Massoneria

Attentati a Parigi: la responsabilità di Francois Hollande

Francois Hollande - Attentati Parigi - IsisL’ondata senza precedenti di attentati che ha colpito Parigi ieri sera e che avrebbe, secondo una prima relazione, provocato almeno 127 morti, è la diretta conseguenza della politica estera della Francia in Siria, volta meno al lottare contro il terrorismo salafita che a distruggere il Paese e rovesciarne il Presidente Bashar al-Assad.

Se più autori della carneficina nella sala da concerti Bataclan avrebbero detto, secondo i testimoni: “La colpa è di Hollande, del vostro presidente, che non deve intervenire in Siria“, va ricordata la vera politica francese in questo Paese dall’inizio del conflitto nel 2011.

La Repubblica francese, come rivelato dal presidente Francois Hollande in un’intervista al giornalista Xavier Panon, ha infatti fornito armi ai cosiddetti “ribelli” siriani nel 2012.

Attraverso il DGSE cannoni da 20 mm, mitragliatrici, lanciarazzi, missili anticarro sarebbero stati consegnati ai ribelli cosiddetti “moderati” in violazione dell’embargo stabilito nell’estate 2011 dall’Unione Europea. Un consulente dell’Eliseo confessa a Xavier Panon: “Sì, mettiamo a disposizione quello di cui hanno bisogno, ma entro i limiti dei nostri mezzi e sulla base della nostra valutazione della situazione. Occultamente, si può agire solo su piccola scala. Con mezzi limitati e obiettivi limitati”.

La Francia aveva anche inviato forze speciali sul campo per addestramento e supporto operativo ai terroristi.

Testimonianze: i presunti terroristi sembravano membri delle forze speciali

Obama - IsisA dare la notizia è il Corriere della Sera, che riporta i racconti di alcuni testimoni.

Ecco cosa dice il Corriere:

“«Erano bianchi, erano giovani sui 25 anni». E ancora: «Sembravano soldati delle forze speciali». A poco meno di dodici ore si hanno ancora informazioni scarne sull’identità degli attentatori di Parigi. Dalle informazioni confermate, per il momento dalla polizia, è noto che 8 di loro sono morti, 6 si sono fatti esplodere dopo aver innescato le cinture esplosive, 2 sono stati uccisi dagli agenti speciali intervenuti.

Non è escluso che anche altri siano fuggiti e che la polizia li stia cercando. In alcune testimonianze raccolte da Le Monde si parla di due auto nere, con alla guida 18-20enni, di cui una immatricolata in Belgio che sarebbe stata ritrovata. Ma si tratta di notizie che non hanno ancora trovato conferma. Così come non è confermata la notizia che sarebbe stato trovato un passaporto siriano sul corpo di uno dei kamikaze morti allo Stade de France. 'Europe 1' riferisce anche dell’identificazione di un secondo attentatore: si tratterebbe di un cittadino francese.”

Altre fonti parlano di un’auto con quattro uomini armati a bordo che pare si stia dirigendo verso Parigi, dopo aver forzato un posto di blocco.

Attentati a Parigi: nell'agosto 2014 Netanyahu avvisò la Francia

NetanyahuNon ditemi che non ve lo avevo detto che ci sarebbero stati attentati, e visto che il primo non ha avuto evidentemente effetti desiderati, c’è stato il secondo.

Guardate il video, a me pare una minaccia !

Dal mio post del 4 febbraio 2015 :

“Ad Agosto 2014, durante un intervista il presidente israeliano netanyahu minaccia il governo Francese dicendo, in breve, che se non avesse preso le distanze dalla Palestina, in quanto secondo lui responsabile di atti di terrorismo Islamici nel mondo, ce ne sarebbe stato uno (di attentato) tutto suo.

A Dicembre 2014 il governo Francese, unico in Europa dopo la Polonia, riconosce coraggiosamente ufficialmente la Palestina come Stato Sovrano.

A Gennaio 2015 avviene l’attentato.

Pagine