essere utilizzata un giorno per rilevare i primi segni di determinate malattie in pazienti ad alto rischio analizzando la loro saliva o il fluido crevicolare gengivale.

“I biosensori basati sull'analisi della saliva hanno suscitato molto interesse a causa del loro potenziale per ampie applicazioni in medicina”, spiega la dottoressa Erica Lynn Scheller,(1) che ha studiato odontoiatria e ora è assistente alla cattedra di medicina e di biologia cellulare e fisiologia nella Scuola di Medicina. “Stiamo lavorando per sviluppare un sensore biologico che misuri specifici peptidi attivi nella malattia parodontale e che verrebbe utilizzato in combinazione con un dispositivo wireless per recuperare tali dati.”

“Assomiglia a un dente elettronico”, ha detto il dottor Shantanu Chakrabartty,(2) professore di ingegneria elettrica e dei sistemi presso la School of Engineering & Applied Science e partner del progetto, attualmente finanziato da una sovvenzione di 1,5 milioni di dollari del National Institutes of Health.

Come prevenire l'infiammazione delle gengive

Come prevenire l'infiammazione delle gengiveLa gengivite non trattata in tempo, sotto la supervisione di un dentista, può trasformarsi in parodontite o piorrea, una patologia più grave che causa la perdita dei denti.

La gengivite è una malattia molto comune che si manifesta a causa della scarsa o mancata igiene orale. Molte persone tendono a sottovalutare l'igiene dei propri denti senza rendersi conto che la prevenzione è fondamentale per evitare questa patologia. Dovrebbe fare riflettere il fatto che, nella casistica delle malattie, le patologie dentali sono al secondo posto.

La sintomatologia della gengivite si manifesta con l'arrossamento delle parti interessati che possono anche sanguinare abbastanza facilmente, sfregando mentre si mangia o si lavano i denti.

La gengivite, se non viene curata in tempo, può danneggiare la salute del paziente causandogli la perdita di tutti i denti.

Più spessi sono la placca e il tartaro maggiore è il danno alle gengive, che si infiammano, si arrossano e sanguinano facilmente. La miglior cura della gengivite è la prevenzione: basterebbe sottoporsi periodicamente, dal proprio dentista di fiducia, ad una seduta di igiene dentale e lavarsi con cura, almeno due volte al giorno, i denti utilizzando regolarmente il filo interdentale. L'idropulsore e lo spazzolino elettrico rappresentano la panacea in tema di igiene dentale.

Pagine