I Templari di Aragona sono quei signori che hanno in mano l’Economia Mondiale

SimboloTemplari di Aragona: I Dominatori dell’Economia Mondiale

Trascrizione video:

“Ora, chi è a dominare il mondo della finanza? È l’Impero Romano, altrimenti noto come la Santa Sede tramite la Compagnia di Gesù, dal 1814. La Legge dell’Ammiragliato, che gestisce l’intera infrastruttura commerciale mondiale è fondata sul Diritto Canonico Vaticano, la cui ultima revisione risale al 1984. Tale Diritto è stato perfezionato dall’Impero Romano che grazie ad esso ha dominato e signoreggiato in ogni ambito.

Che risiediate in Israele o in Turchia, siete comunque obbligato a condurre i vostri affari ricorrendo al sistema Romano della Legge dell’Ammiragliato che risale al tempo dei Fenici, ed è oggi noto come Diritto Marittimo Internazionale (Legge dell’Ammiragliato), o più semplicemente ‘Law of the High Seas’ (Diritto delle Acque Internazionali).

Il Mare rappresenta la fonte stessa del potere ecclesiastico della Santa Sede (Holy See/Holy Sea), altrimenti nota come la Cattedra (Seggio) di Pietro. Il Mare (Elemento Acqua) è il dominio della Dea della Luna, Yarikh (Tanit) la cui figura idealizzata è rappresentata dalla Maria (Vergine) della Chiesa Cattolica, è di questo che in realtà si tratta. Ricordatevi di questo, la Chiesa adora in effetti figure quali Crono (Saturno), Zeus e Selene della mitologia greca.

Le persone interessate al ruolo giocato dal potere papale nell’ambito dell’economia mondiale dovrebbero cominciare a studiare la Bolla Papale “Unam Sanctam” che Papa Bonifacio VIII promulgò nel 1302. Si tratta dello stesso Papa che distrusse i Cavalieri Templari, all’inizio del XIV secolo e che successivamente consegnò il loro antico potere e le loro ricchezze ai Cavalieri di Malta nel 1312, grazie alla Bolla Papale “Ad Providam”.

Insonnia: le tre cause e i tre rimedi

InsonniaQuali sono le cause dell'insonnia e come possiamo trovarvi rimedio senza abusare di farmaci e medicine, usando i rimedi naturali della naturopatia per ritrovare la serenità del sonno.

“Salve da un po' di tempo soffro d'insonnia per via della crisi del settore dell'abbigliamento, mi sono rivolto al medico e mi ha prescritto dei farmaci per dormire, i primi tempi tutto bene ma poi tutto da capo insonnia ecc. Come posso fare ad uscire dall'insonnia e dai farmaci, grazie”.

L'insonnia cause e rimedi Naturali

L'insonnia è un problema abbastanza diffuso e quasi tutti nella vita, prima o poi, per periodi lunghi o brevi possiamo incappare in questa patologia.

Le tre principali cause che portano al manifestarsi dell'Insonnia:

1 - Lo stress

2 - Accumulo tossinico

3 - Alimentazione ricca di stimolatori del sistema nervoso simpatico o di alimenti a cui si è intolleranti

Letta rinnova il suo studio. Provate a indovinare chi pagherà...

Enrico LettaLavori in corso nello studio del presidente del Consiglio: spende una fortuna per la nuova sedia. Mobili, tende, cellulari: ecco tutti i costi

I famosi attributi di Enrico Letta più che di acciaio devono essere di piombo. Perché nel giro di poche settimane il premier deve avere sfondato la sua poltronissima a palazzo Chigi.

Tanto da esser stato costretto nel mese di agosto a privarsene per il necessarissimo restauro, affidato alla piccola impresa romana di Davide Torrenti, che ha battuto sul filo di lana l’unico altro concorrente che si era presentato per ottenere la commessa: la srl Fonte Italia.

Già che c’era Letta ha fatto rimettere a posto anche le seggiole dello studio, e con una seconda commessa vinta sempre da Torrenti, si è fatto riparare le tende che proteggono lo studio dal sole e dagli sguardi indiscreti. Per il contratto «restauro poltrone studio ufficio del Presidente del Consiglio» sottoscritto il 17 giugno scorso e poi eseguito appunto ad agosto, se ne sono andati 23.982,93 euro Iva compresa. Una bella somma, se si pensa che la maggiore parte degli italiani non riescono a guadagnare quella cifra lorda in un anno.

Il 76,04% dei contribuenti italiani presenta una dichiarazione dei redditi con una cifra lorda inferiore alla fattura per restaurare la poltrona del presidente del Consiglio. L’avessero avuta a casa avrebbero scelto naturalmente di mantenerla così sfondata, trovando soluzioni alternative per fare posare eventuali attributi di piombo.

Le tende - Il grande restyling dell’ufficio Letta non è finito lì.

Pagine