Bruno Chastonay: tassi – debiti – sostenibilità

Bruno Chastonay: tassi – debiti – sostenibilitàIn un mondo finanziario che è cresciuto grazie all’ampia iniezione di liquidità da parte delle banche centrali, tramite acquisti di assets vari, abbiamo avuto una esplosione dei DEBITI. Livelli di debiti, sia privati che istituzionali e governativi, ai record massimi, grazie alla politica TASSI ZERO, o meglio, pure negativi.

Con i TASSI NEGATIVI si è spinta al massimo la necessità di trovare un RENDIMENTO per tutta la liquidità latente nei conti corrente, fondi pensione, fondi immobiliari, e fondi di investimento e hedge vari.

Primo obiettivo, quello di dare vigore, stimolo alla CRESCITA globale, è stato raggiunto. Il problema è che ora, dopo lunghi anni di questa politica monetaria, gli effetti di stimolo si sono ridotti enormemente, e abbiamo ora maggiori effetti collaterali, più negativi che positivi.

Grazie al ridotto costo di finanziamento, carte credito, mutui, leasing, il livello di indebitamento privato è progredito ai record massimi, fattore che combinato con l’assenza di aumento dei SALARI (se addirittura non calati), abbiamo un RISCHIO elevato per quanto riguarda la loro sostenibilità. Soprattutto dagli ultimi trimestri, cioè da quando la FED USA ha dato svolta ad un cambiamento di direzione, portando il rialzo dei tassi generalizzato. E con un POTERE di ACQUISTO in calo da molti anni, assorbito dai costi sociali, trasporti, fisco, alimentari, comunicazioni.

Rilevatori di inquinamento dell’aria per colmare la lacuna dei dati sull’Africa

ECplanet: Rilevatori di inquinamento dell’aria per colmare la lacuna dei dati sull’AfricaI paesi sub-sahariani a basso reddito sopportano un alto carico di inquinamento atmosferico, ma sono scarsamente rappresentati nelle ricerche sui suoi impatti sulla salute.

In dieci scuole elementari nella periferia di Kampala, la capitale dell’Uganda, rilevatori della qualità dell’aria da poco installati stanno raccogliendo dati sulla quantità di sostanze particellari nell’atmosfera.

Queste scuole sono parte di un progetto lanciato a febbraio per studiare come l’inquinamento atmosferico condizioni la salute dei bambini, nel tentativo di affrontare una grave lacuna di sanità pubblica dell’Africa sub-sahariana.
A livello globale, l’inquinamento atmosferico causa più vittime di qualsiasi altro rischio ambientale.

Però ci sono pochi dati sui suoi effetti sulla salute nell’Africa sub-sahariana, ed è difficile trarre insegnamenti da studi simili condotti in Europa o in Nord America, perché la maggior parte dell’inquinamento nell’Africa sub-sahariana deriva da fonti diverse – stufe interne che bruciano biomassa, come carbone e legna da ardere. Le emissioni di particelle che ne risultano, monossido di carbonio e ‘carbone nero’ “possono essere pericolosi negli ambienti chiusi e all’esterno rischiano di mischiarsi con altre fonti di inquinamento”, dice Eric Coker, che studia equità della salute globale in Uganda all’Università della California, Berkeley.

Roberto Saviano: riflessioni sul World Press Freedom Day

Roberto Saviano: riflessioni sul World Press Freedom DayNel giorno del World Press Freedom Day l'intervento dello scrittore: "Giornalisti muoiono o vengono arrestati solo perché hanno scritto, non perché hanno insultato o diffamato, ma perché hanno raccontato, ipotizzato, scovato connessioni. Loro non credono che insultare sui social sia libertà, per loro libertà è poter raccontare ciò che vedono e per farlo rischiano la vita"

Celebriamo il World Press Freedom Day, la giornata internazionale della libertà di stampa patrocinata dall'Unesco, ringraziando chi rischia la propria vita per donarci conoscenza.

Ne tempo in cui conoscere significa appartenere a élite da abbattere, sembra quasi che chi fa informazione muoia per niente. Sembra che il lavoro di chi rischia la vita per raccontare ciò che accade realmente, sia costantemente messo in secondo piano da chi crede che i social media siano produttori di notizie e non luoghi in cui l'unica cosa che è davvero possibile condividere sono stati d'animo e poco più. Ogni volta che dite "è vero perché l'ho letto su Facebook" state condannando voi stessi alla cecità e i giornalisti che rischiano la vita all'isolamento.

Basta commentare l'ultimo tweet del Papa, del politico, dell'attore, del giornalista che amiamo o detestiamo per avere l'illusione che non esistano più barriere tra noi e quelli che ormai, con tutto il disprezzo che abbiamo in corpo, ci siamo abituati a chiamare “i potenti del mondo”. Vogliamo abbattere le caste, eliminare le disuguaglianze, valere quanto gli altri, ma solo sui social, dove provarci non costa nulla.

Pagine