Progetti

Una diga proprio di fronte al Mare del Nord


Una diga proprio di fronte al Mare del Nord

Una diga lunga 475 km tra il nord della Scozia e l'ovest della Norvegia e un'altra di 160 km tra il punto ovest della Francia e il sud-ovest dell'Inghilterra potrebbe proteggere più di 25 milioni di europei dalle conseguenze di un previsto innalzamento del livello del mare di diversi metri nei prossimi secoli.

Nuova tecnica per analizzare la fertilità maschile

Nuova tecnica per analizzare la fertilità maschile

Un nuovo modo di analizzare lo sperma, che consiste nel tracciare il movimento della coda, potrebbe apportare miglioramenti sostanziali ai test di fertilità maschile.

La tecnica, che misura la velocità e l'azione del flagello o della coda dello sperma, fornisce informazioni vitali per capire se lo sperma in un eiaculato ha il potenziale per raggiungere e fertilizzare l'uovo.

Il nuovo metodo è stato sviluppato da un team dell'Università di Birmingham guidato dal professor Dave Smith (1) nella School of Mathematics, (2) in collaborazione con il Center for Human Reproductive Science dell'Università ed è stato pubblicato sulla rivista Human Reproduction. (3)

Il professor Smith spiega: “Abbiamo tutti sentito parlare di conteggio degli spermatozoi e in effetti gli strumenti disponibili per comprendere lo sperma - il conteggio manuale al microscopio - non sono cambiati molto dagli anni '50. Tuttavia, pensiamo a tutta la tecnologia (fotocamera, informatica, connettività) a cui tutti ora abbiamo accesso. Questo progetto mira a sfruttare queste tecnologie del 21° secolo per affrontare i problemi della fertilità maschile.”

Come gli alberi potrebbero salvare il clima

Come gli alberi potrebbero salvare il clima

Per la prima volta i ricercatori hanno stilato una mappa globale dei luoghi nel mondo in cui si potrebbero piantare nuovi alberi con lo scopo di migliorare il clima.

Il Crowther Lab dell'ETH di Zurigo studia soluzioni naturali per contrastare i cambiamenti climatici. Nel loro ultimo studio, pubblicato da Science, (1) i ricercatori hanno mostrato per la prima volta dove nel mondo potrebbero crescere nuovi alberi e quanto carbonio avrebbero immagazzinato.

Jean-François Bastin, (2) autore principale e post dottorato del Crowther Lab, spiega: “abbiamo stilato un progetto in cui si è valutata l'esclusione delle città o delle aree agricole dalla lista delle zone idonee al ripristino boschivo perché sono luoghi peculiari per la vita degli esseri umani.”

I ricercatori hanno calcolato che, in base alle attuali condizioni climatiche, le aree della Terra potrebbero supportare 4,4 miliardi di ettari di copertura continua di alberi. Questa stima corrisponde a 1,6 miliardi in più rispetto ai 2,8 miliardi di ettari attualmente esistenti. Di questi 1,6 miliardi di ettari, 0,9 miliardi di ettari soddisfano il criterio di non essere usati dalle attività umane. Ciò significa che attualmente esiste un'area grande quanto gli Stati Uniti disponibile per la riforestazione. Una volta cresciute, queste nuove foreste potrebbero immagazzinare 205 miliardi di tonnellate di carbonio: circa due terzi dei 300 miliardi di tonnellate di carbonio che sono state rilasciate nell'atmosfera a causa dell'attività umana dalla rivoluzione industriale.

Il Professor Thomas Crowther, (3) coautore dello studio e fondatore del Crowther Lab all'ETH di Zurigo, spiega: “sapevamo tutti che il ripristino delle foreste potrebbe avere un ruolo nell'affrontare il cambiamento climatico, ma non sapevamo quanto fosse grande l'impatto. Il nostro studio mostra chiaramente che la riforestazione è la migliore soluzione oggi disponibile per contrastare i cambiamenti climatici, ma dobbiamo agire rapidamente perché le nuove foreste impiegheranno decenni per maturare e raggiungere il loro pieno potenziale come fonte di stoccaggio naturale del carbonio.”

Pagine