Anche il colosso Amica chips scappa dall'Italia

Amica chips

«Con l'imposta sui cibi considerati non sani dovrei pagare un euro per ogni chilo di prodotto: 75 mila euro al giorno. Piuttosto vendo tutto a una multinazionale e me ne vado via dall'Italia».

È quanto afferma al Giornale, Alfredo Moratti, titolare del colosso degli snack, 'Amica chips'.

«L'Italia - protesta l'imprenditore - è ormai finita, spacciata. La gente non ha più voglia di lavorare e ai pochi che ce l'hanno ci pensa Monti a farla passare».

Moratti lamenta di «non trovare gli operai: i giovani non vogliono faticare» mentre sul governo aggiunge:

11.615

AZIENDE CHIUSE

NEL 2011

Obama e il suo strano discorso sull'Olocausto

Obama e il suo strano discorso sull'OlocaustoCome sapete, il lupo cambia strategia ogni qualvolta viene beccato con le mani nel sacco, in America i Lupi “presidenti” cambiano colore e modo di esprimersi, ma fanno tutti lo stesso sbaglio su ordine dei loro padroni, voi dite.. ma i lupi non hanno padrone, questi sono lupi scimuniti, rozzi, fuori dal branco e quindi emarginati asociali, la maggior parte dei Presidenti Americani sono dei pupazzi dipinti da lupi, chi gestisce il loro branco (Governo) sono i soliti Psicopatici che da generazioni controllano tutta l’Economia mondiale, ecco perché vogliono un Nuovo Ordine Mondiale, ma siamo sicuri che ci riusciranno?

Obama ci sta tentando come hanno fatto tutti gli altri presidenti prima di lui, eccetto un paio.

Ma veniamo a quello che ha detto Obama durante la manifestazione per la ricorrenza dell’Olocausto.

“In questo come negli altri giorni, dobbiamo fare più di un pensiero e del “mai più”, non bisogna accettare questo “mai più” come una promessa nel vuoto, come individui non possiamo pensare che, quello che è stato ieri fa parte del passato, dobbiamo far crescere nel fondo dei nostri cuori quell’armonia e pace nei confronti del prossimo”.

La National Health Federation sostiene che le scie chimiche sono dannose

Stop scie chimicheChi di "noi" internauti non ha mai sentito parlare del fenomeno delle "scie chimiche"?

Pochi o nessuno, al di là che ognuno di noi lettori ci si creda o meno le voci che corrono nel web fra sostenitori della loro esistenza e non sono davvero moltissime e spesso e volentieri si può correre il rischio di perdersi nei meandri della rete cercando di sbrogliare la matassa fra voci, dicerie e fatti riscontrabili.

Il 18 Aprile 2012 però accade un fatto di fondamentale importanza, è uscito un articolo ufficiale ed è la prima volta che, attraverso il Dottore e Professore Russel L.Blaylock, un ente ufficiale si pronuncia sulle attività chimiche e sulla Geoingegneria.

Lui appartiene alla National Health Federation ed è uno stimato ricercatore e biologo nel campo delle neuroscienze. Nel suo articolo Blaylock scrive cito testualmente: "Io prego che i piloti che stanno spargendo queste sostanze pericolose comprendano appieno che stanno distruggendo la vita e la salute anche delle loro famiglie. Questo vale anche per i nostri funzionari e politici.

Una volta in cui piante, suolo e le falde saranno fortemente contaminati, non ci sarà alcun modo per invertire il danno che è stato causato. Provvedimenti devono essere presi ora per evitare un imminente disastro alla salute, di enormi proporzioni, che potrà accadere, se queste attività non saranno fermate immediatamente.

Pagine